L'inaspettata notizia del tampone positivo di Gigio Donnarumma, attualmente in isolamento domiciliare e asintomatico come il compagno Jens Petter Hauge, ha mandato all'aria i piani di Stefano Pioli in vista della sfida con la Roma e offerto una grande opportunità a Ciprian Tatarusanu: trentaquattrenne portiere rumeno, sbarcato a Milanello nella scorsa estate per prendere il posto di Asmir Begovic.

Il debutto in rossonero segna dunque il suo ritorno in campo nel nostro campionato, a distanza di tre anni dall'ultima apparizione datata 20 maggio 2017, quando la Fiorentina dell'allora tecnico Sousa uscì pesantemente sconfitta dal San Paolo di Napoli. Quella in viola è stata la prima esperienza in Serie A di Tatarusanu: tre stagioni tra alti e bassi, prima di volare in Francia e difendere da titolare la porta del Nantes di Ranieri e Cardoso, tra il 2017 e il 2019, e recitare il ruolo di secondo per quella dell'Olympique Lione di Rudi Garcia nell'ultima stagione.

I precedenti con la Roma

Complice la presenza tra i pali di Anthony Lopes, con la squadra allenata dall'ex tecnico della Roma Tatarusanu ha messo a referto soltanto 6 presenze tra Ligue 1, Coppa di Francia e Coppa di Lega francese: l'ultima lo scorso 2 febbraio, quando scese in campo all'Allianz Riviera di Nizza senza riuscire ad evitare la sconfitta in campionato del Lione.

Un ricordo certamente non piacevole per il classe '86, così come quello legato alle volte che ha incrociato la Roma. Nei precedenti personali di Tatarusanu, ci sono infatti 2 vittorie, un pareggio e 3 sconfitte contro i giallorossi.
Arrivato a Milano per aiutare a crescere Donnarumma, l'ex Fiorentina è dunque atteso da un doppio impegno ravvicinato. Dopo il match di San Siro, valido per la quinta giornata di campionato, Tatarusanu sarà infatti tra i pali anche giovedì prossimo contro lo Sparta Praga in Europa League.