11.928 CONDIVISIONI
1 Agosto 2022
15:45

Arisa nuda celebra la sua unicità: “Sono donna e uomo. Non c’è nulla di sbagliato in me”

“Sono ogni donna, ma sono anche un uomo. E non c’è niente di sbagliato in me” ha scritto Arisa, posando nuda su Instagram.
A cura di Giusy Dente
11.928 CONDIVISIONI

Arisa non comunica solo con la musica, ma anche col corpo. Lo ha eletto a potente strumento per parlare di sé, ora che è riuscita ad accettarsi in pieno e a vivere con amore la propria unicità. Non è sempre stato così: ci ha impiegato del tempo per guardare con amore l'immagine riflessa nello specchio, ma da quando ci è riuscita sono scaturite in lei nuove consapevolezze. Le ha riversate tutte nel suo nuovo lavoro discografico, che costituisce la massima espressione della sua maturazione come artista e come donna. Nell'album Ero Romantica ha riversato il bisogno di passione, il desiderio di affermare liberamente la sua femminilità e la sua sessualità, si è concentrata sui valori che ritiene davvero importanti, come l'uguaglianza e l'inclusività.

La rinascita di Arisa

Si tratta di una vera e propria rivoluzione, anche erotica: il messaggio è essere donne senza vergogna, liberandosi di tutti quei sensi di colpa tramandati per secoli. Se lei oggi è così sicura di sé, è perché ha imparato ad accettarsi e dunque ad amarsi davvero: in questo modo riesce a celebrare ogni giorno il suo corpo "imperfetto", difetti compresi. E non ha più paura di mostrarli: si sente bella esattamente così com'è. Per questo è diventata un'icona di body positivity: alle donne cerca di comunicare l'importanza di rincorrere la felicità lontano da stereotipi, ossessioni, canoni estetici, imposizioni sociali. E cerca di parlare loro con sincerità, anche in merito alla sfera sessuale, sdoganandone i tabù (come quello della masturbazione).

L'audacia di Arisa si è riversata anche nei suoi look, che nel tempo si sono fatti più spregiudicati, senza alcun timore della nudità. Ha inaugurato il lancio del nuovo album (e chissà, forse anche di una nuova fase di vita) proprio posando nuda vestita solo di gioielli e un paio di guanti in latex, coi capelli corti al naturale. La nuova Arisa, libera e ribelle, si esprime col corpo: ne celebra la bellezza, l'unicità, anche i difetti. E ci ricorda che di tutto questo non bisognerebbe mai vergognarsi.

Lei si è liberata di tutte le gabbie. Il suo ultimo post è un inno proprio all'unicità che si cela dietro tutte le imposizioni: ha ribadito di non sentirsi pienamente appartenente a un solo genere. "Sono ogni donna, ma sono anche un uomo. E non c'è niente di sbagliato in me" ha scritto su Instagram, condividendo con fan e follower un reel in cui è completamente nuda.

È la sua rinascita e l'ha spiegata così: "Sono tutte le donne: perché ogni donna nasconde l'Universo dentro di sé e tutti ne siamo parte. E sono anche un uomo: perché una donna sola in una società ancora tanto retrograda o maschilista deve imparare a esserlo. Deve essere forte e rude, capace di combattere il più becero machismo e l'incomprensione da parte di alcune altre di Noi, senza mai perdere la propria femminilità, continuando ad amare. E non trovo nulla di sbagliato in questo".

Ha il seno coperto da pixel (per evitare la censura di Instagram) e le mani che le coprono le parti intime. Nel post ha taggato il profilo ufficiale della comunità LGBTQ+: quest'anno ha aperto il Pride di Padova esibendosi in nome dei diritti civili e contro ogni forma di discriminazione, ma soprattutto in nome dell'amore universale. Nella sua musica canta proprio questo: quanto sia bello essere liberi e amarsi oltre ogni confine, anche di genere.

11.928 CONDIVISIONI
Arisa torna sul palco con la tutina incrociata: cut-out sulla pancia e schiena nuda
Arisa torna sul palco con la tutina incrociata: cut-out sulla pancia e schiena nuda
Arisa stupisce i fan con l'abito metallico (e con la schiena nuda)
Arisa stupisce i fan con l'abito metallico (e con la schiena nuda)
Perché la festa della donna si celebra l'8 marzo: significato, storia e origini
Perché la festa della donna si celebra l'8 marzo: significato, storia e origini
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni