22 settembre 0:11 De Luca torna subito al lavoro: domani incontri con Asl. “Ci aspettano mesi difficili”

Vincenzo De Luca  dopo la campagna elettorale fa sapere che la sua agenda di lavoro resta invariata. Domani incontri con manager di Asl e organizzazioni agricole.

  Ci aspettano mesi difficili e incombe il problema di decine di migliaia di lavoratori che perderanno la cassa integrazione: dobbiamo essere pronti con un programma di sostegno socio economico per loro e per il sistema delle imprese. Non abbiamo un minuto da perdere e già domani mattina siamo impegnati in due prime riunioni: una con i direttori generali delle Asl e delle aziende ospedaliere, l'altra con le organizzazioni agricole per cominciare a lavorare all'impostazione del nuovo programma di sviluppo rurale.

22 settembre 0:03 Risultati Regione Campania dati scrutinati: De Luca 68,7% con quasi mezzo milione di voti

Quando siamo a 1814 sezioni scrutinate su 5827 in Campania Vincenzo De Luca mantiene saldo il comando al 68,71% dei consensi , con 484mila voti, quasi mezzo milione a meno della metà dello scrutinio. Stefano Caldoro ne ha 120mila ed è al 17,05%, Valeria Ciarmabino è al 11,29 con quasi 80mila preferenze. Seguono Giuliano Granato (Potere al Popolo) 10.537 voti per l'1,50%
dei consensi, Luca Saltalamacchia (Terra) 10.537 voti e lo stesso 1,50%. Infine Sergio Angrisano (Terzo Polo) 0,16% e 1.105 voti, Giuseppe Cirillo detto Dr. Seduction (Partito delle Buone Maniere) 611 voti per lo 0,09%.

21 settembre 22:58 Dopo le Elezioni Regionali fuochi d’artificio sotto la sede della Regione Campania

Fuochi d'artificio esplosi sotto la sede della Regione Campania in via Santa Lucia poco fa, verso le 22.45. Pioggia battente in queste ore su Napoli, ristoranti quasi tutti chiusi il lunedì e qualcuno ha ipotizzato un festeggiamento di fedelissimi per la vittoria di Vincenzo De Luca, riconfermato presidente della Regione Campania con oltre il 60% delle preferenze. Difficile tuttavia da confermare il motivo dei festeggiamenti estemporanei: nel vicino Pallonetto di Santa Lucia i festeggiamenti con tanto di fuochi sono all'ordine del giorno e chi ha esploso la batteria di fuochi colorati è subito scappato via.

21 settembre 21:49 Il sarcasmo di Armando Cesaro contro la Lega: “Valutazioni sbagliate?”

"Vedo molti in ansia. È successo qualcosa? Valutazioni sbagliate? Ahi ahi ahi". In un sarcastico post su Facebook Armando Cesaro, già capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale della Campania che non si è ricandidato dopo la bufera giudiziaria sulle aziende del padre Luigi Cesaro, senatore di Forza Italia, si prende la sua vendetta contro la Lega di Matteo Salvini. Fu proprio il Carroccio con il commissario campano Nicola Molteni, parlando di "liste di qualità" e di "stop all'egemonia dei Cesaro in Campania" a far propendere per il "passo di lato" Cesaro jr. Che oggi, visti i risultati del centrodestra, in particolare il crollo di Forza Italia ma anche la Lega che non sfonderebbe a Napoli, approfitta per le stilettate al vetriolo.

Tra i commenti c'è quello di Claudio Renzullo, ex consigliere comunale di Alleanza Nazionale che approfitta per una disamina tagliente del disastro del centrodestra campano: "Caro Armando , mi dispiace dirlo ma tu hai perso quando hai ceduto al diktat di Salvini . Oggi ha perso il centro destra . Anzi è stata una disfatta . Avete sbagliato non oggi , ma state sbagliando da anni perché avete desertificato il centro destra , mortificato una classe dirigente , impedito che crescesse per far vivere di rendita cadaveri politici. Non mi piace il tuo tono quasi di soddisfazione. Oggi è il momento in cui chi si sente classe dirigente, ammette i propri errori, non gode di quelli degli altri e si intesta un percorso di ricostruzione che sarà lungo, difficile, faticoso, ma un percorso che metta da parte gli egoismi e la difesa ostinata dell’indifendibile".

21 settembre 21:25 Ciarambino M5s: De Luca ha vinto coi lanciafiamme ma non salverà la Campania

"Cinghialotti e lanciafiamme sono serviti per vincere le elezioni, ma non per salvare la Campania". Valeria Ciarambino, candidata per la seconda volta alla presidenza della Regione Campania col Movimento 5 Stelle ammette la sconfitta di larghissima misura e attacca il riconfermato Vincenzo De Luca. "Ora le 15 liste e gli oltre 700 candidati chiederanno il conto – ha affermato -. De Luca nella veste di comico si trova bene". Attacchi anche all'avversario del centrodestra Stefano Caldoro e dice: "Siamo stati noi la vera e unica opposizione in Consiglio regionale in questi 5 anni". "Caldoro – ha affermato – potrà mandare la sua controfigura in cartone in Consiglio, nessuno si accorgerà della differenza". Il riferimento è alle sagome di cartone di Caldoro usate durante la campagna elettorale dell'esponente di centrodestra .

21 settembre 21:05 Quarta proiezione Campania: De Luca si consolida. Molti voti per le liste del Presidente

La proiezione numero 4 del Consorzio Opinio Italia Rai ha una copertura del campione del 21%. E alle elezioni Regionali in Campania conferma che è saldamente in testa il presidente uscente e candidato del centrosinistra Vincenzo De Luca al 64,7% (coalizione al 62,7) mentre il candidato del centrodestra Stefano Caldoro è al 20,8% (coalizione al 22,3%). La candidata del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino è all'11,5% .

Per le liste invece c'è la terza proiezione di Opinio: Partito democratico primo in Campania al 17,8%, seguito dalla Lista De Luca presidente al 14,2%. Poi c'è Movimento 5 Stelle 12,2 Lega 6,5 Fratelli d'Italia 6,1 Forza Italia 6,1 Italia Viva 5,3 Noi Campani 4,8 Liberal democratici e moderati 3,6 Udc 3,3 Fare democratico – popolare 3,3. Altri 16,8

21 settembre 20:02 Vincenzo De Luca ha vinto le elezioni e parla: “Risultato di popolo. Sostenuto anche da destra”

 

Vincenzo De Luca alle ore 20 visto il risultato elettorale ormai consolidato e una vittoria con grande scarto verso i suoi avversari alla poltrona di Presidente della Regione Campania ha parlato dalla sua sede elettorale di Napoli alla Stazione Marittima.

"Grazie a chi ha concesso a me l'onore di andare avanti. È un dato elettorale che non può essere eletto in termini di destra e sinistra, sono stato sostenuto dal mondo progressista ma anche dalla destra non ideologica. Credo che questo risultato esprima l'orgoglio di Napoli e della Campania per la riconquistata dignità sul piano nazionale e internazionale. Napoli e la Campania sentono di poter camminare a testa alta. Credo che questo risultato sia frutto del programma che abbiamo tracciato per il futuro".

"Mi permetto di sottolineare che questo è un risultato di popolo. Ci stiamo preparando a mesi difficili. Avremo tra qualche settimana il problema dei lavoratori che finiranno la cassa integrazione e dovremo sostenerli così come dovremo sostenere le imprese. Voglio dire che si è espressa una unità di popolo e penso sia un esempio positivo per l'Italia. Rimango convinto che se la politica perde il suo senso umano, la politica non vale più niente. Allora sarebbe bene riflettere anche di fronte a risultati come questo di ritrovare unità di popolo, unire gli italiani".

De Luca: allarme Covid, seconda ondata già presente

De Luca continua: "Abbiamo un lavoro duro che ci aspetta, domani al lavoro con Asl e direzioni ospedaliere e poi direzioni agricole per il piano di sviluppo rurale, non abbiamo un minuto da perdere in modo particolare per il Covid. Stiamo sottovalutando la situazione dell'Italia. Vedo una distrazione generale un rilassamento generale, vorrei dire in maniera forte e chiara che l'ondata di ripresa dell'epidemia è già presente in Italia ed è diventata necessaria una linea di nuovo rigore e controllo contro comportamenti non responsabili. Sarebbe davvero irresponsabile non capirlo".

21 settembre 19:47 Stefano Caldoro ammette la sconfitta: “Hanno vinto gli sceriffi del Covid”

 

"L'atteggiamento da sceriffi dei Presidenti di Regione con l'emergenza Covid ha inciso sul risultato elettorale". Stefano Caldoro poco dopo le 19.30 fa capolino al comitato elettorale al Centro direzionale di Napoli per ammettere la sconfitta, piuttosto consistente, nei confronti del suo avversario da ormai 15 anni, Vincenzo De Luca. Nel 2010 fu Caldoro ad essere eletto, 5 anni fa fu sconfitto e ora la "bella" è a favore del presidente uscente. "L'elemento generale – ha dichiarato Caldoro – è dato dalla valanga dei presidenti in carica durante il Covid, che sono stati visti come punto riferimento dai cittadini. È un elemento nazionale, che ha avuto lo stesso effetto in Campania, accompagnato da una macchina da guerra delle liste del centrosinistra, che hanno avuto un'affermazione molto forte. "Ora – continua l'ex ministro del centrodestra – ci rimboccheremo le maniche e faremo opposizione dura".  Subito dopo la dichiarazione Caldoro è andato via dal comitato elettorale, poco prima delle 20.

Antonio Tajani, numero due di Forza Italia subito dopo Silvio Berlusconi commenta così il dato di Caldoro:  "Sarebbe stato meglio vincere, ma a conti fatti la sinistra ha perso una Regione e il centrodestra ne ha guadagnato una"ma attenzione la Puglia e la Campania hanno visto due candidati che non hanno vinto con le liste di partito, ma con decine di liste civiche, che servivano a raccogliere capibastone e capipopolo nel Sud e si sa che quell'elettorato va seguito in quella maniera".

21 settembre 18:44 Matteo Renzi fa i complimenti a Vincenzo De Luca: Bravo hai vinto

"Complimenti e buon lavoro a Vincenzo De Luca. Abbiamo collaborato a livello istituzionale, lo abbiamo sostenuto a livello politico. Anche per lui una grande vittoria, bravo". Lo scrive su Twitter  Matteo Renzi, leader di Italia viva.

21 settembre 18:30 Elezioni Campania, proiezioni di voto liste: Pd al 17,4% e Lega 7,9%

Ci sono le prime proiezioni Opinio Rai sui partiti in Campania: il Partito Democratico è al 17,4%, la Lista De Luca  13,6%. Nel centrodestra la Lega di Matteo Salvini è al 7,9 % mentre il Movimento Cinque Stelle è attestato al 12,5 con un campione del 10%.

Riepilogando per Opinio Rai Pd Primo Partito al 17,4%, poi  Lista De Luca Presidente Al 13,6%. Italia Viva 6,8 Fratelli D'Italia 5,9 Forza Italia 4,4 Fare Democratico – Popolare 4,1 Noi Campani 3,9 Campania Libera 3,5 Centro Democratico 3,4, altri 16,6.

Swg invece dice che il Pd sarebbe al 16,5 al pari della lista De Luca Presidente e Italia Viva di Matteo Renzi al 4,7. Per la coalizione Caldoro invece la Lega sarebbe sotto Forza Italia e il primo partito sarebbe Fratelli d'Italia.

21 settembre 18:11 Seconda proiezione Regionali Campania: vince De Luca col 63,6%

In base alla seconda proiezione del consorzio Opinio Italia per la Rai, alle Regionali in Campania vince le elezioni il governatore uscente Vincenzo De Luca che ha ottenuto il 63,6%, Stefano Caldoro (centrodestra) il 20,9%. Valeria Ciarambino del M5s è al 12,4% La copertura del campione è del 10% dunque per ottenere un dato consolidato occorrerà attendere ancora. In queste ore tutti i comitati elettorali stanno evitando dichiarazioni di vittoria o ammissioni di sconfitta: Caldoro parlerà nel tardo pomeriggio così come Ciarambino.

Nella prima proiezione Swg De Luca era dato al  66,8%, un risultato schiacciante che era evidente si sarebbe ridimensionato via via con l'allargamento della base di scrutinato.

21 settembre 17:30 Prima Proiezione Regione Campania: De Luca oltre il 66%

Nella prima proiezione sul 4% del voto scrutinato, resa nota su La7 da Swg in Campania il candidato governatore Vincenzo De Luca, presidente uscente del Partito democratico con ben 15 liste a sostegno è nettamente avanti con il 66,8%. Stefano Caldoro del centrodestra nettamente staccato al 19,2, Valeria Ciarambino del Movimento 5 Stelle al 10,6%.

Le prime proiezioni elettorali di Opinio Rai sulle regionali in Campania sono più moderate: confermano che il De Luca è ampiamente in vantaggio ma gli attribuiscono il 60,2%, rispetto a Caldoro, che si ferma al 20,3%. La candidata del M5s Valeria Ciarambino è al 14,5%. La copertura del campione è del 9%.

Ricordiamo cosa è una proiezione elettorale: a differenza dei sondaggi ed exit poll, essa si basa sui voti effettivamente dati dagli elettori.

21 settembre 16:20 Comitato De Luca: palco e maxischermo. Ma il presidente per ora non c’è

Non si sa ancora se Vincenzo De Luca – in forte vantaggio negli exit poll per le Regionali in Campania – si presenterà oggi al comitato elettorale di Napoli alla Stazione Marittima o parlerà direttamente domani. Di certo c'è che nelle stanze allestite per lo staff ci sono ora un maxi schermo e un palco. Presente soltanto il vice Fulvio Bonavitacola, che non parla fino a quando non saranno consolidati con proiezioni avanzate i primi dati dello spoglio. La riconferma del presidente uscente tuttavia appare scontata.

De Luca oggi, come allora, attende a Salerno, nella sua città, la definizione dei risultati, prima di venire a Napoli per parlare.  Stavolta peraltro in una occasione particolare: oggi 21 settembre è il giorno di san Matteo, il santo patrono di Salerno e l'ex sindaco non è voluto mancare nemmeno stavolta alle celebrazioni religiose così come non è mancato a quelle del 19 settembre in occasione della solennità di San Gennaro a Napoli.

Nessun commento anche dagli staff di Valeria Ciarambino e Stefano Caldoro che attenderanno ai loro comitati elettorali ancora un po' prima di esprimersi su quanto emerso dalle urne.

21 settembre 15:05 Exit Poll Campania: De Luca 54-58%, Caldoro 23-27%, Ciarambino 10-14,5%

Resi noti gli exit poll in Campania per le Elezioni Regionali diffusi dalla Rai con il sondaggista Antonio Noto consorzio Opinio: Exit Poll Campania: per il centrosinistra Vincenzo De Luca 54-58%, in vantaggio su Stefano Caldoro 23-27%, candidato del centrodestra e su Valeria Ciarambino 10-14,5%, candidata del Movimento 5 Stelle. Infine Giuliano Granato di Potere al Popolo tra 1 e 3%. Anche secondo  le tendenze elaborate da Swg per La7 in Campania non c'è partita: larga vittoria dell'uscente De Luca che arriverebbe addirittura a prendere più della somma dei due sfidanti, Caldoro (Centodestra) e Ciarambino (M5s).

I sondaggi elettorali già davano De Luca ampiamente in vantaggio su Caldoro nei giorni scorsi. Tuttavia, lo scarto tra 54 e 58 fa capire che occorrerà attendere risultati scrutinati e proiezioni. Quindici liste e tantissimi candidati rendono interssante capire quale sarà il peso delle singole liste per definire la composizione del Consiglio regionale. Occorrerà attendere un quadro più definito anche se è chiaro chi sarà il prossimo governatore della Campania.

21 settembre 14:30 Exit Poll Elezioni Campania: dove vederli

Per le Elezioni Regionali in Campania saranno resi noti degli exit poll, ovvero dei sondaggi elettorali effettuati all'uscita dei seggi alle 15.01 subito dopo la chiusura delle operazioni di voto, ossia tra poco.  Di exit poll clandestini in queste ore, quando cioè è vietata la  diffusione dei sondaggi politico-elettorali ne stanno girando tantissimi ma molti istituti di sondaggi e ricerca li hanno disconosciuti, dichiarandoli fake news.

Ovviamente c'è grossa attesa non solo per gli exit poll sul candidato a presidente della Regione Campania ma anche per i risultati elettorali in tempo reale sui partiti in Campania che saranno ma mano tracciati grazie alle proiezioni elettorali che si basano sulla statistica del voto realmente scrutinato.

La vera incertezza è sulla bassa affluenza che rende possibile qualsiasi sorpresa. Poi c'è una certa attesa anche per i risultati in Campania del Referendum per il taglio dei parlamentari. Lo spoglio sarà così realizzato: si dichiarano chiuse le urne, inizia lo spoglio delle schede per il referendum (facile, perché è si o no), poi quello per le Elezioni Regionali in Campania, molto complesso poiché bisogna annotare preferenza al candidato presidente, preferenza al consigliere o più consigliere o singolo partito, insomma, le varie combinazioni possibili saranno annotate e sarà più forte anche il controllo dei rappresentati di lista che saranno nei seggi per contestare le schede eventualmente dubbie.

21 settembre 13:09 Stefano Caldoro va a votare da solo in un liceo di Posillipo

L'ex ministro ed ex governatore della Campania Stefano Caldoro, ricandidato alle elezioni regionali 2020, è andato a votare oggi, intorno alle 11 al seggio allestito presso il liceo scientifico statale ‘Tito Lucrezio Caro' di Napoli in via Manzoni a Posillipo. Stefano Caldoro è giunto al seggio da solo o da solo e, dopo la chiusura delle urne, attenderà i risultati nel suo comitato elettorale, allestito al Centro direzionale. I principali avversari di Caldoro, Vincenzo De Luca e Valeria Ciarambino, avevano espresso ieri la loro preferenza.

21 settembre 12:37 Brogli elettorali e voto inquinato in provincia di Napoli, segnalazione alla Prefettura

Sandro Ruotolo, senatore del Gruppo Misto eletto col Partito Democratico e giornalista lancia l'allarme sul rischio di voto inquinato e brogli elettorali alle Regionali 2020 e alle Amministrative in provincia di Napoli. Le segnalazioni di Ruotolo riguardano Frattamaggiore, Giugliano, Sant'Anastasia e Procida.

Continuano a giungere notizie dalla stampa e segnalazioni di irregolarità nel voto. Ritengo che sia opportuno che la Prefettura di Napoli intensifichi, in particolare, i controlli nei pressi dei seggi elettorali per garantire serenità e correttezza nello svolgimento del diritto al voto. In queste ore stiamo registrando notizie di tentativi di inquinare del voto c'è il caso di Frattamaggiore dove esponenti di partiti politici avrebbero avvicinato quanti si recavano nei seggi per votare, proponendo la votazione di se stessi o di propri amici e parenti. Casi non sporadici, stesse segnalazioni giungono anche da Giugliano. Mentre a Sant'Anastasia c'è stata addirittura la foto del voto e in una scuola di Procida sono state rinvenute schede timbrate in bianco. Credo che sia opportuno innalzare l'attenzione e tenere gli occhi aperti –a tal riguardo chiedo alle forze dell'ordine e alla Prefettura la massima attenzione".

21 settembre 12:00 Vincenzo De Luca a Salerno per pregare San Matteo

Vincenzo De Luca, governatore uscente della Campania e candidato del centrosinistra per la guida di Palazzo Santa Lucia, non ha cambiato le sue abitudini nonostante la tornata elettorale in corso: oggi si è presentato a Salerno alle celebrazioni in onore di San Matteo apostolo, patrono della città campana.  De Luca che è stato ben 4 volte sindaco di Salerno è giunto  in Cattedrale poco prima delle 11 per assistere  al solenne pontificale dell'arcivescovo Andrea Bellandi. La celebrazione si sta svolgendo a numero chiuso per via delle norme anti-Covid19. Nel pomeriggio è previsto un momento di preghiera nell'atrio del Duomo che sostituirà la tradizionale processione vietata per le norme anti-assembramento. De Luca sarà solo in tarda serata al comitato elettorale allestito alla Stazione Marittima, attenderà lo spoglio nel quartier generale coi suoi cari.

21 settembre 11:36 Elezioni in Campania, voto fino alle 15 poi gli exit poll

Elezioni Regionali in Campania 2020, oggi è il giorno dei risultati: sapremo chi sarà per altri 5 anni il governatore campano. Le sezioni di voto sono aperte dalle 7 e fino alle 15 e si vota anche per il Referendum costituzionale. Si riparte, per quanto riguarda le Regionali, dall'affluenza del 38.92% registrata ieri alle 23, a chiusura della prima giornata di votazioni nei 550 comuni della regione. La percentuale più alta al momento è a Caserta e provincia (104 Comuni) con il 40,2%. Segue Salerno (158 Comuni) con il 39,62, Napoli (92) con il 38,86, Avellino (118) con il 37,01 e Benevento (78) col 36,23.

In Campania altro particolare, la scheda elettorale per le Elezioni Regionali è un vero e proprio lenzuolo, oltre mezzo metro di lunghezza. Alcune persone hanno riscontrato difficoltà nel piegarla correttamente e la cosa è diventata subito popolare sui social network.

Dalle ore 15.01 saranno diffusi gli exit poll sulle Regionali in Campania e successivamente proiezioni di voto basate sulle schede scrutinate. Nei giorni scorsi si è molto parlato sia dell'effetto Covid sulle elezioni regionali ma anche e soprattutto dell'effetto Amministrative: in molti grandi Comuni della Campania si vota e i pacchetti di alleanze locali sono stati sicuramente condizionati dagli accordi per le Regionali. I comitati elettorali dei principali candidati a presidente, Vincenzo De Luca, Stefano Caldoro e Valeria Ciarambino, apriranno nel pomeriggio per ospitare giornalisti e staff – nel rispetto delle norme Covid-19 – e iniziare la tradizionale ‘attesa' dei risultati effettivi e la proclamazione del vincitore di questa consultazione elettorale che a suo modo resterà nella storia della Repubblica Italiana.