29 Marzo 2020
12:29

MotoGP Virtual Race, la diretta web e tv della prima sfida al videogioco

Oggi sul circuito virtuale del Mugello le qualifiche e gara del primo round del calendario 2020 del campionato eSport riservato ai piloti della top class. Grande assente Valentino Rossi, all’appello mancano anche i piloti Ducati Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci. Marc Marquez sfida in casa il fratello Alex al debutto in top class e che potrebbe dover correre con la Honda #99 di Jorge Lorenzo. Battaglia tra i piloti Yamaha Maverick Vinales e Fabio Quartararo. Sono della partita anche Alex Rins e Joan Mir (Suzuki), Aleix Espargaro (Aprilia), Francesco Bagnaia (Ducati Pramac), Miguel Oliveira e il rookie Iker Lecuona (KTM Tech3).
A cura di Valeria Aiello

Router acceso e connessione internet ok: la MotoGP parte oggi con la Virtual Race, round inaugurale del calendario della stagione 2020 del campionato eSport riservato ai piloti della top class. L’organizzazione del Motomondiale ha scelto una pista decisamente suggestiva per la prima sfida da remoto, il circuito del Mugello, l’autodromo toscano di proprietà della Ferrari che più di due decenni ospita abitualmente il GP d’Italia.

MotoGP Virtual Race, la partenza alle ore 15:00

Tutto pronto per la partenza, fissata per questa domenica 29 marzo alle ore 15:00, evento di apertura della serie online sulla piattaforma del videogioco ufficiale MotoGP 2019 sviluppato dalla software house italiana Milestone. Primo appuntamento in programma anche se con un elenco di piloti ristretto a dieci rider che si contenderanno la vittoria della prima Virtual Race della storia di questo sport. Del resto, quanto sta accadendo a causa dell’epidemia di Coronavirus (qui le ultime notizie e gli aggiornamenti in tempo reale) non ha eguali nell’era moderna, una terribile eccezione che si sta cercando di fronteggiare, restando a casa e limitando allo stretto necessario gli spostamenti dal proprio domicilio per ridurre il rischio contagio.

Link diretta web e tv sui canali ufficiali

La prima Virtual Race si corre sul circuito virtuale del Mugello su una distanza di 6 giri preceduta da un turno di qualifiche di cinque minuti che decide la griglia di partenza. L’evento è trasmesso dai canali ufficiali del campionato motogp.com e esport.motogp.com, dai canali delle emittenti televisive che detengono i diritti di messa in onda del campionato (Sky Sport MotoGP per l’Italia) e sulle pagine social del campionato: YouTube (canali MotoGPeSport e MotoGP ), Twitter eSport MotoGP, Instagram e Facebook (eSport MotoGP e MotoGP). Già annunciata anche la data della seconda Virtual Race che si giocherà il domenica 12 aprile, il giorno di Pasqua. Tutte le informazioni sul prossimo prossimo round in calendario e i piloti che saranno al via a questo link.

Marc Marquez, sfida diretta in casa con il fratello Alex

La MotoGP virtuale inizia oggi e le abilità richieste ai piloti sono quelle sviluppate giocando alla Playstation. Abituato a guidare la sua Honda RC213V anche con un joypad in mano il campione in carica Marc Marquez. “Stiamo vivendo un momento difficile – dice l’otto volte iridato – ma è bello portare un po’ di azione in casa dei fan. Lo facciamo per tutte le persone che amano la MotoGP, per regalare loro qualcosa di bello in questi giorni incredibilmente difficili, grazie a tutti gli altri piloti e al campionato per averli messi insieme”. Il fuoriclasse spagnolo si collega da casa dei genitori (“Resto a casa, mi sto allenando il più possibile mentre sono al sicuro”) dove vive insieme al fratello Alex. “A noi piace giocare insieme a MotoGP ma questa volta lo facciamo un po’ più seriamente, vogliamo la vittoria e, con una gara di soli sei giri, possiamo essere aggressivi e spingere al massimo”.

Alex Marquez con il #99 di Jorge Lorenzo?

Per il più giovane dei Marquez si tratta del debutto, anche se in forma virtuale, in top class. “Avevo immaginato il mio esordio in maniera un po’ diversa ma adesso non vedo l’ora – ammette il rookie spagnolo – . Di solito sono abbastanza competitivo a MotoGP, quindi non sono proprio un vero novellino. Specialmente sul un circuito molto veloce e divertente come il Mugello, dove alla staccata della curva 1 si possono fare delle grandi manovre” ammette, senza per adesso rivelare se sul cupolino della sua moto compare o meno il suo numero di gara, il #73, oppure se (visto che la versione del videogioco è quella del 2019) dovrà “adattarsi” alla RC213V #99 di Jorge Lorenzo. In ogni caso, la connessione internet di casa Marquez è molto probabilmente a fibra ottica, altrimenti per loro è davvero impossibile giocare in due contemporaneamente e puntare alla vittoria.

Grandi assenti Valentino Rossi e i piloti Ducati

Almeno per oggi, tifosi e appassionati di tutto il mondo dovranno accontentarsi di una griglia di partenza ridimensionata e con grandi assenze: come noto, non sono della partita né Valentino Rossi (che ha annullato la sua iscrizione dopo la conferma della sua partecipazione) né i piloti della Ducati, il vicecampione in carica Andrea Dovizioso (“Non gioco ai videogiochi da dieci anni” dice il forlivese) e il suo compagno di squadra Danilo Petrucci che, per la quarantena, ha deciso di tornare a Terni a casa dei genitori. A difendere il marchio di Borgo Panigale c’è però il pilota del team Pramac Francesco Bagnaia che in questi giorni su Instagram ha messo le cose in chiaro, mostrando come si allena dal divano di casa. “Pecco è molto forte” ha avvisato anche Valentino ma anche Maverick Vinales è da meno, visto il “training per domenica” che il Top Gun della Yamaha ha pubblicato nelle ultime ore nelle sue Instagram Stories.

Yamaha con Vinales e Quartararo

Il suo compagno di marca, il francese della Petronas Fabio Quartararo che dal 2021 erediterà la M1 di Valentino Rossi, ha invece preferito fare cyclette e cardiofitness per allenare la frequenza cardiaca e affrontare in modo più rilassato la sfida con il controller di gioco in mano. Pedala anche il pilota dell’Aprilia Aleix Espargaro che, con la bici ferma sul cavalletto e collegata al simulatore di corse per realtà virtuale, ha sfidato i ciclisti professionisti Nan Oliveras e Luis Sanchez. Non ha invece rinunciato alla sua passione per Gran Turismo lo spagnolo della Suzuki Alex Rins mentre il suo teammate Joan Mir si è divertito nel challenge del palleggio con la carta igienica. In gara anche i piloti del team KTM Tech3, il portoghese Miguel Oliveira e il rookie spagnolo Iker Lecuona, pure lui al debutto in top class e che, come Alex Marquez, potrebbe ritrovarsi sulla RC16 #20 del suo predecessore, Hafizh Syharin.

L’elenco dei piloti della Virtual Race del Mugello

I dieci piloti pronti a lasciare la pitlane e a darsi battaglia sul circuito virtuale del Mugello sono:

Repsol Honda Team: Marc Marquez e Alex Marquez
Monster Energy Yamaha MotoGP: Maverick Viñales
Team Suzuki Ecstar: Alex Rins e Joan Mir
Aprilia Racing Team Gresini: Aleix Espargaro
Petronas Yamaha SRT: Fabio Quartararo
Pramac Racing Ducati: Francesco Bagnaia
Red Bull KTM Tech3: Iker Lecuona, Miguel Oliveira

Risultato finale e la classifica della prima Virtual Race

MotoGP 5 giugno, orari TV GP Catalunya su TV8 e Sky: dove vederlo in diretta e streaming
MotoGP 5 giugno, orari TV GP Catalunya su TV8 e Sky: dove vederlo in diretta e streaming
MotoGP, orari TV GP Germania: dove vederlo
MotoGP, orari TV GP Germania: dove vederlo
MotoGP, orari TV GP Olanda: dove vederlo
MotoGP, orari TV GP Olanda: dove vederlo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni