L'inizio del campionato di Serie A coincide da sempre con la partenza del fantacalcio e, in particolare, con il momento più importante dell'anno per ogni fantallenatore: l'asta. Il campionato è cominciato già nel weekend del 19-20 settembre, calciomercato aperto, e le prime tre giornate sono andate in archivio appena prima della chiusura delle trattative. Le squadre sono adesso definitive, con acquisti e cessioni che hanno delineato le formazioni titolari che vedremo in campo nel corso della stagione. Con la fine del mercato arriva il momento dell'asta del fantacalcio. La costruzione della propria fantarosa è fondamentale per garantirsi buone possibilità di vittoria a fine anno: ecco i consigli su chi comprare, la guida al fantacalcio con i portieri, i difensori, i centrocampisti e gli attaccanti da prendere all'asta.

I migliori portieri da prendere al Fantacalcio tra top player e low cost

I consigli, tra i portieri, dipendono dalla strategia. Chi punta sui top, non ha grande scelta e i nomi sono i soliti: Szczesny e Handanovic in testa, un gradino sotto Donnarumma con Strakosha. Ancora più dietro, Gollini e Pau Lopez. Il Napoli di Gattuso dà sensazione di solidità, ma in chiave fantacalcio pesano le gerarchie incerte tra Meret e Ospina. C'è anche un'altra strada, utile per risparmiare parte del budget: ragionare su nomi di secondo piano e giocare sugli accoppiamenti migliori per assicurarsi sempre almeno uno dei due portieri in casa nel maggior numero possibile di partite. Alcune idee? Sono interessante le alternanze Bologna-Fiorentina, Fiorentina-Torino e la classica Genoa-Sampdoria.

I migliori difensori della Serie A da comprare all'asta del Fantacalcio

I top – I più ambiti all'asta, come da tradizione, saranno i difensori goleador, quelli in grado di assicurare un discreto bottino di gol oltre che un buon rendimento. E dunque in prima fascia si parte inevitabilmente da Gosens e Hateboer, frecce dell'Atalanta di Gasperini. Sarà al suo debutto in Serie A, ma Hakimi arriva all'Inter con grandi referenze, vocazione offensiva e un ruolo che può esaltarlo. Può ripercorrere le orme del Theo Hernandez, realisticamente tra i difensori che saranno più pagati all'asta. Tornando in casa Inter, Kolarov e Young – presi alla giusta cifra – potrebbero rivelarsi un'occasione interessante. Per rendimento medio e capacità di regalare bonus, De Vrij, Koulibaly, Acerbi e Bonucci restano delle garanzie, con Manolas, Smalling, Romagnoli e Bastoni appena un gradino sotto. De Ligt salterà la prima parte di stagione per recuperare dall'intervento alla spalla, ma alle giuste cifre rappresenta il top nel ruolo. Occhio a Cuadrado, rientrato nella lista dei difensori.

Possibili sorprese – Negli occhi c'è ancora la sua ultima stagione alla Juventus, oggettivamente deludente. Ma attenzione ad Alex Sandro, che con Pirlo potrebbe ritrovarsi nuovamente esterno di un centrocampo a cinque in tutta fascia. Lo stesso ruolo che potrebbe occupare Spinazzola nella Roma, libero dalla concorrenza di Kolarov e di giocare con continutà. Di Lorenzo a tratti è stato il migliore in un'annata complicata per il Napoli e da lui ci si attendono ulteriori progressi che lo possano portare ad un livello superiore. In provincia, da seguire la crescita di Muldur, sorprendente con il Sassuolo nel finale dell'ultimo campionato. Vojvoda ha gamba e spinta: era stato seguito dall'Atalanta, giocherà nel Torino di Giampaolo. Da tenere in considerazione anche l'esperienza di Godin e Glik, che in carriera hanno vissuto anche fasi molto brillanti sul piano realizzativo. Il Genoa propone due frecce interessanti sugli esterni: Zappacosta e Luca Pellegrini potranno fare cose importanti anche in zona bonus.

Low cost – Tra le big c'è sempre qualche nome meno considerato, perché magari non stabilmente titolare. Da Demiral a Luiz Felipe, passando per D'Ambrosio, occhio alle occasioni a costi contenuti. Bruno Peres potrebbe finire per avere un certo spazio sulla corsia destra della Roma. Czyborra ha lasciato l'Atalanta per giocare di più nel Genoa, Biraghi è rientrato alla Fiorentina e sarà titolare. Tra le certezze, chi è destinato a giocarle praticamente tutti, come Iacoponi, Gunter e Caldirola.

I migliori centrocampisti della Serie A per il Fantacalcio

I top – Impossibile non partire dal Papu Gomez. Listato nuovamente tra i centrocampisti, è reduce da una stagione su livelli di rendimento stellari. Può persino fare meglio sul piano dei bonus e per questo è da prendere. Tra i calciatori che difficilmente tradiscono c'è Luis Alberto, per il quale vale un discorso simile al Papu: nei piedi, oltre ad una valanga di assist, ha le qualità per andare in gol con più regolarità. Menzione speciale per quei centrocampisti che giocheranno dalla trequarti in su. Mkhitaryan parte nettamente avanti rispetto alla concorrenza in casa Roma, e l'armeno è stato schierato in amichevole spesso come falso nueve. De Paul, dopo essere stato ad un passo dall'addio, continuerà ad essere il centro di tutte le azioni d'attacco dell'Udinese. Nell'Atalanta, oltre al Papu, c'è abbondanza di scelta in zona gol tra Pasalic, Malinovskyi e il nuovo arrivato Miranchuk. Unico neo: titolarità non assicurata, per cui la spesa va centellinata. E nell'elenco va inserito a pieno titolo Arturo Vidal, che la Serie A la conosce molto bene e con Conte è andato due volte in doppia cifra.

Possibili sorprese – Potrebbe sembrare strano leggere il nome di Dejan Kulusevski tra le sorprese, ma va letto in relazione al contesto. Lo svedese arriva alla Juventus e non sappiamo né quale modulo sceglierà alla lunga Andrea Pirlo, né in quale posizione sarà utilizzato l'ex Parma. Quel che sappiamo, però, è che nel suo primo campionato di Serie A ha dimostrato doti fuori dal comune e la capacità di essere decisivo negli ultimi 16 metri. Anche in bianconero avrà le sue occasioni. Perisic nell'Inter è ancora un'incognita, ma Conte lo sta rivalutando da esterno a tutta fascia, una dimensione che alla lunga potrebbe anche finire per esaltarlo. Djuricic ha chiuso bene la scorsa stagione e nel ruolo di trequartista, con De Zerbi, dà la sensazione di poter crescere ancora. Politano è listato centrocampista ma di fatto giocherà esterno nel tridente del Napoli, merita un riflessione. Ha preso il posto di Callejon, che nella Fiorentina potrebbe interpretare un ruolo diverso da quello avuto in azzurro, ma senza perdere appetibiilità. Verdi sulla trequarti nel sistema di Giampaolo potrebbe ritrovare la via del gol a lungo smarrita nell'ultimo campionato (ma occhio a Gojak, colpo last minute). Pereyra all'Udinese è diventato grande e nell'Udinese potrebbe ritrovarsi, da mezzala di inserimento può regalare qualche bonus. Occhio anche a Candreva, che nella Sampdoria è partito bene e avrà titolarità garantita.

Low cost – A pochi crediti, magari anche ad 1, potreste riuscire a garantirvi anche qualche bonus. Come nel caso di Benali e Pereiro, centrocampisti di vocazione offensiva di Crotone e Cagliari. Viola e Bourabia potrebbero non giocare tutte le partite con Benevento e Sassuolo, ma saranno tra i più utilizzati nelle rotazioni. Marin, nuovo regista del Cagliari, può essere scommessa interessante. Infine le garanzie di titolarità, ma senza spazio per i bonus: gente come Schouten, Hernani e Jankto.

I migliori attaccanti consigliati per il Fantacalcio

I top – All'asta, arrivati agli attaccanti, le strategie sono generalmente due: puntare su un top player o costruire un attacco assortito. Nel caso la vostra scelta sia la prima, i nomi da considerare sono abbastanza intuitivi. Partiamo da Ciro Immobile in omaggio al suo campionato da 36 gol (ma non aspettatevi un exploit simile, gli arbitri saranno più parsimoniosi nell'assegnazione dei rigori). Poi Cristiano Ronaldo e Romelu Lukaku a completare il trio degli attaccanti – sulla carta – più prolifici del campionato. Dietro questo trio, c'è una seconda fascia di attaccanti di livello medio alto. Da Lautaro Martinez a Dybala, da Zapata a Dzeko, da Ibrahimovic a Caputo. Per tutti loro spenderete meno, rispetto ai primi tre, e in qualche caso potreste avvicinarvi di molto al rendimento in zona gol.

Possibili sorprese – Chi finirà per segnare più di quanto previsto? Trovare la risposta a questa domanda comporta buone probabilità di vittoria del fantacalcio. Capitolo Osimhen: ha voglia e buoni numeri, il Napoli punta forte su di lui, giocherà in una squadra storicamente abituata a far segnare molto i suoi attaccanti (anche se ormai diversa dal Napoli di 2-3 anni fa). Basterà per fare la differenza? Dipenderà, in buona parte, dalla cifra che servirà per accaparrarselo. Attenzione a Belotti, che potrebbe essere valorizzato da Giampaolo come già gli è riuscito in passato con altri attaccanti. Berardi è reduce da una delle sue migliori annate e con De Zerbi sembra aver trovato la sua dimensione ideale per potersi ripetere. C'è grande aspettativa su Kalinic, centravanti titolare di un Verona capace di proporre un gran calcio. Barrow, dopo sei mesi da urlo, è atteso al salto di qualità definitivo nel Bologna. Così come Bonazzoli, che al Torino potrebbe continuare il percorso di crescita iniziato alla Samp. La Fiorentina è un'incognita, ma uno tra Kouamé e Vlahovic potrebbe esplodere.

Low cost – Per completare l'attacco può capitare anche di doversi accontentare di giocatori destinati ad un impiego part-time. A seconda della composizione del vostro attacco, può rivelarsi una buona idea. Lapadula sotto la guida di Inzaghi e Simy (20 gol nell'ultimo campionato di Serie B con il Crotone) hanno il posto garantito. Cutrone ha grande concorrenza lì davanti, ma di spazio ne troverà e potrebbe andar via per pochi crediti. Analogamente, Petagna e Rafael Leao negli affollati attacchi di Napoli e Milan potrebbero costarvi appena una manciata di fantamilioni. Inglese può ritrovare un posto da titolare nel Parma, Palacio e Pandev rappresentano l'usato garantito e saranno utili anche a gara in corso.