2.458 CONDIVISIONI
12 Maggio 2022
16:31

Chi ha dato la pedata ad Allegri, il mistero della Coppa Italia: “Non so chi era”

Il finale di Juve-Inter è stato scandito dalla reazione furibonda del tecnico, Massimiliano Allegri. La serata dell’Olimpico è stata una delle peggiori che potesse vivere. Qualcuno dalla panchina nerazzurra gli ha anche rifilato un calcio.
A cura di Maurizio De Santis
2.458 CONDIVISIONI
La rabbia di Massimiliano Allegri: oltre alla sconfitta in finale di Coppa Italia, ha incassato anche l’espulsione e la beffa di un calcio che qualcuno dalla panchina dell’Inter gli ha mollato.
La rabbia di Massimiliano Allegri: oltre alla sconfitta in finale di Coppa Italia, ha incassato anche l’espulsione e la beffa di un calcio che qualcuno dalla panchina dell’Inter gli ha mollato.

È come se avessero giocato allo schiaffo del soldato con Massimiliano Allegri. Quando s'è voltato non è riuscito a capire chi sia stato il colpevole tra quelle facce torve che lo circondavano. Chi è stato tra gli interisti presenti in panchina a mollargli quella pedata che lo stesso allenatore ha denunciato in tv? Chi ha approfittato della bagarre e ha ceduto alla tentazione di rifilare un pestone al tecnico della Juventus? Chi è stato a farsi giustizia da solo, senza troppi complimenti, alla vecchia maniera (anche se un po' infida) per mettere a tacere l'avversario? Chi s'è tolto lo sfizio? Chi, preso dall'adrenalina e col sangue alla testa, non s'è reso conto che ha rischiato grosso? Possibile che nessuno si sia accorto cosa è successo? Possibile non vi sia almeno una porzione di video che aiuti a ricostruire la scena e a trovare l'autore del gesto?

Nulla. Almeno per adesso non c'è neanche una clip amatoriale, una breve sequenza d'immagini ripresa con uno smartphone che possa mostrare il momento in cui il tecnico ha ricevuto la pedata. Sfottuto e deriso o "cornuto e mazziato" direbbero a Napoli. Uscito dal campo rosso rosso per la rabbia e per il colore del cartellino che l'arbitro Valeri gli ha sventolato sotto il naso (mentre Brozovic è stato graziato).

Allegri furibondo, viene trattenuto da Federico Bernardeschi a bordo campo. Già ammonito, sarà espulso nei supplementari.
Allegri furibondo, viene trattenuto da Federico Bernardeschi a bordo campo. Già ammonito, sarà espulso nei supplementari.

La serata dell'Olimpico e della finale di Coppa Italia persa con due rigori, di cui uno nei supplementari, e accompagnati da un carico di polemiche per la gestione e la valutazione degli episodi tra Var e campo (dai quali la Juve si sente danneggiata), è stata una delle peggiori che Allegri potesse vivere. Gli è successo di tutto. Perfino di vedere la faccia divertita di Dybala… quando l'ha cambiato quasi gli avrebbe urlato "ma che hai da ridere?"

Nelle orecchie e in testa gli ronza quell'espressione, zero tituli (a Torino non accadeva dall'annata sciagurata di Luigi Delneri), che è un tormento. Richiamato per mettere un po' d'ordine in una Juventus allo sbando dopo Maurizio Sarri e Andrea Pirlo, si ritrova tra le mani una qualificazione in Champions League risicata e un pugno di rimpianti.

Anzi, è riuscito a fare peggio anche del suo predecessore che qualcosa a casa l'aveva portato. E anche tra la sua gente, in quel popolo bianconero che ne aveva accolto il ritorno come manna dal cielo, c'è stato chi ha storto il muso per quei cambi della paura effettuati quando alla fine dell'incontro mancava circa una mezz'ora. Sostituzioni a causa delle quali ha consegnato spazio e iniziativa (è l'obiezione principale) a un avversario che s'è infilato come acqua nelle crepe e ha fatto crollare la diga.

Il nervosismo dell’allenatore della Juventus nel finale della sfida di Coppa Italia contro l’Inter.
Il nervosismo dell’allenatore della Juventus nel finale della sfida di Coppa Italia contro l’Inter.

Furente e scuro in volto. Così è apparso Allegri per buona parte del match. Lo era quando è arrivato muso a muso con Farris, il vice di Inzaghi. Gli è successo un paio di volte, nella seconda ha incrociato sulla sua strada anche Lautaro Martinez. Ed è stato allora che si è spinto molto oltre la sua area tecnica, esondando verso la panchina nerazzurra. Momenti di tensione avvenuti prima per il rigore assegnato all'Inter nel secondo tempo e dopo per l'esultanza degli avversari nei supplementari. L'applauso dei rivali al direttore di gara deve essere stato come mandare giù, a forza, un cucchiaino di olio di ricino.

Il tecnico ha spiegato la sua versione dei fatti: "Sul gol dell’Inter è passato uno dell’Inter, non so chi era… è mi ha dato una pedata – le parole in conferenza stampa -. Mi sono girato e mi sono un po’ arrabbiato. Credo sia anche umano e normale. Dopo dispiace, l’arbitro giustamente mi ha buttato fuori perché mi ha visto arrabbiato. Ma conta solo che l'Inter ha vinto e noi abbiamo perso".

2.458 CONDIVISIONI
Berrettini infortunato, salta la Coppa Davis ma non lascia sola l'Italia:
Berrettini infortunato, salta la Coppa Davis ma non lascia sola l'Italia: "Sarò con la squadra"
Inzaghi risponde ad Allegri:
Inzaghi risponde ad Allegri: "Noi i migliori d'Italia? Lo diceva anche l'anno scorso..."
L'Italia è in semifinale di Coppa Davis! Bolelli e Fognini fanno l'impresa contro gli USA
L'Italia è in semifinale di Coppa Davis! Bolelli e Fognini fanno l'impresa contro gli USA
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni