7.944 CONDIVISIONI
14 Maggio 2020
07:53

Dal 18 maggio l’autocertificazione servirà solo per gli spostamenti tra Regioni

Dal 18 maggio non servirà più il modulo di autocertificazione. Con la riapertura di bar, ristoranti, parrucchieri e negozi ci si potrà muovere all’interno della propria Regione senza dover giustificare lo spostamento alle forze dell’ordine. Il modulo rimarrà obbligatorio per andare da una Regione all’altra. In questo caso rimane tutto come durante il lockdown: si potrà uscire dalla propria Regione solo per motivi di lavoro, salute o necessità. E per farlo bisognerà avere con sé l’autocertificazione: almeno fino al 1° giugno.
A cura di Annalisa Girardi
7.944 CONDIVISIONI

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, lo ha anticipato ieri in conferenza stampa illustrando il decreto Rilancio approvato dal governo: dal 18 maggio sarà avviata una nuova fase della riapertura, ma per gli spostamenti tra le Regioni si dovrà aspettare ancora un po'. Mentre si attendono le pagelle sulle Regioni, che contengono i numeri rispetto all'evoluzione dell'epidemia di coronavirus nel territorio e indicano  dove sarà possibile un ritorno alla normalità e dove servirà invece mostrare ancora cautela, è ormai chiaro che anche dopo il 18 maggio non si potrà uscire dalla propria Regione se non per motivi di lavoro o salute, come già accadeva nel lockdown. Gli spostamenti interregionali rimarranno "congelati" ancora per un po', ha spiegato Conte. A questo punto, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti dovrebbe essere esibito solo nel caso in cui si esca dalla Regione di residenza.

"Troppi trasferimenti potrebbero condizionare una variazione della curva epidemiologica elaborata su base regionale", ha aggiunto Conte, specificando che le autorità regionali sono d'accordo sulla linea prudente. Anche quelle che puntano alla riapertura di tutte le attività da lunedì prossimo. Con la riapertura di bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti, e con la possibilità di andare a fare visita anche agli amici, salterà l'obbligo di compilare i modulo di autocertificazione del ministero dell'Interno da esibire alle forze dell'ordine per giudicare gli spostamenti. Rimarrà obbligatorio, quindi, dove di norma gli spostamenti non sono permessi: cioè nel trasferimento da una Regione all'altra. In questo caso rimane tutto come nel lockdown: si potrà uscire dalla propria Regione solo per ragioni lavorative, di salute o di estrema necessità. Tra queste risulta anche il ritorno al proprio domicilio, possibile già dallo scorso 4 maggio. Ma per gli altri spostamenti bisognerà attendere almeno il 1° giugno.

Il governo sarebbe però pensando di concedere delle deroghe per gli spostamenti brevi tra Regioni confinanti e con uno stato epidemiologico simile. Molti cittadini che abitano al limite del territorio regionale e hanno familiari dall'altra parte potrebbero in questo modo incontrare finalmente i propri cari: questa possibilità potrebbe essere data tramite un accordo tra Regioni limitrofe, ma non è ancora chiaro in che termini. Per quanto riguarda invece gli spostamenti consentiti all'interno del territorio regionale, dal 18 maggio sarà possibile incontrare anche gli amici. Rimane valido il divieto di assembramento: bisognerà comunque mantenere le distanze di sicurezza e, dove possibile, indossare la mascherina in modo da limitare i rischi di contagio.

7.944 CONDIVISIONI
Suicidio assistito, Fabio Ridolfi sceglie la morte con sedazione profonda:
Suicidio assistito, Fabio Ridolfi sceglie la morte con sedazione profonda: "Non ho paura"
Allerta meteo domani 18 giugno per maltempo e temporali: tutte le Regioni a rischio
Allerta meteo domani 18 giugno per maltempo e temporali: tutte le Regioni a rischio
FdI dà la colpa al reddito di cittadinanza anche per l'assenza dei presidenti di seggio a Palermo
FdI dà la colpa al reddito di cittadinanza anche per l'assenza dei presidenti di seggio a Palermo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni