22 settembre 20:17 Liguria, gli eletti nel consiglio regionale

Saranno 18 i consiglieri regionali che comporranno la maggioranza di centrodestra a sostegno di Giovanni Toti appena riconfermato alla presidenza della Liguria. All'opposizione vengono assegnati 11 seggi. La lista ‘Cambiamo con Toti presidente' è quella che ne ottiene il maggior numero riuscendo a piazzare 8 consiglieri, seguita dalla Lega e dal Pd che ne schierano 6 ciascuno. Fratelli d'Italia potrà contare su 3 persone nella nuova assemblea legislativa, 2 seggi per il Movimento 5 Stelle e per la lista ‘Ferruccio Sansa Presidente' (che esprime anche il candidato sconfitto, Ferruccio Sansa, eletto di diritto), solo uno per Forza Italia e Linea Condivisa, lista civica nell'ambito della coalizione giallorossa.

I più votati in assoluto appartengono entrambi alla lista ‘arancione' di Giovanni Toti e sono Marco Scajola, eletto a Imperia con 7.786 preferenze, e Ilaria Cavo che ha raccolto 7.587 voti a Genova, entrambi assessori uscenti della giunta e in odore di riconferma.

Dello stesso gruppo faranno parte Lilli Lauro eletta al secondo mandato, il commercialista rapallese Domenico Cianci e il consigliere comunale Stefano Anzalone (eletti a Genova rispettivamente con 4.921, 4.564, e 2.620 voti); Angelo Vaccarezza riconfermato a con 4.570 preferenze e Stefano Bozzano, sindaco di Varazze, con 3.083, entrambi nella circoscrizione di Savona; l'assessore uscente Giacomo Giampedrone alla Spezia con 4.211 voti. La Lega elegge a Genova Alessio Piana, presidente del Consiglio comunale (2.821 voti) e Sandro Garibaldi, ex vicesindaco di Chiavari (2.640).

A Imperia c'è Alessandro Piana, già presidente del Consiglio regionale (3.327). Nel Savonese la spuntano Brunello Brunetto, primario dell'ospedale San Paolo (3.733) e Stefano Mai, assessore uscente (3.254). Dalla Spezia arriva Gianmarco Medusei, assessore comunale (4.573). Per Fratelli d'Italia entrano in Consiglio l'ex vicesindaco di Genova Stefano Balleari forte di 2.899 preferenze, il sanremese Gianni Berrino, altro assessore della prima giunta Toti (3.720), e il consigliere comunale spezzino Sauro Manucci (1.179). Forza Italia schiera solamente Claudio Muzio, al secondo mandato grazie a 3.803 preferenze nel collegio di Genova.

Nel Partito Democratico il più votato è Armando Sanna, sindaco di Sant'Olcese nell'entroterra di Genova, che conquista 6.258 schede. Nella stessa circoscrizione entrano per la seconda volta Luca Garibaldi (4.468) e per la terza Sergio Rossetti (3.401). Eletti il sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano (4.357), quello di Bergeggi Roberto Arboscello (3.578) e l'ex direttore del parco delle Cinque Terre Davide Natale (3.361). La lista civica di Ferruccio Sansa riesce a piazzare la ricercatrice genovese Selena Candia (1.349 voti) e il consigliere comunale spezzino Roberto Centi (1.967). I consiglieri del Movimento 5 Stelle saranno il rapallese Fabio Tosi, al secondo mandato con 1.161 voti, e l'informatico Paolo Ugolini che la spunta alla Spezia con sole 344 preferenze. Riconfermato infine Gianni Pastorino, ex sindacalista della Cgil, unica pedina di Linea Condivisa, scelto da 2.802 elettori.

22 settembre 19:18 Elezioni regionali, Lega primo partito in Valle d’Aosta

La Lega è il primo partito in Valle d'Aosta con il 23,9% ma è molto difficile che riesca a formare una maggioranza per governare la regione alpina. Su 12 liste presenti alle Regionali, solo sei hanno superato il quorum. Bene i progressisti, con il 15,2%, che si candidano a sostenere una maggioranza con le forze autonomiste, a partire dall'Union valdotaine (15,8%). Entra in Consiglio Valle anche Pour l'Autonomie), lista costituita dall'ex presidente della Regione Augusto Rollandin, ‘sospeso' fino a novembre in base alla legge Severino a seguito di una condanna per corruzione. Resta fuori per una manciata di voti la lista del centrodestra (Forza Italia e Fratelli d'Italia) che si ferma al 5,6%. Niente quorum anche per il Movimento 5 stelle.

22 settembre 18:14 Puglia, gli eletti nel consiglio regionale

Ecco i nomi degli eletti per il nuovo Consiglio regionale pugliese: sul sito del ministero dell'Interno sono stati pubblicati i nomi degli eletti, anche se il dato potrebbe subire qualche modifica in base ad eventuali rinunce (ad esempio quella di Raffaele Fitto) e ricalcoli. Si tratta in tutto di 51 consiglieri:

Nella circoscrizione di Bari scattano sei seggi per il centrosinistra: Francesco Paolicelli, Anita Maurodinoia, Lucia Parchitelli e Domenico De Santis per il Pd; Pierluigi Lopalco (Con) e Gianni Stea (Popolari con Emiliano). Quattro per il centrodestra: Ignazio Zullo (Fratelli di Italia), Davide Bellomo (Lega) Stefano Lacatena (Forza Italia) e Saverio Tammacco (La Puglia Domani). Per i Cinque Stelle il seggio va ad Antonella Laricchia.

A Foggia cinque seggi alla coalizione di centrosinistra: Raffaele Piemontese, Paolo Francesco Campo, Teresa Cicolella del Pd; Antonio Tutolo (Con), Sergio Clemente (Popolari con Emiliano). Quattro al centrodestra: Giannicola De Leonardis (Fratelli di Italia) Joseph Splendido (Lega) Paolo Soccorso Dellerba (La Puglia domani), Giandiego Gatta (Forza Italia); uno ai Cinque Stelle: Rosa Barone.

Nella Bat, tre al centrosinistra: Filippo Caracciolo, Debora Ciliento entrambi del Pd e Giuseppe Tupputi (Con; uno al centrodestra, Francesco Ventola (Fratelli di Italia) e uno ai Cinque stelle, Grazia Di Bari.

A Taranto quattro al centrosinistra: Donato Pentassuglia, Enzo Di Gregorio del Pd, Massimiliano Stellano (Popolari con Emiliano), Gianfranco Lopane (Con); tre al centrodestra: Renato Perrini (Fratelli di Italia), Giacomo Conserva (Lega), Vito De Palma (Forza Italia) e uno ai Cinque Stelle, Marco Galante.

In provincia di Lecce cinque al centrosinistra e sono: Donato Metallo, Loredana Capone, Sergio Blasi per il Pd, Alessandro Dellinoci (Con) Sebastiano Leo (Popolari con Emiliano); quattro al centrodestra: Antonio Maria Gabellone (Fratelli di Italia), Gianni De Blasi (Lega), Paolo Pagliaro (La Puglia domani) e Paride Mazzotta (Forza Italia); uno ai Cinque Stelle, Cristian Casili.

Infine a Brindisi, quattro al centrosinistra: Fabiano Amati, Maurizio Bruno del Pd, Mauro Vizzino (Popolari con Emiliano), Antonio Leoci (Con Emiliano) e uno del centrodestra: Luigi Caroli di Fratelli di Italia.

22 settembre 17:29 Veneto, gli eletti nel consiglio regionale

La prossima Assemblea Regionale Veneto sarà più ‘rosa': il numero delle donne elette in consiglio regionale passa da 10 ad almeno 17. Tra le particolarità del voto in Veneto sottolineate oggi dal prof. Paolo Feltrin, dell'Osservatorio elettorale del Consiglio Regionale, c'è il fatto che circa il 20% degli elettori ha votato esclusivamente il candidato presidente. A guadagnare al momento il maggior numero di consensi (11.603) è l'ex assessore Roberto Marcato della lista Lega Salvini, seguito da Stefano Valdegamberi (11.251) della lista Zaia Presidente. Verso la riconferma gran parte della giunta Zaia: da Gianpaolo Bottacin a Cristiano Corazzari, da Federico Caner a Elisa De Berti. L'unica incertezza riguarda l'ex assessore Giuseppe Pan, primo dei non eletti a Padova alle spalle di Marcato.

LISTA ZAIA
Luca Zaia 76,8%
Bottacin Gianpaolo E. BL  9.078
Cestaro Silvia BL  1.490
Boron Fabrizio PD  6.558
Sandonà Luciano PD  6.005
Cavinato Elisa PD  4.355
Centenaro Giulio PD  4.135
Bisaglia Simona RO  890
Brescacin Sonia TV  8.833
Bet Roberto TV  8.484
Villanova Alberto TV  8.351
Rizzotto Silvia TV  7.309
Gerolimetto Nazzareno TV  4.901
Calzavara Francesco VE  4.586
Barbisan Fabiano VE  3.692
Michieletto Gabriele VE  3.221
Scatto Francesca VE  2.056
Vianello Roberta VE  1.436
Valdegamberi Stefano VR  11.251
Rigo Filippo VR  4.517
Rando Filippo VR  2.840
Ciambetti Roberto VI  9.951
Zecchinato Marco VI  4.326
Giacomin Stefano VI  2.877
Maino Silvia VI  2.774
I primi dei non eletti
Puppato Giovanni BL  1.110
Luciani Alain  PD  2.321
Giordani Monica  RO  853
Busolin Stefano TV  4.900
Zebellin Flavio  VE  1.263
Guadagnini Elena  VR  2.780
Tisato Ilenia VI  2.099

LEGA NORD

Marcato Roberto PD  11.603
Corazzari Cristiano RO  5.560
Caner Federico TV  5.156
Favero Marzio TV  3.315
Dolfin Marco VE  3.107
De Berti Elisa VR F 4.769
Corsi Enrico VR  3.778
Lanzarin Manuela VI  10.370
Finco Nicola Ignazio VI  8.939
I primi dei non eletti
Pan Giuseppe  PD  5.033
Cestari Laura RO  920
Possamai Giampiero TV  2.802
Gna Gian Franco VE  2.545
Cecchetto Milena  VI  4.645

FRATELLI D'ITALIA
Speranzon Raffaele VE  4.270
Soranzo Enoch PD  5.839
Razzolini Tommaso TV  4.073
Speranzon Raffaele VE  4.270
Polato Daniele VR  10.783
Donazzan Elena VI  10.744
I primi dei non eletti
Gardini Elisabetta PD  3.134
Crea Pasquale  TV  2.288
Pavanetto Lucas  VE  2.808
Casali Stefano  VR  7.989
Formaggio Joe VI  7.867

FORZA ITALIA
Venturini Elisa PD  6.507
Bozza Alberto VR  3.569
I primi dei non eletti
Patron Mirko  PD  4.218
Melotti Claudio VR 3.023

LISTA VENETA AUTONOMIA
Piccinini Tomas VR  3.408
I primi dei non eletti
Negro Giovanna VR  2.688

PARTITO DEMOCRATICO
Arturo Lorenzoni 15,7%
Camani Vanessa PD  6.133
Zanoni Andrea TV  6.416
Zottis Francesca VE  3.769
Montanariello Jonatan VE  1.849
Bigon Anna Maria VR  7.471
Possamai Giacomo VI M11.515
I primi dei non eletti
Bisato Luigi  PD  4.989
Scarpa Rachele TV  4.705
Bolzoni Gabriele  VE  1.779
Allegri Giandomenico  VR  4.528
Luisetto Chiara  VI  8.989

IL VENETO CHE VOGLIAMO
Ostanel Elena PD  4.459
I primi dei non eletti
Miazzi Francesco  PD  2.763

EUROPA VERDE
Guarda Cristina VI  2.536
I primi dei non eletti
Masolo Renzo  VI  1.317

22 settembre 13:06 Elezioni regionali, Le Pen esulta per Salvini: “Ha conquistato le Marche, feudo della sinistra”

Marine Le Pen, leader del Rassemblement National, festeggia per il risultato delle elezioni regionali italiane e, in particolare, per quanto successo nelle Marche. Le Pen ribadisce il suo sostegno al leader leghista, Matteo Salvini: “La Lega di Matteo Salvini ha conquistato le Marche, storico baluardo della sinistra, e ha aumentato notevolmente i suoi voti nelle roccaforti del Pd alle elezioni regionali italiane”. Per Le Pen “siamo lontani dalla delusione martellata dai media”.

22 settembre 12:12 Regionali Puglia, l’epidemiologo Lopalco sarà il prossimo assessore alla Sanità

Il Prof. Pier Luigi Lopalco
in foto: Il Prof. Pier Luigi Lopalco

Pier Luigi Lopalco, epidemiologo scelto come responsabile del coordinamento regionale durante l’emergenza Covid, sarà il prossimo assessore alla Sanità della Regione Puglia. Ad annunciarlo è Michele Emiliano, appena confermato presidente dopo le elezioni regionali del 20 e 21 settembre. Lopalco è stato candidato nella lista ‘Con Emiliano’, raccogliendo quasi 15mila preferenze e risultando così il più votato della lista nella circoscrizione di Bari.

22 settembre 11:50 Elezioni regionali, Salvini: “Lega primo partito, siamo passati da 43 a 70 consiglieri”

Il leader della Lega, Matteo Salvini, esulta per i risultati alle elezioni regionali del suo partito: “Se i voti contano gli elettori stanno dicendo che la Lega è divenuto il primo partito e il Pd segue da parecchio lontano”. Il leader del Carroccio si sofferma poi sui consiglieri regionali eletti: “Aspettiamo il dato della Val d'Aosta, fino a ieri però la Lega aveva 43 consiglieri regionali da oggi dovrebbe averne 70. Mia figlia fa la terza elementare ma sa che 70 è più grosso di 43 quindi diciamo che il percorso continua”. Poi Salvini si rivolge anche al governo: “Io spero che da oggi il governo, a elezioni chiuse, torni ad ascoltarci. Rappresentiamo tre quarti delle Regioni italiane, la maggioranza di questo Paese”.

22 settembre 08:53 Il Pd tiene alle elezioni regionali e si rivolge al M5s: “Ora cambiamo decreti sicurezza”

Il Pd ora chiede un cambio di passo. Dopo i risultati delle elezioni regionali gli esponenti di spicco del Pd chiedono riforme e chiedono che il governo ora dia un’accelerazione anche sulla modifica del decreto sicurezza. Il segretario dem, Nicola Zingaretti, rivendica: “Dopo due anni di lavoro dalla sconfitta del 2018 a oggi è cambiato tutto. La priorità assoluta è dare seguito agli investimenti che abbiamo ottenuto grazie alla battaglia europea”. Per Zingaretti “il Pd si è confermato il pilastro fondamentale delle alternative alle destre”. Rinviata, invece, la discussione su un eventuale rimpasto e su un cambio di uomini, su cui il segretario non fornisce chiarimenti.

Il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, si rivolge agli alleati di governo: “Credo sia necessario che tra i nostri alleati maturi una riflessione su quella che è la partita in campo oggi nel Paese. Dovranno fare la loro scelta di campo, intendo il M5s ma anche Italia Viva”. E modifiche vengono chieste soprattutto sui decreti sicurezza: “Abbiamo perso pure troppo tempo”, afferma il ministro.

22 settembre 08:06 Elezioni regionali, la sfida tra centrodestra e centrodestra finisce pari: i risultati definitivi

Alla fine è stato un 3 a 3. Alle elezioni regionali il centrodestra conferma la presidenza della Regione Veneto e della Liguria, conquistando inoltre le Marche. Il centrosinistra si conferma in Campania, Puglia e Toscana. Vincendo le due sfide più attese e, secondo i pronostici, più in bilico, grazie all’elezione di Michele Emiliano in Puglia e di Eugenio Giani in Toscana. In Campania stravince Vincenzo De Luca, così come si affermano nettamente Luca Zaia in Veneto e Giovanni Toti in Liguria. La novità è la vittoria di Francesco Acquaroli, deputato di Fratelli d’Italia, nelle Marche: Regione strappata al centrosinistra. Andiamo a vedere quali sono i risultati praticamente definitivi (mancano pochissime sezioni per concludere lo spoglio) Regione per Regione, considerando sia i voti dei candidati presidenti che quelli delle liste.

In Campania stravince De Luca

Affluenza 51,93%

Candidati presidente:

Vincenzo De Luca (centrosinistra) 69,60%

Stefano Caldoro (centrodestra) 17,85%

Valeria Ciarambino (M5s) 10,01%

Giuliano Granato (Potere al popolo) 1,21%

I voti di lista:

Pd 17,1%

De Luca presidente 13,2%

M5s 10%

Italia Viva 7,4%

Fdi 5,9%

Lega 5,5%

Fi 5,1%

In Liguria conferma per Toti

Affluenza 50,68%

Candidati presidente:

Giovanni Toti (centrodestra) 56,1%

Ferruccio Sansa (Pd-M5s) 38,9%

Aristide Massardo (Iv) 2,4%

I voti di lista:

Cambiamo per Toti 22,6%

Pd 19,9%

Lega 17,1%

Fdi 10,9%

M5s 7,8%

Lista Ferruccio Sansa presidente 7,1%

Fi 5,2%

Il centrodestra strappa le Marche al centrosinistra

Affluenza 59,7%

Candidati presidente:

Francesco Acquaroli (centrodestra) 49,1%

Maurizio Mangialardi (centrosinistra) 37,3%

Gian Mario Mercorelli (M5s) 8,6%

I voti di lista:

Pd 25,1%

Lega 22,4%

Fdi 18,7%

M5s 7,1%

Fi 5,9%

Iv 3,2%

In Puglia Emiliano batte Fitto

Affluenza 51,19%

Candidati presidente:

Michele Emiliano (centrosinistra) 46,9%

Raffaele Fitto (centrodestra) 38,9%

Antonella Laricchia (M5s) 11,1%

Ivan Scalfarotto (Iv) 1,6%

I voti di lista:

Pd 17,3%

Fdi 12,6%

M5s 9,8%

Lega 9,6%

Fi 8,9%

Con Emiliano 6,6%

Italia Viva 1,1%

Il centrosinistra regge in Toscana: vince Giani

Affluenza 62,6%

Candidati presidente:

Eugenio Giani (centrosinistra) 48,6%

Susanna Ceccardi (centrodestra) 40,4%

Irene Galletti (M5s) 6,4%

I voti di lista:

Pd 34,7%

Lega 21,8%

Fdi 13,5%

M5s 7%

Iv-PiùEuropa 4,5%

Fi 4,3%

In Veneto plebiscito per Zaia e la sua lista

Affluenza 57,27%

Candidati presidente:

Luca Zaia (centrodestra) 76,8%

Arturo Lorenzoni (centrosinistra) 15,7%

Enrico Cappelletti (M5s) 3,2%

Daniela Sbrollini (Iv) 0,6%

I voti di lista:

Zaia presidente 44,6%

Lega 16,9%

Pd 11,9%

Fdi 9,5%

Fi 3,6%

M5s 2,7%.

21 settembre 23:00 Vittoria di Zaia in Veneto: “Competizione con Salvini? Ce n’è zero”

"La lista Zaia non è soggetto politico. Ad ogni elezione si fa il confronto tra la Lega e la lista Zaia, ma sono voti dei veneti per il Veneto. Competizione con Salvini ce n'è zero". E' quanto ha affermato Luca Zaia, appena rieletto a presidente del Veneto con oltre il 75% dei voti, a Porta a Porta.

21 settembre 21:26 Emiliano vince in Puglia: centrosinistra resta alla guida della Regione

Michele Emiliano vince le elezioni regionali in Puglia e si conferma alla guida della Regione. Il candidato del centrosinistra ottiene il 46,26% contro il 39,30% dello sfidante del centrodestra, Raffaele Fitto. La partita è rimasta aperta fino all'ultimo, con i primi exit poll che davano i due candidati in perfetta parità.

21 settembre 21:19 La Toscana resta al centrosinistra: Giani vince contro Ceccardi

Eugenio Giani vince le elezioni regionali in Toscana con il 48,95% contro il 40,05% della sfidante del centrodestra, Susanna Ceccardi. La Regione, storicamente amministrata dalla sinistra, non passa quindi sotto l’amministrazione del centrodestra.

21 settembre 20:57 Salvini: “Non temo Zaia, nessuna competizione interna”

"Che Zaia sia uno dei governatori più amati è un motivo di vanto. Non temo e non soffro nessuna competizione interna, la mia competizione é con il Pd", ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, commentando il risultato delle elezioni regionali in Veneto. Da parte sua il governatore veneto, parlando dopo la vittoria ha detto: "Qualcuno chiederà adesso qual è il mio obiettivo: l'obiettivo è uno, l"autonomia".

21 settembre 20:26 Il centrodestra di Acquaroli vince le elezioni nelle Marche

Francesco Acquaroli, di Fratelli d'Italia, vince le elezioni regionali nelle Marche. Il candidato del centrodestra vince con una percentuale superiore al 46%. Mentre il candidato del centrosinistra, Maurizio Mangialardi, si ferma attorno al 38%. Il dato definitivo sull’affluenza è del 59,7%: nel 2015, alle ultime elezioni, era stata del 49,78%.

"Un'altra roccaforte della sinistra sarà amministrata dal centrodestra. Da Nord a Sud, Fratelli d'Italia è l'unico partito che cresce in tutte le Regioni al voto", commenta la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

21 settembre 20:18 De Luca vince in Campania e rimane alla guida della Regione

Vincenzo De Luca rimane alla guida della Regione Campania con il 67,3% delle preferenze. Stacca nettamente, quindi, il principale sfidante, Stefano Caldoro, candidato del centrodestra, che rimane sotto il 20%. L'affluenza per le elezioni regionali in Campania è stata pari al 55,53%, un dato superiore a quanto registrato nell'ultimo voto regionale (51,93%). La candidata del Movimento Cinque Stelle, Valeria Ciarambino, si ferma attorno al 10%.

21 settembre 19:54 La Liguria riconferma Toti alla presidenza della Regione

La Liguria riconferma il governatore uscente della Regione Liguria, Giovanni Toti. Che ottiene oltre il 50% delle preferenze, posizionandosi davanti al candidato del centrosinistra, Ferruccio Sansa, con oltre 10 punti distanza. "Una vittoria per il centrodestra molto chiara, una bocciatura per la coalizione giallorossa", ha commentato Toti.

21 settembre 19:41 Zaia vince le elezioni in Veneto con più del 75%

Luca Zaia vince le elezioni regionali in Veneto con un risultato schiacciante, oltre il 75%. Precisamente, il governatore uscente si conferma alla presidenza della Regione con il 76,05%. Zaia pone un divario nettissimo con il principale sfidante, il candidato del centrosinistra Arturo Lorenzoni. Il candidato in corsa con il Movimento Cinque Stelle, Enrico Cappelletti, si ferma invece al 3,13%.

21 settembre 19:14 Centrosinistra in testa in Puglia e Toscana: le ultime proiezioni sui risultati delle regionali

Si avvia all'ultimazione lo spoglio delle schede elettorali ed emergono nuovi dati sulla base dei dati di scrutinio. Ecco il quadro che emerge dalle ultime proiezioni sui risultati delle elezioni regionali: vediamoli, Regione per Regione.

Veneto
Luca Zaia (Centrodestra): 75,9%
Arturo Lorenzoni (Centrosinistra): 15,6%
Enrico Cappelletti (M5s): 4,2%

Liguria
Giovanni Toti (Centrodestra): 54,9%
Ferruccio Sansa (Centrosinistra) 38,2%
Aristide Massardo (Italia Viva): 3,6%

Toscana
Eugenio Giani (Centrosinistra): 48%
Susanna Ceccardi (Centrodestra): 40,7%
Irene Galletti (M5S): 6,7%
Tommaso Fattori (Civica): 2,2%

Marche
Francesco Acquaroli (Centrodestra): 49,6%
Maurizio Mangialardi (Centrosinistra): 35,9%
Gian Mario Mercorelli (M5s): 9,4%

Campania
Vincenzo De Luca (Centrosinistra): 64,9 %
Stefano Caldoro (Centrodestra): 20,2%
Valeria Ciarambino (M5s): 12%

Puglia
Raffaele Fitto (Centrodestra): 38%
Michele Emiliano (Centrosinistra): 46,8%
Antonella Laricchia (M5s): 10,7%
Ivan Scalfarotto (Italia Viva): 2,3%

21 settembre 18:37 Le proiezioni sui risultati delle elezioni regionali, Regione per Regione

Arrivano nuove proiezioni sui risultati delle elezioni regionali. Dati che confermano il vantaggio del centrodestra in Veneto, Liguria e nelle Marche da un lato, e del centrosinistra in Toscana, Puglia e Campania. Mentre dai primi exit poll sia in Toscana che in Puglia la situazione appariva come un testa a testa, dalle seguenti proiezioni la situazione si è vista ribaltare in favore dei candidati del centrosinistra. Vediamo però Regione per Regione cosa dicono le proiezioni sui risultati per le regionali.

Veneto: 

Luca Zaia (centrodestra): 74,2%
Arturo Lorenzoni (centrosinistra): 16%

Liguria
Giovanni Toti (centrodestra): 54,2%
Ferruccio Sansa (centrosinistra): 37,7%

Toscana
Eugenio Giani (centrosinistra): 47,7%
Susanna Ceccardi (centrodestra): 41,2%.

Puglia
Michele Emiliano (centrosinistra):46,8%
Raffaele Fitto (centrodestra) 38%

Marche
Francesco Acquaroli (centrodestra): 48,4%
Maurizio Mangialardi (centrosinistra): 36%

Campania
Vincenzo De Luca (centrosinistra): 64%
Stefano Caldoro (centrodestra): 22%

21 settembre 18:27 Zingaretti: “Se M5s ci avesse dato retta, avremmo vinto in quasi tutte le Regioni”

 

"Se i nostri alleati ci avessero dato retta un po' di più, l'alleanza di governo avrebbe vinto quasi tutte le Regioni italiane", afferma il leader del Partito democratico, Nicola Zingaretti, commentando i primi dati sulle elezioni regionali. Il segretario dem si dice però "molto soddisfatto" dai numeri che stanno emergendo sul referendum costituzionale.

21 settembre 17:41 Le prime proiezioni sulle regionali in Campania: netto vantaggio di De Luca al 66,8%

Dalle prime proiezioni sul risultato delle elezioni regionali in Campania, candidato del centrosinistra, Vincenzo De Luca, risulta in netto vantaggio. Infatti, mentre il governatore uscente è dato al 66,8%, il suo principali sfidante, Stefano Caldoro in corsa per il centrodestra, si ferma al 19,20%. Infine, la candidata del Movimento Cinque Stelle, Valeria Ciarambino, è al 10,6%.

21 settembre 17:36 Elezioni regionali nelle Marche, prime proiezioni: il centrodestra davanti di 14 punti

Arrivano anche le prime proiezioni per quanto riguarda il risultato delle elezioni regionali nelle Marche, dove il centrodestra risulta davanti al centrosinistra di circa 14 punti. Infatti Francesco Acquaroli si posiziona al 48,1% contro il 34,7% di Maurizio Mangialardi. Distante il candidato del Movimento Cinque Stelle Gian Mario Mercorelli, al 10,5%.

21 settembre 17:31 Zaia oltre il 70% in Veneto: i risultati delle prime proiezioni

Il governatore uscente del Veneto, Luca Zaia, verso la riconferma. La partita è praticamente già chiusa nella Regione, dove l'attuale presidente e candidato del centrodestra è dato, stando alle prime proiezioni, al 73,5%. Distantissimi gli altri due candidati: Arturo Lorenzoni, del centrosinistra, è al 16,7% e Enrico Cappelletti del Movimento Cinque Stelle al 4,2%.

21 settembre 17:29 Elezioni regionali in Toscana, prime proiezioni: Giani in testa su Ceccardi

Stando alle prime proiezioni diffuse sul risultato delle elezioni regionali in Toscana, il candidato del centrosinistra, Eugenio Giani, risulta in vantaggio al 46,5%, contro il 42,3% di Susanna Ceccardi, del centrodestra. Già gli exit poll, arrivati dopo la chiusura dei seggi elettorali alle ore 15, avevano registrato un vantaggio di 3 punti per il candidato del centrosinistra sulla sfidante del centrodestra.

21 settembre 17:27 Il governatore uscente Emiliano in vantaggio di 6 punti in Puglia: le prime proiezioni

Stando alle prime proiezioni dei risultati delle elezioni regionali in Puglia, Michele Emiliano, governatore uscente e candidato del centrosinistra, risulta in vantaggio al 46% contro il 40,1% del candidato del centrodestra, Raffaele Fitto. Gli exit poll diffusi alle ore 15, alla chiusura dei seggi elettorali, davano invece un perfetto testa a testa tra i due principali sfidanti.

21 settembre 17:17 Prime proiezioni in Liguria, il governatore uscente Toti in vantaggio al 53,5%

Arrivano le prime proiezioni per quanto riguarda le elezioni regionali in Liguria. Il centrodestra risulta in vantaggio con il governatore Giovanni Toti al 53,5%, contro il candidato sostenuto da Partito democratico e Movimento Cinque Stelle,  Ferruccio Sansa, al 39,5%. Aristide Massardo, in corsa con Italia Viva, è dato invece al 3,6%.

21 settembre 16:53 Affluenza alle urne, i dati definitivi: 57% per le elezioni regionali e 54,5% per il referendum

Arrivano anche i dati pressoché definitivi sull'affluenza alle urne, sia per quanto riguarda il referendum che per le elezioni regionali. Nonostante quest'anno gli elettori siano stati chiamati a votare nel pieno dell'emergenza coronavirus, i dati sull'affluenza sono comunque buoni e mostrano come oltre la metà degli aventi diritto si siano recati alle urne. Si parla del 54,5% per quanto riguarda il referendum e del 57% per le elezioni regionali.

21 settembre 15:30 Exit poll regionali Marche, centrodestra in vantaggio

Dai primi exit poll sulle elezioni regionali nelle Marche, il candidato del centrodestra, Francesco Acquaroli, sarebbe in vantaggio sullo sfidante del centrosinistra, Maurizio Mangialardi, con il primo tra il 47 e il 51% e il secondo tra il 34 e il 38%. Rimane indietro, invece, il candidato del Movimento Cinque Stelle, Gian Marco Mercorelli. Per le prime proiezioni, tuttavia, bisognerà attendere ancora qualche ora, tra le 17 e le 17.30.

21 settembre 15:24 Exit poll regionali in Puglia, testa a testa tra centrosinistra e centrodestra

Iniziano ad arrivare i primi exit poll sulle elezioni regionali in Puglia. Secondo i primi dati, è testa a testa tra il governatore uscente Michele Emiliano, candidato del centrosinistra e il candidato di centrodestra, l’europarlamentare Raffaele Fitto. Emiliano è dato al 36-40% mentre al Fitto 36-40%.

21 settembre 15:19 Exit poll regionali in Toscana, il centrosinistra in vantaggio

Dopo la chiusura dei seggi elettorali alle ore 15, iniziano ad arrivare gli exit poll sui risultati delle elezioni regionali. Per le prime elezioni bisognerà attendere ancora qualche ora, probabilmente tra le 17 e le 17.30. Per quanto riguarda la Toscana, al momento il centrosinistra apparirebbe in vantaggio di 3 punti. Eugenio Giani risulterebbe infatti tra il 43,5% e il 47,5%, contro la forbice tra il 40 e il 44% della candidata del centrodestra, Susanna Ceccardi.

21 settembre 15:06 Exit poll elezioni regionali, ecco i primi dati

Alle ore 15 chiudono i seggi elettorali e iniziano le operazioni di spoglio delle schede elettorali. Ricordiamo che per quanto riguarda le proiezioni bisognerà attendere ancora un po'. Inoltre, le prime schede ad essere scrutinate saranno quelle del referendum. I primi risultati definitivi per quanto riguarda le elezioni regionali dovrebbero arrivare tra le 17 e le 17.30. Vediamo intanto cosa ci dicono i primi exit poll in arrivo.

VENETO:

Luca Zaia (centrodestra) – 72 / 76 %

Arturo Lorenzoni (centrosinistra) – 16 / 20 %

LIGURIA:

Giovanni Toti (centrodestra) – 51 /55 %

Ferruccio Sansa (Pd-M5s) – 38 / 42 %

TOSCANA:

Eugenio Giani (centrosinistra) – 43,5 /47,5 %

Susanna Ceccardi (centrodestra) – 40 /44%

Irene Galletti (M5s) – 4,5 /6 %

MARCHE:

Francesco Acquaroli (centrodestra) – 47 /51 %

Maurizio Mangialardi (centrosinistra) – 34 /38 %

PUGLIA: 

Michele Emiliano (centrosinistra) – 39 /43 %

Raffaele Fitto (centrodestra) – 39 /43 %

CAMPANIA: 

Vincenzo De Luca (centrosinistra) – 54 / 58 %

Stefano Caldoro (centrodestra) – 23 /27 %

21 settembre 14:48 Regionali in Campania: 7 i candidati per la guida di Palazzo Santa Lucia

Sono sette i candidati alle elezioni regionali in Campania: oltre al governatore uscente e candidato del centrosinistra Vincenzo De Luca, ci sono l'ex presidente della regione Stefano Caldoro, candidato del centrodestra, il candidato di Potere al Popolo, Giuliano Granato, Luca Saltalamacchia con la lista Terra, Sergio Angrisano per Terzo Polo, Giuseppe Cirillo con il Partito delle Buone Maniere. Ieri alle 23, l'affluenza registrata è stata del 38,9%.

21 settembre 14:38 In Valle d’Aosta sono 12 le liste candidate

Elezioni regionali anche per la Valle d'Aosta, chiamata alle urne in anticipo dopo le dimissioni di Antonio Fosson. Nella regione a statuto speciale, la legge elettorale non prevede l'elezione diretta del Presidente della Regione ma solo dei 35 consiglieri regionali. Sono 12 le liste candidate, con la Lega che esce dalla coalizione con Fratelli d'Italia e Forza Italia per concorrere da sola. PD, Europa Verde e Rete Civica, invece, hanno dato vita alla lista Progetto Civico Progressista.

21 settembre 14:38 Elezioni regionali in Liguria: ieri affluenza del 39,05%

Seconda giornata di consultazioni elettorali per le elezioni regionali in Liguria: le urne resteranno aperte fino alle 15 di oggi, lunedì 21 settembre. Secondo i dati comunicati dal Ministero dell'Interno, nella giornata di ieri, domenica 20 settembre, l'affluenza alle 12 è stata del 13,9% mentre alle 23 avevano votato il 39,05% degli aventi diritto. Nella tornata elettorale del 2015, l'affluenza definitiva fu del 50,6%.

21 settembre 14:05 Toscana: ballottaggio se nessun candidato ottiene il 40% dei voti

Elezioni Regionali anche in Toscana dove a contendersi la carica di Presidente della Regione ci sono 7 candidati: Eugenio Giani per il centrosinistra, Susanna Ceccardi per il centrodestra, Irene Galletti per il Movimento 5 Stelle, Marco Barzanti per il PCI, Salvatore Catello per il Partito Comunista, Tommaso Fattori per la civica Sì Toscana a Sinistra e Tiziana Vigni. La Toscana, inoltre, è l'unica regione in cui è previsto il ballottaggio nel caso in cui, al primo turno elettorale, nessun candidato ottenga almeno il 40% delle preferenze.

21 settembre 13:52 Regionali in Puglia: è sfida a otto per la carica di Governatore

Cresce l'attesa per i risultati delle elezioni regionali in Puglia dove in corsa è il governatore uscente Michele Emiliano con il candidato del centrodestra Raffaele Fitto. Il centrosinistra si presenta a questa tornata elettorale frammentato con i pentastellati che supportano la candidatura di Antonella Laricchia mentre Italia Viva e + Europa puntano su Ivan Scalfarotto. Nella giornata di ieri, alle 23 aveva votato il 39,71% degli aventi diritto. Oggi le urne resteranno aperte fino alle 15.

21 settembre 13:42 Regionali nelle Marche: otto i candidati in corsa

Si vota nella Regione Marche per eleggere il decimo presidente della giunta regionale e i nuovi 30 consiglieri. Per questa tornata elettorale sono otto i candidati papabili alla prima carica della regione tra i quali Francesco Acquaroli per il centrodestra e Maurizio Mangialardi per il centrosinistra. Corsa in solitaria per il M5S che candida Gian Mario Mercorelli. Non si è ricandidato per un secondo mandato il governatore uscente Luca Ceriscioli.

21 settembre 13:06 I candidati alle elezioni regionali in Veneto

Sono 9 i candidati in lizza alle elezioni regionali in Veneto, con il centrodestra che supporta la ricandidatura di Luca Zaia, in corsa per un terzo mandato consecutivo, e il Pd che schiera Arturo Lorenzoni. Corse separate per Movimento 5 Stelle e Italia Viva che sostengono rispettivamente le candidature di Enrico Cappelletti e Daniela Sbrollini. Le urne resteranno aperte fino alle 15 di oggi, lunedì 21 settembre, orario in cui inizieranno le operazioni spoglio. Nella giornata di ieri, domenica 20 settembre, l'affluenza registrata alle 23 è stata del 46,14%.

21 settembre 11:24 Regionali in Puglia, a Taranto scrutatore con sintomi da Covid-19: chiuso il seggio

Seggio chiuso, presidente e scrutatori in isolamento e spostamento della sezione in un’altra aula. A Taranto, dove si vota per il referendum costituzionale sul taglio del numero dei parlamentari e per le elezioni regionali pugliesi, la sezione 69 è stata chiusa dopo che uno scrutatore ha accusato qualche linea di febbre e sintomi influenzali. È stato quindi trattato come un caso sospetto di Covid-19 e questa mattina non si è presentato al seggio. La sezione è stata chiusa per consentire la sanificazione dell’ambiente, mentre tutti i componenti del seggio, a partire dal presidente, sono stati sostituiti e posti in isolamento. Per lo scrutatore con sintomi influenzali, invece, si è in attesa del tampone e del suo esito. La sezione è stata trasferita in un’altra aula dello stesso istituto ‘Volta’.

21 settembre 11:11 Risultati elezioni regionali 2020: quando arriveranno

Si vota fino alle ore 15 di lunedì 21 settembre per le elezioni regionali. Sono chiamati alle urne i cittadini di sei Regioni a statuto ordinario (Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana e Veneto) e di una a statuto speciale: la Valle d’Aosta. Alla chiusura dei seggi inizierà immediatamente lo spoglio, partendo da quello delle schede del referendum per il taglio del numero dei parlamentari. Una volta terminate le operazioni sul referendum si passerà invece a quelle riguardanti le elezioni regionali. Già dalle 15, però, verranno forniti i primi exit poll per le sei Regioni a statuto ordinario, con dati che non potranno essere confermati fino alla metà del pomeriggio. A partire dalle 17.30 circa, infatti, i vari istituti di statistica che seguono le operazioni di voto forniranno sulle principali emittenti televisive le proiezioni riguardanti i dati in Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana e Veneto.

21 settembre 10:11 Affluenza regionali sopra il 40%: il dato Regione per Regione

Urne aperte per le elezioni regionali nelle giornate di domenica 20 settembre e lunedì 21 settembre. Si vota oggi fino alle 15 in sei Regioni, a cui si aggiunge la Valle d’Aosta. L’ultimo dato ufficiale sull’affluenza, comunicato dalle Regioni e dal Viminale, è quello aggiornato alle ore 23 di domenica. La media nazionale riportata dal Viminale (ma fatta considerando solamente 4 Regioni su 7) è del 41,37%. La Regione, però, in cui la partecipazione è stata maggiore è la Valle d’Aosta, non conteggiata dal ministero dell’Interno, così come la Toscana e le Marche. Andiamo a vedere l’affluenza Regione per Regione, aggiornata alle ore 23:

Campania 38,92%

Liguria 39,80%

Marche 42,72%

Puglia 39,89%

Toscana 45,89%

Veneto 46,13%

Valle d’Aosta 54,16%.

21 settembre 09:28 Elezioni regionali, si vota fino alle 15: lo spoglio, gli exit poll e i risultati in diretta

Si vota anche oggi, lunedì 21 settembre, per le elezioni regionali. Le urne sono aperte da ieri, con il voto che nella giornata di domenica 20 settembre si è protratto fino alle 23. Oggi, invece, si vota dalle 7 alle 15. Le elezioni riguardano sei Regioni a statuto ordinario: Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana e Veneto. A queste si aggiunge anche una Regione a statuto speciale, la Valle d’Aosta. Per conoscere i risultati del voto bisognerà attendere il pomeriggio: i primi exit poll arriveranno alla chiusura dei seggi, ma per le proiezioni e i risultati definitivi bisognerà aspettare qualche ora in più considerando che lo scrutinio inizierà dalle schede referendarie. Nella stessa giornata, infatti, in quello che è un vero e proprio election day, si vota anche per le elezioni amministrative e per il referendum costituzionale sul taglio del numero dei parlamentari.

La sfida nelle 6 Regioni: i principali candidati

Al di là della Valle d’Aosta, per cui vige un sistema elettorale diverso, la sfida nelle 6 Regioni sembra ovunque ristretta ai candidati di centrosinistra e centrodestra, con il Movimento 5 Stelle che non sembra avere possibilità di vittoria. In Campania la sfida è tra il presidente uscente Vincenzo De Luca (centrosinistra) e Stefano Caldoro per il centrodestra. Per il M5s c’è Valeria Ciarambino. In Liguria Ferruccio Sansa, candidato di Pd e M5s, sfida il presidente uscente Giovanni Toti. Nelle Marche, invece, la sfida sembra essere tra Francesco Acquaroli (centrodestra) e Maurizio Mangialardi (centrosinistra). Per il M5s il candidato è Gian Mario Mercorelli.

Altra sfida al presidente uscente è quella lanciata in Puglia da Raffaele Fitto, candidato del centrodestra. A difendere la poltrona, per il centrosinistra, c’è Michele Emiliano. La candidata del M5s è Antonella Laricchia, mentre Italia Viva schiera Ivan Scalfarotto. Una delle sfide più attese è certamente quella della Toscana, dove la leghista Susanna Ceccardi prova a centrare una storica vittoria contro Eugenio Giani, candidato del centrosinistra. Per il M5s la candidata è Irene Galletti. In Veneto, infine, Luca Zaia corre per il terzo mandato. A sfidarlo, per il centrosinistra, c’è Arturo Lorenzoni. Per il M5s il candidato è Enrico Cappelletti, per Italia Viva Daniela Sbrollini.

L’affluenza alle ore 23 Regione per Regione

I dati dell’affluenza pubblicati dal Viminale sul portale Eligendo riportano l’ultimo aggiornamento alle ore 23 di domenica 20 settembre. In Campania ha votato il 38,9% degli elettori, mentre il dato è leggermente più alto in Liguria (39,8%) e Puglia (39,9%). Nelle Marche l’affluenza alle ore 23 sale al 42,7%, in Toscana al 45,9% e in Veneto – dove si registra la partecipazione più alta – al 46,1%.

Elezioni regionali, quando inizia lo spoglio e quando arrivano exit poll e risultati

Lo spoglio delle schede per le regionali inizierà quando verranno concluse le operazioni di scrutinio per il referendum costituzionale. Non si dovrebbe iniziare, quindi, prima delle 16.30-17. Al contrario i primi exit poll verranno diffusi sulle principali reti televisive già a partire dalle 15, appena verranno chiusi i seggi. Per avere poi dati più consolidati si dovrà attendere l’inizio dello spoglio, con le proiezioni previste non prima di metà pomeriggio. Per i risultati definitivi, invece, probabilmente ci sarà da attendere fino alla serata, soprattutto in caso di sfide molto incerte.