4.863 CONDIVISIONI
8 Gennaio 2021
13:39

Cinque Regioni in zona arancione, resto d’Italia in zona gialla da lunedì 11 gennaio

Cambiano i colori delle Regioni: da lunedì 11 gennaio torna la divisione in zona gialla, zona arancione e zona rossa. Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto finiscono in zona arancione, mentre tutto il resto d’Italia sarà in zona gialla. La misura sarà valida da domenica per le 5 Regioni, ma questo fine settimana tutta Italia è ancora in zona arancione.
A cura di Tommaso Coluzzi
4.863 CONDIVISIONI

Le Regioni italiane tornano a colorarsi in base alle misure restrittive: in base ai dati epidemiologici sono pronte a tornare in zona gialla, arancione o rossa. Dopo settimane di decisioni prese a livello nazionale, l'11 gennaio le Regioni saranno distinte per colore così come lo sono state fino alla vigilia di Natale. Le novità saranno valide da lunedì prossimo a venerdì 15 gennaio, al momento. Il Governo dovrebbe approvare un nuovo Dpcm per prolungare le misure restrittive e l'impianto in zone colorate dal 16 gennaio a fine mese, quando scadrà lo stato di emergenza. Tutto lascia pensare, però, che verrà prorogato, anche se non si sa ancora se prima o dopo il prossimo Dpcm. Nel frattempo, per la prossima settimana, si torna alla divisione in zona rossa, arancione e gialla: in diverse Regioni torneranno le misure restrittive che hanno caratterizzato i mesi autunnali, mentre in altre potranno riaprire alcune attività – come bar e ristoranti – e saranno ridotte le limitazioni alla circolazione. Restano valide le regole generali, come il coprifuoco dalle 22 alle 5 e il divieto di spostarsi tra Regioni se non per comprovate esigenze.

Le restrizioni valide per le Regioni in zona arancione

In zona arancione finiscono Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto. Dall'11 gennaio, nelle Regioni arancioni, ci si potrà muovere liberamente, ma solo all'interno del proprio Comune. Aprono i negozi, ma restano chiusi bar, ristoranti e pub, che però potranno lavorare facendo servizio d'asporto e consegne a domicilio ai clienti. Per uscire dal Comune servirà l'autocertificazione e una motivazione valida tra le esigenze comprovate. Valide le misure nazionali come il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino e la chiusura di piscine, palestre e centri sportivi, ma anche del comparto culturale: cinema, musei, teatri.

Zona gialla: misure meno stringenti per alcune Regioni

Tutte le altre Regioni da lunedì 11 gennaio saranno in zona gialla: Abruzzo, Basilicata, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria e Val d'Aosta. La mobilità tornerà ad essere libera: si potrà circolare all'interno della propria Regione con l'unico limite del coprifuoco notturno, dalle 22 alle 5. Bar e ristoranti possono restare aperti e accogliere clienti fino alle 18, poi possono attivare servizio d'asporto e consegne a domicilio. Negozi aperti, non solo quelli che vendono beni essenziali. Restano chiusi invece le attività culturali, come teatri, musei e cinema, e quelle sportive, come palestre e piscine.

4.863 CONDIVISIONI
Speranza firma l'ordinanza: una Regione passa in zona arancione e una in zona gialla da lunedì
Speranza firma l'ordinanza: una Regione passa in zona arancione e una in zona gialla da lunedì
Le Regioni che andranno in zona arancione e in zona gialla dopo la Befana
Le Regioni che andranno in zona arancione e in zona gialla dopo la Befana
Quali Regioni rischiano la zona arancione da lunedì 17 gennaio
Quali Regioni rischiano la zona arancione da lunedì 17 gennaio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni