1.167 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Rebel Wilson e la verginità persa a 35 anni: “Fingevo di averlo fatto a 24 per non sembrare una perdente”

La confessione di Rebel Wilson nell’intervista a People: “Le persone possono aspettare finché non sono pronte o aspettare finché non sono un po’ più mature”.
A cura di Stefania Rocco
1.167 CONDIVISIONI
Immagine

Ha perso la verginità a 35 anni ma a lungo ha mentito, datando la sua prima volta a circa 10 anni prima, per sentirsi socialmente accettata. È quanto l’attrice Rebel Wilson ha raccontato nell’intervista rilasciata a People che anticipa l’uscita del libro Rebel Rising, nelle librerie dal 2 aprile. La protagonista Attenti a quelle due e Single ma non troppo ha deciso di condividere pubblicamente la sua esperienza per “lanciare un messaggio positivo”, di inclusione. Nel suo caso, infatti, a lungo ha temuto che essere sincera avrebbe rischiato di farla apparire strana agli occhi degli altri.

Le bugie sul set di Pitch Perfect: “Mentivo per evitare domande”

Wilson – che ha recentemente sposato la compagna Ramona Agruma – ha raccontato di avere mentito a lungo per proteggersi ed evitare la curiosità altrui a proposito di un argomento tanto privato. In particolare, l’attrice ricorda quanto accaduto sul set di Pitch Perfect quando, dopo avere evitato a lungo l’argomento, rispose con una bugia alla domanda di un amico: “Ricordo che una volta dissi al mio amico ‘Oh sì, l'ho fatto quando avevo 24 anni’. E l'ho detto solo per evitare davvero le domande, però poi le persone hanno iniziato a dirmi: ‘Oh, l'hai fatto a 24 anni? È così tardi’. Allora ho iniziato a pensare: ‘Oddio, però ho 35 anni e sono ancora vergine. Sembrerò una perdente’”.

Il racconto di Rebel Wilson

Le persone possono aspettare finché non sono pronte o aspettare finché non sono un po' più mature”, ha raccontato l’attrice a People, “E penso che potrebbe essere un messaggio positivo. Ovviamente non bisogna per forza aspettare fino ai trent'anni come me, ma non si dovrebbe sentire la pressione da giovane”. Una scelta della quale Wilson non si è pentita perché presa con assoluta consapevolezza: “È assolutamente incredibile, se l'avessi fatto a 20 anni, probabilmente non avrei esplorato di più la mia sessualità. Quando ero più giovane sapevo solo di essere attratta dagli uomini, ma le cose sono iniziata a cambiare quando ho deciso di aprirmi di più verso gli altri dopo la morte di mio padre. Ho capito quanto fosse bello incontrare e provare sentimenti per altre donne”.

1.167 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views