2.578 CONDIVISIONI
30 Settembre 2019
11:09

L’appello di Enrico Letta al governo: “Entro un anno diamo il diritto di voto ai 16enni”

L’ex presidente del Consiglio, Enrico Letta, rivolge un appello al Pd e alla maggioranza di governo per chiedere di approvare al più presto due misure: lo ius culturae e il diritto di voto ai sedicenni. Letta ritiene che questa riforma costituzionale sia urgente e sostiene che con questa maggioranza si possa approvare.
A cura di Stefano Rizzuti
2.578 CONDIVISIONI

Subito lo ius culturae e il voto ai sedicenni. Quello che l’ex presidente del Consiglio, Enrico Letta, rivolge al Pd e al governo dalle pagine di Repubblica è un vero e proprio appello ad approvare al più presto due importanti leggi. Nell’intervista Letta chiede un passo concreto verso quello che viene definito il popolo di Greta: “Una riforma costituzionale da fare in un anno: il voto ai sedicenni”. Secondo Letta si tratta di un’operazione che porterebbe a dire a quei ragazzi una cosa semplice: “Vi prendiamo sul serio e riconosciamo che esiste un problema di sottorappresentazione delle vostre idee, dei vostri interessi. L’avevo già avanzata due anni fa. Adesso dico che è urgente, e che con questa maggioranza si può fare”.

La riduzione del numero dei parlamentari viene giudicata dall’ex presidente del Consiglio come una “cosa positiva”. Però è necessario accompagnarla a una nuova legge elettorale: secondo lui quella da adottare è “il Mattarellum, i collegi con una quota proporzionale”. A cui aggiungere “la sfiducia costruttiva: un governo casca perché ce n’è un altro pronto, se no si va al voto”. Un’altra idea è quella di legislature più brevi, anche di tre o quattro anni. In ogni caso Letta sa che questo governo non deve fallire, altrimenti “facciamo un favore a Salvini. Che si è avvitato, fa impressione vederlo lanciare merendine da un palco, ma è ancora fortissimo. E va battuto politicamente”. Sulla tenuta del governo, Letta giudica Renzi come una “piccola mina messa sotto l’esecutivo, ma non penso abbia l’interesse a farlo cadere”.

Letta parla anche di migranti: “È il modello di integrazione positiva a cui dobbiamo tendere. L'opposto dei tagli ai corsi di italiano per immigrati che sono stati una delle caratteristiche del salvinismo”. Giudizio positivo sul neo-ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese: “Ha cominciato col piede giusto. Il vertice di Malta è un passo avanti importante, ma non è la soluzione finale”. Infine, un commento sul fine vita: “La sentenza della Corte impone al Parlamento di farsi carico di questo tema, coinvolgendo tutti, tenendo conto delle complessità, ma seguendo l’indirizzo indicato dai giudici”.

2.578 CONDIVISIONI
Governo: Letta dice che Salvini è un "irresponsabile", per Orlando lo strappo della Lega è "grave"
Governo: Letta dice che Salvini è un "irresponsabile", per Orlando lo strappo della Lega è "grave"
Enrico Letta eletto deputato: vince le suppletive a Siena
Enrico Letta eletto deputato: vince le suppletive a Siena
La settimana prossima il governo prenderà una decisione sulla riapertura delle discoteche
La settimana prossima il governo prenderà una decisione sulla riapertura delle discoteche
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni