2.597 CONDIVISIONI
12 Maggio 2022
10:57

Ora la Juve si sente danneggiata dagli arbitri contro l’Inter: dopo Irrati anche Valeri

La Juventus si sente danneggiata dagli arbitri dopo la finale di Coppa Italia persa contro l’Inter. Le decisioni di Irrati in campionato e poi Valeri all’Olimpico hanno generato malumori in casa bianconera.
A cura di Fabrizio Rinelli
2.597 CONDIVISIONI

La finale di Coppa Italia tra Juventus e Inter è stata caratterizzata da diverse situazioni controverse. I meriti dell'Inter sul campo sono evidenti, specie per il carattere e la forza mostrata affinché i nerazzurri riuscissero a rimontare lo svantaggio dopo la rete di Vlahovic. Ma prima il rigore su Lautaro per il presunto contatto con Bonucci e poi il calcio di rigore non assegnato ai bianconeri per il contatto netto di De Vrij sullo stesso Vlahovic in area di rigore, hanno fatto irritare la Juventus che si è sentita danneggiata. In effetti nelle ultime due partite giocate fra campionato e Coppa Italia, si nota una certa insofferenza generale nell'ambiente bianconero che si sente fortemente penalizzato.

Questo è il rigore che c’era su Vlahovic nella finale di Coppa Italia
Questo è il rigore che c’era su Vlahovic nella finale di Coppa Italia

La sensazione è questa anche se poi, specialmente per bocca di Allegri, la Juventus ha tenuto un profilo basso, anzi, il tecnico livornese ieri ha anche elogiato l'arbitro Valeri a fine partita: "L'arbitro ha diretto con grande autorevolezza, è stato bravo – ha sottolineato – Posso solo fare i complimenti all'Inter che ha fatto una bella partita, all'arbitro che ha arbitrato una bella partita". Ma c'è malumore e si è visto anche in campo con lo sfogo plateale dello stesso Allegri poi espulso dal direttore di gara per proteste a seguito di un battibecco con la panchina nerazzurra: "È passato uno dell'Inter e mi ha dato una pedata".

Ciò che è emerso dunque dalle ultime due sfide giocate fra Juventus e Inter è proprio che i bianconeri si sentano danneggiati in entrambe le partite. In campionato, lo scorso 3 aprile all'Allianz Stadium, le proteste per il rigore ripetuto da Calhanoglu ma soprattutto il penalty non assegnato da Irrati alla Juve dopo il contatto in area nerazzurra di Bastoni su Zakaria, crearono un certo malumore che poi pubblicamente è stato controllato abbastanza, anche in quel caso, da Allegri nelle dichiarazioni post gara: "Irrati è stato molto bravo, ha arbitrato bene – dichiarò – Poi le decisioni ogni tanto vanno da una parte e ogni tanto dall'altra". In quell'occasione però l'unica voce fuori dal coro furono le esternazioni di Rabiot che in un post al termine della partita scrisse:

"È difficile giocare in 11 contro 12". Una riflessione che è proseguita anche in questo caso con la famiglia Rabiot che di certo non ha perso occasione per attaccare la classe arbitrale italiana e il VAR. Il fratello del centrocampista francese infatti sul proprio account Instagram ha sfogato tutta la sua rabbia e frustrazioni per le decisioni controverse dello stesso arbitro Valeri ai danni della Juventus: "InterCorruptionVAR FC 4 Juventus 2" scrive ironizzando sul nome del club nerazzurro legato alla tecnologia in campo che non avrebbe aiutato l'arbitro a cambiare la propria decisione sul rigore per l'Inter su Lautaro. La sua stories prosegue: "Merci la VAR, Merci l'Arbitre" che forse è l'unica esternazione fuori dal coro ma che probabilmente rappresenta un po' la voce della Juve…

2.597 CONDIVISIONI
Calhanoglu senza freni su Inzaghi e lotta Scudetto, l'Inter non gradisce: ora rischia una multa
Calhanoglu senza freni su Inzaghi e lotta Scudetto, l'Inter non gradisce: ora rischia una multa
Arbitro muore dopo una violenta aggressione in campo, tragedia in El Salvador:
Arbitro muore dopo una violenta aggressione in campo, tragedia in El Salvador: "Chiediamo giustizia"
Pirlo allenatore del Karagümrük, ora è ufficiale: alla Juve percepiva quasi lo stesso stipendio
Pirlo allenatore del Karagümrük, ora è ufficiale: alla Juve percepiva quasi lo stesso stipendio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni