Dopo la polemica sul suo mega-stipendio e dopo l’audio in cui metteva sotto accusa i tecnici del ministero dell’Economia, Rocco Casalino, portavoce del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, torna a essere al centro del dibattito politico. Ancora una volta per un suo messaggio audio inviato su WhatsApp ad alcuni giornalisti. Cambia l’argomento: stavolta si parla di Genova. A soli tre giorni di distanza dal crollo del Ponte Morandi, quando ancora si fa la conta delle vittime. Siamo al 17 agosto. Il giorno dopo si sarebbero tenuti i funerali di Stato per alcune delle vittime del crollo del ponte (i familiari di alcune vittime non hanno voluto il funerale di Stato per i loro parenti morti nel crollo). Come è normale che sia in questi casi, tanti cronisti cercano Casalino, gli chiedono informazioni sul comportamento del governo in giorni molto caldi. Non solo per la gestione del crollo ma anche per quanto riguarda le minacce dell’esecutivo di revocare la concessione ad Autostrade. D’altronde è stato lo stesso Casalino a giustificare il suo mega-stipendio dicendo che lavora sempre, sette giorni su sette, 13-14 ore al giorno. Impegno che giustifica i suoi 170mila euro annui ma anche i giornalisti che cercano da lui informazioni sul governo.

Casalino se la prende coi giornalisti, però, preoccupandosi più che altro delle sue vacanze saltate. In un messaggio inviato a una decina di giornalisti, e riportato quest’oggi dal Giornale, sbotta: “Basta, non mi stressate la vita. Io pure ho diritto a farmi magari un paio di giorni, che già mi è saltato Ferragosto, Santo Stefano, San Rocco e Santo Cristo. Mi chiamate come i pazzi, cioè, datevi una calmata, cioè”. Poi Casalino fornisce anche delle indicazioni su come comportarsi ai cronisti: “Chiamate una volta, poi se mai mi mandate un messaggio e se ho qualcosa da dirvi va le dico”.

Renzi: ‘Crolla il ponte e Casalino pensa a Ferragosto?’

Dopo la diffusione della notizia dell’audio di Casalino sono arrivati i primi commenti dal mondo della politica e, in particolare, dall’opposizione. L’ex segretario del Pd, Matteo Renzi, attacca su Twitter: “Crolla il Ponte di Genova e il portavoce del Governo pensa al Ponte di Ferragosto? Ma dove siamo finiti con questo Casalino? Gli è saltato Ferragosto, poverino #RoccoVergogna”. Duro il commento anche dell'ex ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli: "Di fronte ai morti di Genova ecco la vera preoccupazione del portavoce del premier Conte:'Mi salta il ferragosto'. A casa subito! #RoccoVergogna". Chiede le dimissioni di Casalino anche la deputata dem Alessia Morani: "Casalino si lamenta perché con la tragedia di Genova gli è saltato il ferragosto. Avete capito? Il ferragosto! Che squallore! Ma quando se ne va?", afferma rilanciando anche lei l'hashtag #RoccoVergogna.

Le scuse di Casalino

Il portavoce del presidente del Consiglio si è poi scusato attraverso una nota: "Sento di dover chiedere scusa per l'effetto prodotto da un mio audio privato finito sui giornali. Nelle mie parole non c'è mai stata la volontà di offendere le vittime di Genova. Offende, invece, l'uso strumentale che alcuni giornali stanno facendo di questa tragedia", afferma Casalino.