Una nuova violenta scossa di terremoto ha colpito la Croazia nel tardo pomeriggio di oggi , mercoledì 6 gennaio, facendo tremare la terra anche in Italia. Dai primi rilievi la scossa ha avuto magnitudo superiore a 5 gradi della scala Richter e avrebbe colpito la stessa area della Croazia già interessata dal potente sisma dei giorni scorsi. L'epicentro sarebbe localizzato a circa cinquanta chilometri a sud est della capitale Zagabria. La scossa è stata distintamente avvertita anche oltre confine compresa l'Italia, in particolare a Trieste dove centinaia sono state le segnalazioni da parte dei residenti.

Secondo i rilievi del nostro Istituto nazionale di geofisica vulcanologia, la scossa di terremoto in Croazia ha avuto magnitudo pari a 5.2 della scala Richter ed è stata registrata dai sismografi precisamente alle 18:01 ora italiana con epicentro nei pressi di Petrinja, la cittadina già devastata dal sisma di di magnitudo 6.2 che ha causato danni e morte nel Paese. Stando sempre ai dati dell'Ingv, l'epicentro del fenomeno sismico è stato localizzato con precisione con coordinate geografiche (lat, lon) 45.45, 16.22, vale a dire poco a nord della cittadina croata, e con ipocentro ad una profondità di circa 10 chilometri.

La scossa di terremoto in Croazia di oggi è la più grande replica registrata dopo il terremoto di Petrinja. È stata distintamente avvertita dalla popolazione locale e anche a Zagabria dove ormai da giorni si vive purtroppo nel terrore con decine di scosse al giorno, molte anche di forte intensità. Secondo i media locali, il tremore della terra è durato per circa 10 secondi ma al momento non si segnalano feriti. Si registrano però diversi crolli in palazzi già pericolanti. Segnalazioni del terremoto sono arrivate anche dal Friuli Venezia Giulia, in particolare dalle zone di confine attorno a Trieste ma anche a Gorizia. Al momento in Italia non vengono segnalati danni a persone o cose.