1.624 CONDIVISIONI
10 Luglio 2018
18:29

Pd propone legge per introdurre salario minimo: “Non si può pagare lavoratore meno di 9 euro l’ora”

Il Pd ha presentato una proposta di legge per introdurre il salario minimo orario per tutti i lavoratori che non hanno un contratto collettivo di riferimento. La proposta prevede un minimo orario di 9 euro netti. “Vogliamo un salario che aiuti il sistema ad aumentare il livello dei salari, è una scommessa che valorizza i corpi intermedi”, afferma il segretario dem Maurizio Martina.
A cura di Stefano Rizzuti
1.624 CONDIVISIONI

In una fase in cui il Parlamento attende di discutere il Decreto dignità, il primo provvedimento del governo che passerà all’esame delle Camere, il Partito Democratico propone un disegno di legge che introduca il salario minimo orario per tutti i lavoratori che non hanno un contratto collettivo di riferimento. Il minimo di retribuzione oraria fissato dalla legge è di 9 euro netti. L’obiettivo, secondo quanto spiegato dal segretario del Pd Maurizio Martina durante la presentazione avvenuta oggi alla Camera, è quello di “sperimentare un salario che possa aiutare il sistema ad aumentare il livello dei salari. È una scommessa che valorizza i corpi intermedi”.

Martina ricorda che il salario minimo legale esiste già in molti paesi europei e solo in cinque stati non è ancora presente. Nella proposta di legge si prevede una commissione formata da esperti e rappresentanti delle parti sociali che avrebbero il compito di fornire indicazioni al ministero del Lavoro per aggiornare periodicamente il valore del salario minimo.

Il capogruppo del Pd alla Camera, Graziano Delrio, sottolinea come questa nuova iniziativa si vada ad affiancare alle precedenti proposte di legge avanzate su reddito di inclusione e assegno universale per i figli: “Si completa l’agenda sociale proposta dal Pd”. “Manteniamo un impegno per tutelare le oltre 2 milioni di persone che sono fuori da questa soglia. Il governo fa promesse – osserva Delrio – noi presentiamo una proposta che non va contro il tema della contrattazione, anzi aiuta il lavoro dei sindacati”. Alla presentazione c’era anche la responsabile Lavoro del Pd, Chiara Gribaudo, che ha spiegato come si tratti di “un salario minimo legale e non contrattuale per i settori non sindacalizzati: la nostra proposta migliorabile è di 9 euro netti”.

Camusso: ‘Ennesimo errore del Pd’

L’iniziativa promossa dal Pd viene subito criticata dal segretario generale della Cgil, Susanna Camusso: “È sbagliato pensare al salario minimo per legge. Faccio una domanda al Pd: ha senso che la prima proposta legislativa che fate va contro Cgil, Cisl e Uil? Dal governo c’è il segnale che quella è la via di fuga per le nuove professioni. Che senso ha fare questa proposta e non invece farne una sull'aumento della copertura contrattuale per i lavoratori che ne sono esclusi?”. “Il tema – prosegue Camusso – non è se il salario minimo lo decide il Parlamento o lo decidono i sindacati. Questa è la conferma di quegli errori per cui ora ci troviamo a discutere di una sinistra. E noi pensiamo che c’è bisogno di una sinistra”.

1.624 CONDIVISIONI
Salario minimo, via libera del Parlamento europeo alla direttiva
Salario minimo, via libera del Parlamento europeo alla direttiva
Cosa cambia con l'assegno unico per i figli nel 2022: chi ci guadagna, chi ci perde e quali sono gli importi
Cosa cambia con l'assegno unico per i figli nel 2022: chi ci guadagna, chi ci perde e quali sono gli importi
Manovra, Catalfo: “Ok a modifiche Rdc, sono incentivo a non rifiutare offerte, purché siano congrue”
Manovra, Catalfo: “Ok a modifiche Rdc, sono incentivo a non rifiutare offerte, purché siano congrue”
1.396 di Giulia Salvatori
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni