La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha ufficializzato la lista dei componenti del prossimo esecutivo comunitario. Per l’Italia la scelta del governo è ricaduta sull’ex presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che ambisce a una casella importante in campo economico (si fa più insistente nelle ultime ore l'ipotesi dell'Industria). Von der Leyen ha ufficializzato la lista dei commissari dopo i colloqui formali che ha tenuto negli scorsi giorni con i diretti interessati, proposti dai singoli Stati membri. Nella nuova Commissione gli esponenti del Partito popolare saranno nove, quelli del Partito Socialista 10 e i Liberali saranno sei. Inoltre ci saranno anche un ecologista e un Conservatore. Per quanto riguarda la composizione e i singoli ruoli, invece, bisognerà aspettare domani per avere qualche dettaglio in più.

La lista dei commissari Ue

La lista dei componenti della prossima Commissione europea è stata resa nota dallo stesso esecutivo, eccola con i componenti scelti da ogni Paese:

Austria: Johannes Hahn

Belgio: Didier Reynders

Bulgaria: Mariya Gabriel

Croazia: Dubravka Šuica

Cipro: Stella Kyriakides

Repubblica ceca: Věra Jourová

Danimarca: Margrethe Vestager

Estonia: Kadri Simson

Finlandia: Jutta Urpilainen

Francia: Sylvie Goulard

Grecia: Margaritis Schinas

Ungheria: László Trócsányi

Irlanda: Phil Hogan

Italia: Paolo Gentiloni

Lettonia: Valdis Dombrovskis

Lituania: Virginijus Sinkevičius

Lussemburgo: Nicolas Schmit

Malta: Helena Dalli

Paesi Bassi: Frans Timmermans

Polonia: Janusz Wojciechowski

Portogallo: Elisa Ferreira

Romania: Rovana Plumb

Slovacchia: Maroš Šefčovič

Slovenia: Janez Lenarčič

Svezia: Ylva Johansson

A questi va aggiunto Josep Borrell, spagnolo, designato come Alto rappresentante dell’Ue per gli Affari esteri e la polizia di sicurezza.

Commissione Ue, cosa succede ora

Martedì 10 settembre von der Leyen ufficializzerà le competenze di ogni singolo commissario. Poi spetterà al Consiglio dell’Unione europea approvare l’elenco dei candidati, così come previsto dal trattato dell’Ue. L’elenco verrà pubblicato, a quel punto, in Gazzetta ufficiale. A questo punto si passerà all’esame del Parlamento europeo, che dovrà approvare l’intero collegio dei commissari. Ma prima saranno le commissioni parlamentari a valutare, per competenza, i singoli commissari con delle apposite audizioni. Una volta arrivata l’approvazione dell’Europarlamento i commissari verranno ufficialmente nominati dal Consiglio europeo.