1.239 CONDIVISIONI
13 Aprile 2021
08:06

Cambia il piano vaccinale di Figliuolo: come vuole arrivare a 500mila somministrazioni al giorno

Il piano vaccinale del generale Figliuolo dovrebbe decollare definitivamente nelle prossime settimane. Secondo le consegne previste – e ad oggi confermate – arriveranno 45 milioni di dosi da qui a giugno. Il commissario ferma le fughe in avanti dei governatori e richiama tutti all’ordine: si procede per età. Ma da fine maggio lo stesso Figliuolo è convinto che si passerà alle categorie produttive, se tutti seguiranno la sua campagna.
A cura di Tommaso Coluzzi
1.239 CONDIVISIONI

Il generale Figliuolo è sicuro: il piano vaccinale è pronto a decollare. La giornata di ieri è stata caratterizzata dalla lite a distanza con il presidente della Campania De Luca, ma anche dalle garanzie ottenute dai rappresentanti di Johnson&Johnson e Pfizer. I vaccini arriveranno, saranno consegnati regolarmente nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. La campagna è ripartita dagli anziani, eliminando le priorità per categorie e procedendo per età. Ma il commissario straordinario sa bene che dovrà arrivare presto, prima possibile, anche al comparto produttivo. Perché le fughe in avanti, come quella del governatore campano, o le proposte di deviazione, come le isole Covid free, si faranno sempre più frequenti.

Alla struttura commissariale che gestisce l'emergenza i conti tornano: arriveranno 45 milioni di dosi dei vaccini contro il Covid da qui a giugno. Il che vuol dire 15 milioni al mese. Anche se le 500mila somministrazioni al giorno sembrano essere sempre più un obiettivo a cui tendere ma – al momento – irrealizzabile. Numeri alla mano, il punto più importante è dare continuità alle Regioni, con rifornimenti regolari e precisi. Solo così si potrà arrivare a vaccinare i settori produttivi già a fine maggio. La prossima settimana sarà cruciale: tra giovedì 15 aprile e il 22 arriveranno circa 4,2 milioni di dosi, spiegano dagli uffici del generale. La maggior parte saranno Pfizer, ma con una buona quantità di Johnson&Johnson che, si sa, è monodose.

I vaccini, però, non bastano mai. Perciò la pressione del generale Figliuolo sulle case farmaceutiche è costante: tra il 22 e il 30 aprile dovrebbero arrivare altre 4 milioni di dosi, ma all'Italia potrebbero arrivare dei flaconi extra proprio da Pfizer (come già accaduto) e J&J. È necessario cambiare passo e recuperare questi mesi in cui si è andati troppo lentamente, se si vuole raggiungere l'obiettivo immunità entro settembre. Servirà, in questo senso, l'aiuto dei governatori, con i quali Figliuolo ha contatti costanti per tenere la macchina nazionale oliata e organizzata. Niente strappi alla De Luca, ma neanche proposte di isole Covid free, per ora. Perché, se tutto andrà come pensa Figliuolo, presto il problema sarà risolto.

1.239 CONDIVISIONI
Il generale Figliuolo dice che non c'è nessun ritardo sui vaccini e che il piano sarà rispettato
Il generale Figliuolo dice che non c'è nessun ritardo sui vaccini e che il piano sarà rispettato
Il generale Figliuolo ammette: "Su AstraZeneca e mix vaccinale governo poteva comunicare meglio"
Il generale Figliuolo ammette: "Su AstraZeneca e mix vaccinale governo poteva comunicare meglio"
Vaccini, Regioni lanciano allarme su mancanza dosi: come stanno davvero le cose su consegne luglio
Vaccini, Regioni lanciano allarme su mancanza dosi: come stanno davvero le cose su consegne luglio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni