Beppe Grillo e Matteo Renzi firmano insieme un impegno contro le ‘pseudoscienze'. Si tratta di un documento a sostegno della scienza intesa "come valore universale", per contrastare anche con leggi tutte le forme di pseudomedicina, promuovendo un'informazione corretta. Questi i punti principali del ‘patto'redatto dall'immunologo Roberto Burioni, che ha chiesto di firmarlo a tutte le forze politiche. "Oggi è successa una cosa molto importante – ha scritto Burioni sul suo sito – Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno sottoscritto (insieme a molti altri), un patto a difesa della scienza. Perché ci si può dividere su tutto, ma una base comune deve esserci. La scienza deve fare parte di questa base. Perché non ascoltare la scienza significa non solo oscurantismo e superstizione, ma anche dolore, sofferenza e morte di esseri umani".

Il testo, che al momento ha l'appoggio anche del giornalista Enrico Mentana, di Guido Silvestri della Emory University e di Mina Welby dell'Associazione Luca Coscioni, e che è stato ripreso anche sul blog dello stesso Grillo, contiene cinque punti. Nel primo si legge "Tutte le forze politiche italiane si impegnano a sostenere la Scienza come valore universale di progresso dell'umanità, che non ha alcun colore politico". Poi "Nessuna forza politica italiana si presta a sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina che mettono a repentaglio la salute pubblica (negazionismo dell'AIDS, anti-vaccinismo, terapie non basate sull'evidenza scientifica)". Inoltre "Tutte le forze politiche italiane si impegnano a governare e legiferare in modo tale da fermare l'operato degli pseudoscienziati", e ancora "Tutte le forze politiche italiane s'impegnano a implementare programmi capillari d'informazione sulla Scienza per la popolazione, a partire dalla scuola dell'obbligo" e infine "Tutte le forze politiche italiane si impegnano affinché si assicurino alla Scienza adeguati finanziamenti pubblici, a partire da un immediato raddoppio dei fondi ministeriali per la ricerca biomedica di base".

Grillo prende le distanze da Burioni

Il Garante del Movimento Beppe Grillo ha raccolto l'invito a firmare l'impatto, ma sul suo blog, in un post scriptum, puntualizza: "Ho ricevuto il presente appello dal Professor Guido Silvestri.  Non conosco il Professor Roberto Burioni". Il documento è frutto di una collaborazione tra l'immunologo dell'università San Raffaele di Milano Roberto Burioni e del ricercatore italiano Guido Silvestri, che lavora alla Emory University di Atlanta, e che ha spesso collaborato con il M5S su temi scientifici.

Poi Beppe Grillo spiega le motivazioni della sua presa di posizione: "Nella scienza non si crede: o si capisce oppure non si capisce. È una modalità di comprensione delle cose del mondo che deve essere capace di prescindere da qualsiasi pregiudizio (quindi anche relativamente ad un certo vaccino o modalità di vaccinazione della popolazione).

"Il rapporto matematica/realtà naturale non è ancora del tutto chiaro. La scienza procede, senza timori attraverso il dubbio (anche su se stessa). La scienza, ed il suo mondo, hanno bisogno di sopravvivere, come qualunque altra cosa. Per questo condivido con voi il Patto Trasversale per la Scienza,  perché il progresso della scienza deve essere riconosciuto come un valore universale dell’umanità e non può essere negato o distorto per fini politici e/o elettorali".

I No vax se la prendono con Grillo

I No Vax commentano il post pubblicato su Facebook da Beppe Grillo, in cui il Garante del Movimento Cinque Stelle diffonde la notizia del patto ideato da Burioni, da lui sottoscritto. Gli insulti non si fanno attendere: "Avete tradito gli elettori del M5S. Ci avevate promesso di abolire i vaccini e invece adesso ce li volete iniettare con forza. Bel voltagabbana! Per me potete sparire dalla Storia, voterò PD alle prossime elezioni solo per farvi un torto! Vergogna". E poco più sotto: "Sei l'artefice del più bieco e vile comportamento umano il tradimento, grazie per esserti rivelato questa è la fine politica tua e dei 5 stelle". Un altro utente scrive: "E pensare che una volta eri il mio mito. dalle stelle alle stalle. addio Beppe!". "Vomitevole..ma dico io perché??dov'è quel movimento che ci faceva sognare nelle piazze, che giurava di combattere le lobby ??pazzesco", ha detto un'altra elettrice delusa.