• Hai nuove notifiche!
Appalti Covid, dopo i video di Fanpage.it, indagato presidente Soresa: sequestrato il computer
Terremoto a Ottaviano, scossa di magnitudo 2.2 nella zona del Vesuvio
Incidente a Sala Consilina, un morto e tre feriti nello scontro tra un'auto e un furgone
Carabiniere picchiato dal branco a Castellammare, un testimone: "Tra gli aggressori anche minorenni"
Coronavirus Campania: contagi e morti oggi 2 agosto, bollettino ufficiale
Il video dell'aggressione al carabiniere. Investito da scooter, colpito con sedie e caschi
Inchiesta sugli appalti Covid, Ciarambino (M5S): "L'Asl di Napoli va commissariata"
Maltempo in Campania, grandinata distrugge campi coltivati tra Irpinia e Sannio
Vasto incendio a Polla, brucia un impianto di stoccaggio dei rifiuti
Carabiniere massacrato dal branco a Castellammare, era intervenuto per sedare una rissa
Claudia, sparita e ritrovata, ora è in coma farmacologico. La famiglia: "Pregate per lei"
Inchiesta ospedali Covid, carabinieri negli uffici Soresa dopo i video di Fanpage.it
Scout di 17 anni muore in Costiera Amalfitana. Ipotesi: malore causato dal forte caldo
Carabiniere investito e massacrato di botte, 4 persone fermate: sono quelli nel video
I napoletani non hanno bisogno di una Giornata dell'orgoglio partenopeo
Noi figli di Eduardo e Massimo Troisi abbiamo trovato il nostro equilibrio tra la contentezza dell'essere partenopei, l'ironia e la spietata critica sullo stato di cose della città. Dunque non venite a propinarci una "giornata dell'orgoglio". E se la politica locale vuole davvero far qualcosa per renderci orgogliosi di questa residenza sotto al Vesuvio si occupi di solo due cose: alzare i rifiuti da terra, far passare puntuali bus e metropolitane.
Discarica di Chiaiano, riapre il processo: è la storia più inquietante dell'emergenza rifuti
Riapre il processo Carandente Tartaglia, imputato di associazione camorristica. Salvata la testimonianza del teste morto durante le indagini: voleva truffare Fibe-Fisia vendendo la cava di Chiaiano, zona Nord di Napoli a prezzo maggiorato, fu costretto a cedere l'affare alla camorra dei Casalesi