Elezioni regionali 2020
21 Settembre 2020
15:25

Elezioni Regionali Marche 2020: candidati e come si vota

Elezioni regionali nelle Marche: chiuse le urne di questo secondo giorno di voto. Alle 25 di oggi 21 settembre, i seggi sono stati chiusi e sono iniziate le operazioni si spoglio. Diffusi già i primi exit poll mentre per i risultati definitivi su chi vincerà si dovrà attendere la fine dello scrutinio. I favoriti per la carica di Presidente della Regione sono Mangialardi per il centrosinistra e Acquaroli per il centrodestra. Vediamo cosa dicono i primi exit poll e quando arriveranno i risultati definitivi.
A cura di Redazione
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni regionali 2020

Si è votato fino alle 15 di oggi, lunedì 21 settembre, orario in cui sono stati chiusi i seggi per le elezioni regionali nelle Marche. I marchigiani, come per le altre regionali italiane, hanno votato per eleggere il nuovo Presidente della Regione e per rinnovare il consiglio regionale oltre che per le elezioni comunali e per esprimere il loro voto sul taglio dei parlamentari per questo referendum 2020. Alle 15 sono iniziate le operazioni di scrutinio e sono stati resi noti i primi exit poll di questa tornata elettorale marchigiana. Le proiezioni saranno disponili tra circa un'ora. Tra gli otto candidati, i favoriti alla carica di governatore della regione sono Maurizio Mangialardi, candidato del centrosinista, e il meloniano Francesco Acquaroli, candidato del centrodestra. La piattaforma Eligendo del Ministero dell'Interno ha diffuso anche i dati circa l'affluenza di ieri domenica 20 settembre: alle 19 avevano votato il 33% degli elettori mentre alle 23 il 42,4%.

Ecco tutte le informazioni per le regionali Marche 2020, fino a che ora si è votato oggi, chi sono i candidati, quando arrivano gli exit poll e i risultati.

Quando arrivano gli exit poll e i risultati delle elezioni Marche

A partire dalle 15 di oggi, ossia alla chiusura dei seggi, si inizieranno le operazioni di spoglio che si concentreranno prima sulle schede elettorali referendarie e poi su quelle regionali. Se per i risultati definitivi sarà necessario, dunque, aspettare qualche ora, dalle 15 però sono stati diffusi i primi exit poll e, tra circa un'ora, si avranno le prime proiezioni. L'esito è più incerto rispetto all'appuntamento elettorale in altre regioni al voto: secondo l'ultima rilevazione, il candidato del centrodestra Francesco Acquaroli è al 48,7% dei consensi, seguito dal candidato del centrosinistra Maurizio Mangialardi al 36,5% e dal candidato del Movimento 5 Stelle Gian Mario Mercorelli all'11,3%.

L'affluenza alle ore 23 di domenica 20 settembre per le elezioni regionali nelle Marche

Il 42,4% degli aventi diritto si sono recati alle urne per esprimere la propria preferenza alle regionali nelle Marche, così come comunicato dal Ministero dell'Interno alle 23 di domenica 20 settembre. Alle 19 l'affluenza era del 33%, alle ore 12 avevano votato il 13,4% degli aventi diritto. L'affluenza definitiva alle ultime regionali nelle Marche, svoltesi nel 2015, fu del 49,8%.

Fino a che ora si vota oggi nelle Marche

Come per le altre elezioni regionali, anche nelle Marche le consultazioni elettorali si sono svolte ieri, domenica 20 e oggi lunedì 21 settembre 2020. Si è votato dalle 7 alle 23 di ieri e fino alle 15 di oggi lunedì 21 settembre, dopodichè si procederà con lo spoglio delle schede elettorali.

Come si vota alle elezioni nelle Marche: la legge elettorale

La legge elettorale che regola il voto alle regionali nelle Marche è del 2015, e prevede un unico turno senza possibilità di ballottaggio. Viene eletto governatore il candidato che ottiene anche un solo punto in più rispetto ai suoi sfidanti. La legge elettorale del 2015 ha ridotto da 42 a 30 il numero dei seggi in consiglio regionale. Ogni circoscrizione elegge un numero variabile di candidati (9 ad Ancona, 7 a Pesaro, 6 a Macerata, 4 rispettivamente ad Ascoli e a Fermo). Il premio di maggioranza consta di 16 seggi se il vincitore ottiene una percentuale di voto dal 34 al 37%; i seggi diventano 17 qualora il consenso sia tra il 37 e il 40% e 18 se il vincitore ottiene più del 40% dei voti. Nelle Marche è prevista una soglia di sbarramento del 5% oppure del 3% se la coalizione ha raggiunto tale dato in media in tutta la regione; non è previsto il voto disgiunto.

Le Marche hanno 5 circoscrizioni elettorali, ognuna delle quali avrà una schede elettorale. Ecco i fac simile per Ancona, per il collegio di Ascoli Piceno, per Fermo, per Macerata ed per Pesaro ed Urbino.

Regionali Marche 2020, candidati e liste

Per questa tornata elettorale, sono otto i candidati in lizza per la carica di Governatore e 18 liste: 6 per i due candidati principali e una sola per gli altri:

  • Francesco Acquaroli (Lega, Fratelli d'Italia, Unione di Centro, Forza Italia, Civici, Movimento per le Marche)
  • Sabrina Banzato (Vox Italia)
  • Alessandra Contigiani (Riconquistare l'Italia)
  • Roberto Mancini (Dipende da noi)
  • Maurizio Mangialardi (Partito Democratico, Italia Viva – PSI – Demos – Civici Marche, Rinasci Marche, Le nostre Marche e il Centro, Mangialardi Presidente, Marche Coraggiose)
  • Gian Mario Mercorelli (Movimento 5 Stelle)
  • Fabio Pasquinelli (Partito Comunista)
  • Anna Rita Iannetti (Movimento 3V)

Quando arrivano i risultati delle elezioni Marche

I risultati delle elezioni regionali nelle Marche si sapranno solo alla fine delle operazioni di scrutinio. Dopo la chiusura dei seggi, che avverrà lunedì 21 alle 15, si svolgerà prima lo spoglio per il referendum e poi quello per le regionali. L'esito è più incerto rispetto all'appuntamento elettorale in altre regioni al voto: secondo l'ultima rilevazione, il candidato del centrodestra Francesco Acquaroli è al 48,7% dei consensi, seguito dal candidato del centrosinistra Maurizio Mangialardi al 36,5% e dal candidato del Movimento 5 Stelle Gian Mario Mercorelli all'11,3%.

61 contenuti su questa storia
Regionali Puglia, Calenda: “Errore sostenere Scalfarotto, dovevamo fare di più con candidato forte”
Regionali Puglia, Calenda: “Errore sostenere Scalfarotto, dovevamo fare di più con candidato forte”
Regionali Valle d'Aosta, delusione per Salvini: Lega primo partito ma va verso l'opposizione
Regionali Valle d'Aosta, delusione per Salvini: Lega primo partito ma va verso l'opposizione
L'attivista Iacopo Melio è campione di preferenze nel collegio di Firenze città
L'attivista Iacopo Melio è campione di preferenze nel collegio di Firenze città
Ballottaggio Comunali 2021
TORINO
ROMA
TRIESTE
sezioni su 919
Immagine
59.23%
S. Lo Russo
Immagine
40.77%
P. Damilano
sezioni su 2603
Immagine
60.15%
R. Gualtieri
Immagine
39.85%
E. Michetti
Definitivi
Immagine
51.3%
R. Dipiazza
Immagine
48.7%
F. Russo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni