55 CONDIVISIONI
Opinioni

La caccia al patriarca colpisce Paolo Bonolis, colpevole di essere se stesso

“Sessista, patriarcale, passato di moda”: come si fa a buttare la croce addosso a un conduttore che ha fatto di questo continuo giocare tra le linee il suo tormentone?
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
55 CONDIVISIONI
Immagine

La caccia al patriarca ha un nuovo obiettivo. Paolo Bonolis ha chiamato il “Maestro” (lo ha detto al Corsera che preferisce essere chiamata così) Francesca Perrotta solamente “signora”. Andava utilizzato quanto meno ‘direttrice d’orchestra’, come precisato dalla stessa in diretta. Solo pochi secondi più tardi Bonolis, che aveva evidentemente accusato il colpo, è riuscito anche a fare peggio scherzando con una percussionista (l’orchestra era di sole donne) dicendole che era molto sexy. “Mi percuote l’anima”, ha detto.

Tutto chiaro? Paolo Bonolis, sì. Quello che ha il senso dello spettacolo e della frase smisurata, quello che fa da televisione da quarant’anni (e più) riuscendo a usare il grimaldello dell’equivoco, marchio di fabbrica di una comicità sicuramente passata di moda, ma che fa pur sempre parte del nostro bagaglio culturale. Paolo Bonolis, che ad Avanti un altro prende in giro tutti i suoi interlocutori e gioca sempre sul filo, sul limite. Paolo Bonolis, che a Ciao Darwin ancora sberleffa e spernacchia, gigioneggia davanti alla morbosità di tutte le situazioni grottesche che vengono costruite apposta affinché lui possa riderci sopra. Poche ore prima che scoppiasse questo scandalo tutto da ridere, il conduttore a La Stampa l’aveva detto: “La vergogna è negli occhi di chi guarda”.

I fondamentalisti del linguaggio però s’attaccano al solito discorso: “E se davanti a lui avesse avuto un direttore? Avrebbe giocato allo stesso modo?”. Ma certo che lo avrebbe fatto. Magari avrebbe fatto pure peggio, sottolineando qualche difetto fisico, come un caricaturista di Piazza Navona. Ma dico io, come si fa a buttare la croce addosso a un conduttore che ha fatto di questo continuo giocare tra le linee il suo tormentone?

Il punto debole, se di punto debole si tratta, di Paolo Bonolis è forse questo. Lui non riesce a essere diverso da quello che è. Non sa modulare la frequenza sua al contesto e qualcosa non ha funzionato e questo è chiaro. Eppure in passato è stata data prova che creare un contrasto ha portato a risultati più o meno positivi. Penso a Geppi Cucciari che da due anni rianima il Premio Strega grazie al fatto di averne sconquassato la liturgia. Chissà, forse era questo il tentativo di Paolo Bonolis – e magari degli stessi organizzatori – ovvero cercare di rompere le righe della formalità. Chissà, se fosse stata una donna a fare quella battuta, chissà se adesso ne staremmo parlando, chissà in che termini. Tutto sommato, la serata che ha inaugurato Pesaro come Capitale della Cultura 2024 poteva andare molto peggio. C’è stato un ritorno, si direbbe. Meno male, allora, che c’è stato Paolo Bonolis.

55 CONDIVISIONI
Immagine
Gennaro Marco Duello (1983) è un giornalista professionista. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa di Napoli. Lavora a Fanpage.it dal 2011. Ha esordito nella narrativa nel 2022 con il romanzo Un male purissimo (Rogiosi). California Milk Bar - La voragine di Secondigliano (Rogiosi, 2023) è il suo secondo romanzo.
Paolo Bonolis: "Sono stanco, sento la necessità di una pausa dalla tv"
Paolo Bonolis: "Sono stanco, sento la necessità di una pausa dalla tv"
Paolo Bonolis è pronto al ritorno in Rai: "Spera di fare Sanremo e Il Senso della Vita"
Paolo Bonolis è pronto al ritorno in Rai: "Spera di fare Sanremo e Il Senso della Vita"
Pier Silvio Berlusconi trattiene Paolo Bonolis: "Nel 2025 farà di nuovo Avanti un altro"
Pier Silvio Berlusconi trattiene Paolo Bonolis: "Nel 2025 farà di nuovo Avanti un altro"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views