Juventus-Napoli e Inter-Sassuolo si giocheranno oggi in contemporanea, con fischio d'inizio in orario alle 18.45. Questa volta non dovrebbero esserci colpi di scena e nuovi rinvii per i due recuperi, che permetteranno di definire meglio la classifica di Serie A. Perché le due partite si giocheranno alle 18:45 e non in serata? A cosa è legata questa scelta? Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Quella di Juventus-Napoli è stata una vera e propria storia infinita, con tanto di polemiche e rinvii. La partita che si disputerà oggi 7 aprile alle 18.45 valida per il recupero della terza giornata di Serie A era in programma inizialmente il 4 ottobre 2020. In quell'occasione gli azzurri non si presentarono a Torino su ordine dell'Asl dopo i casi Covid a seguito del focolaio Genoa. Il Collegio di Garanzia del Coni decise di annullare il 3-0 a tavolino in favore della Juve comminato dal Giudice sportivo optando per il rinvio del match. La data scelta fu il 17 marzo, anche se poi (dopo l'eliminazione di Napoli e Juventus da Europa League e Champions), le due società chiesero e ottennero un ulteriore spostamento al 7 aprile, per una situazione che calendario alla mano non è stata gradita da altri club, come la Roma.

Il caso di Inter-Sassuolo è stato meno complicato. La partita valida per il recupero della 28a giornata di Serie A, è in programma oggi in contemporanea dunque con Juve-Napoli alle 18:45. La sfida è stata rinviata dopo lo stop imposto dall'Agenzia di Tutela della Salute di Milano, alla luce del focolaio Covid scoppiato all'interno del gruppo squadra nerazzurro. Nessun problema dunque nel trovare una data, ottimale anche per le due squadre che non hanno altri impegni oltre al campionato

Perché Juventus-Napoli e Inter-Sassuolo si giocano alle 18:45

Ma perché per Juventus-Napoli e Inter-Sassuolo si giocheranno alle 18:45? Come mai la Lega non ha deciso di far disputare almeno una delle due partite magari alle 20:45, ovvero uno degli slot orari in cui sono previsti i match di Serie A nel week-end? La scelta è legata alla volontà di non far giocare le sfide in contemporanea con quelle in programma per i quarti di Champions League, ovvero Bayern-Psg e Porto-Chelsea, soprattutto quando si tratta di gare di cartello e Juve-Napoli e Inter-Sassuolo lo sono, ai fini della classifica. La scelta di "anticipare" al tardo pomeriggio i recuperi dunque soddisfa l'Uefa, che in termini di visibilità prova a soddisfare sempre le esigenze di tutti, sia dei campionati nazionali che delle Coppe europee.