Diritto e diritti

Diritto e diritti
INFO
Guide, informazioni e novità riguardanti il mondo del diritto. Dalle riforme normative alle sentenze che fanno giurisprudenza, raccogliamo in queste pagine tutto ciò che riguarda il diritto pubblico e privato. Un luogo in cui tenere aggiornati i cittadini e, soprattutto, gli addetti ai lavori
TWITTER
Condominio, Diritti reali

Le spese legali per il recupero degli oneri condominiali dei proprietari morosi

La Cassazione del 31.1.2014 n. 2153 ha stabilito che nel mandato conferito per il recupero dei crediti condominiali sono ricompresi solo gli atti legati a questa attività (ex art. 1708 c.c.) e non anche quelli (come la transazione) che non sono necessari per l'adempimento del mandato, costituendone invece una dilatazione dell'oggetto, per cui non sono dovute dal condominio le spese legali per la transazione stipulata tra l'amministratore e i proprietari morosi

E’ possibile un referendum sull’Euro ? Osservazioni giuridico-costituzionali

Quando si parla di referendum sull'euro cosa si intende ? Quali sono gli ostacoli giuridici (e le modifiche legislative necessarie) per poter indire un referendum sull'euro ? Alla fine è realizzabile (oppure è un sogno) la possibilità di chiedere ai cittadini di esprimersi sull'euro ?

Diritto di famiglia

La natura giuridica degli accordi tra i coniugi in sede di separazione e divorzio

La Cassazione del 21.5.2014 n. 11225 ha chiarito la natura giuridica dell'accordo di separazione, il quale costituisce un atto essenzialmente negoziale, espressione della capacità dei coniugi di autodeterminarsi responsabilmente, è dunque valido l'accordo dei coniugi sulle condizioni patrimoniali della cessazione della loro comunione di vita, avendo ad oggetto diritti disponibili

Diritti reali

La distinzione tra spoglio e molestie (o turbative)

La Cassazione del 30.5.2014 n.12258 ha stabilito che integrano spoglio (1168 c.c. azione di reintegrazione) gli atti che privano il possessore o il detentore della disponibilità o del godimento dell'intera cosa o di parte di essa, sono molestia (1170 c.c. azione di manutenzione ) quei comportamenti che non incidono sulla consistenza materiale della cosa, ma impediscono l'esercizio del potere di fatto su di essa o lo rendono più difficoltoso

Condominio, Diritti reali

La ripartizione delle spese dell'acqua nel condominio

La Cassazione del 1.8.2014 n. 17557 ha stabilito che nel condominio la ripartizione delle spese dell'acqua, in mancanza di sotto contatori in ogni unità immobiliare, va effettuata, ex art. 1123 comma 1 c.c., in base ai millesimi delle singole proprietà, è quindi viziata, per irragionevolezza, la delibera, assunta a maggioranza, che - adottato un criterio di riparto in base al numero di coloro che abitano nell'unità immobiliare - esenti dalla contribuzione i condomini i cui appartamenti siano vuoti

Successioni

Prova del titolo di erede e della qualità di socio nel processo

La Cassazione del 30.6.2014 n. 14796 ha stabilito che il difetto di legittimazione per mancanza di prova della qualità di erede è rilevabile d'ufficio. Essendo onere della parte che propone l'impugnazione, ovvero resiste ad essa nell'asserita qualità di erede, provare sia il decesso della parte originaria, sia i fatti da cui deriva la sua qualità. Diverso principio vale per la prova della qualità di ex soci, posto che la qualità di socio di srl risulta dal registro delle imprese, l'appellata ha l'onere di allegare che tale qualità non risulta nel registro delle imprese.

Diritto di famiglia

La ripartizione dell'onere della prova per l'infedeltà coniugale

La Cass. del 23.5.2014 n.11516 ha stabilito che in tema di separazione dei coniugi, si presume che l'adulterio coniugale, determina l'intollerabilità della prosecuzione della convivenza, giustificando l'addebito al coniuge responsabile, salvo che questi dimostri che l'adulterio non sia stato la causa della crisi familiare, essendo questa già irrimediabilmente in atto, sicché la convivenza coniugale era ormai meramente formale

Diritto di famiglia

E' possibile provare l'infedeltà coniugale con una relazione investigativa

La Cassazione del 23.05.2014 n.11516 ha ammesso (e considerato lecita) la relazione investigativa (e le fotografie in questa contenute) redatta da un investigatore incaricato dall'altro coniuge al fine di provare l'adulterio coniugale ed addebitare la separazione all'altro coniuge

Civile

Il recesso derivante dalla caparra (1385 cc) non può essere esercitato in appello

La Cassazione del 24.4.2014 n. 9278 ha affermato che qualora il contraente non inadempiente abbia agito per la risoluzione per inadempimento ed il risarcimento del danno, costituisce domanda nuova inammissibile in appello, quella volta ad ottenere il recesso con ritenzione della caparra ex 1385 c.c., avuto riguardo – oltre che alla disomogeneità esistente tra la domanda di risoluzione giudiziale e quella di recesso ed all'irrinunciabilità dell'effetto conseguente alla risoluzione di diritto - all'incompatibilità strutturale e funzionale tra la ritenzione della caparra e la domanda di risarcimento

Amministrativo, Civile

Il preliminare e il vincolo paesaggistico

La Cassazione del 24.4.2014 n. 9278 ha stabilito che non c'è responsabilità del promissario venditore per l'omessa indicazione nel preliminare dell'esistenza di un vincolo paesaggistico, poiché il vincolo doveva essere conosciuto dal promissario acquirente, in quanto i vincoli paesaggistici, inseriti nelle previsioni del piano regolatore generale, sono una prescrizione generale a contenuto normativo con efficacia "erga omnes", come tale assistiti da una presunzione legale di conoscenza assoluta da parte dei destinatari
STORIE DEL GIORNO