131 CONDIVISIONI
19 Giugno 2021
8:31

“Grazie, è bello rivedervi”, l’abbraccio di Eriksen alla squadra che gli ha salvato la vita

Christian Eriksen è tornato a casa, in Danimarca, dopo aver subito l’operazione al cuore. Gli hanno impiantato un defibrillatore sottocutaneo e adesso sta bene. “Chiediamo solo tranquillità”, ha spiegato la moglie Sabrina. Il calciatore ha voluto salutare i compagni di squadra e lo staff della nazionale che non lo ha mai lasciato solo. E gli ha salvato la vita.
A cura di Maurizio De Santis
131 CONDIVISIONI

Christian Eriksen ha lasciato l'ospedale. Una settimana fa rischiava di morire in campo, per essere andato in arresto cardiaco a causa di un malore improvviso, oggi è a casa circondato dall'affetto della famiglia. E sta bene. Poco importa adesso se potrà continuare a giocare al calcio, se potrà farlo in Italia (difficile, alla luce della normativa molto rigida) oppure in un'altra squadra all'estero. Importa di più che sia vivo nonostante tutto.

Il centrocampista danese ha subito un'operazione al cuore: gli hanno impiantato un defibrillatore sottocutaneo. Una specie di ‘bacchetta magica' che interviene a correggere eventuali anomalie per evitare che l'ingranaggio s'inceppi. Daley Blind, calciatore dell'Ajax e dell'Olanda, ha lo stesso congegno e la sua storia è incoraggiante per lo scandinavo che, a 29 anni, desidera tornare in campo (al netto dei protocolli sull'idoneità sportiva).

Non ora. Ma ci proverà se dagli specialisti arriverà il via libera. Questo è il tempo del relax assoluto e della tranquillità, lontano dallo stress delle partite, degli allenamenti e dalla pressione psicologica del risultato a tutti i costi. Eriksen lo sa ma, prima di congedarsi da quel microcosmo che fino a sette giorni costituiva gran parte della vita quotidiana, ha chiesto e ottenuto di rendere visita ai compagni di nazionale, alla squadra – medici compresi – che gli ha salvato la vita in quel pomeriggio di paura e angoscia, e gli ha fatto da scudo nel momento in cui la sua vita era appesa a un filo. "Sei tornato?", gli disse il dottore che lo aveva rianimato. "Sì, sono con voi… ho solo 29 anni, dannazione", replicò il giocatore che era crollato sul prato ‘come corpo morto cade'.

Eriksen ha riabbracciato tutti nel ritiro della Danimarca a Helsingor. E non c'è bisogno di spiegare quali possano essere state le emozioni nel rivederli. "L'operazione è andata bene e anche io sto bene date le circostanze. È stato grandioso rivedere i ragazzi dopo la fantastica partita che hanno giocato contro il Belgio. – Non serve dire che tiferò per loro lunedì contro la Russia". La sua vicenda ha tenuto il mondo del calcio col fiato sospeso ma, per fortuna, c'è stato il lieto fine.

Dall'Italia anche l'Inter s'è stretta intorno a lui e vorrebbe rendergli visita. Lo farà solo se il calciatore sarà in condizione di ricevere visite. Ci sarà prima un contatto telefonico e poi verrà presa una decisione. Il club riceverà la cartella clinica del calciatore che a luglio dovrebbe essere a Milano per ripetere i test cardiologici che ha svolto anche in Danimarca. Solo allora si capirà se potrà restare o meno in Serie A e cosa accadrà al suo contratto con i nerazzurri. Per adesso "chiediamo solo tranquillità", ha fatto sapere la moglie Sabrina, che corse in campo dopo aver visto il marito in gravi condizioni. Ed è giusto che prenda tutto il tempo che gli è necessario per tornare in piena salute.

131 CONDIVISIONI
Eriksen e i medici che gli hanno salvato la vita invitati speciali alla finale degli Europei
Eriksen e i medici che gli hanno salvato la vita invitati speciali alla finale degli Europei
Spinazzola abbandona il ritiro della Nazionale in stampelle: la commozione di Mancini e Vialli
Spinazzola abbandona il ritiro della Nazionale in stampelle: la commozione di Mancini e Vialli
Il pianto liberatorio di Mancini: "Ho dovuto piangere, sono stati 50 giorni estenuanti"
Il pianto liberatorio di Mancini: "Ho dovuto piangere, sono stati 50 giorni estenuanti"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni