3.181 CONDIVISIONI
29 Gennaio 2020
17:17

La lezione di Liliana Segre al Parlamento europeo: “Basta negare l’olocausto, combattiamo razzismo”

In occasione delle celebrazioni del 75esimo anniversario della liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau Liliana Segre è stata accolta dal Parlamento europeo e ha preso la parola in Aula: “Anche oggi qualcuno non vuole guardare e anche adesso qualcuno dice che non è vero”, ha detto riferendosi all’olocausto.
A cura di Stefano Rizzuti
3.181 CONDIVISIONI

Liliana Segre viene accolta dal Parlamento europeo e ricorda la liberazione del campo di sterminio di Auschwitz. “Anche oggi qualcuno non vuole guardare e anche adesso qualcuno dice che non è vero”, dice la senatrice a vita parlando di fronte all’Europarlamento. Ma Segre non parla solo di quello è che successo allora, ma anche di cosa sta succedendo ora: “Dobbiamo combattere questo razzismo strutturale, la gente mi domanda perché c’è ancora l'antisemitismo e il razzismo. Io rispondo che c’è sempre stato, ci sono corsi e ricorsi storici”.

Se il razzismo c’è sempre stato, secondo Segre, la differenza ora è che viviamo un “momento politico” in cui viene fuori “il razzismo e l'antisemitismo che sono insiti nell'animo dei poveri di spirito. Arrivano i momenti più adatti in cui ci si volta dall'altra parte, in cui è più facile far finta di niente, che si guarda solo il proprio cortile e si dice è una cosa che non mi riguarda”. E non solo, perché poi c’è anche chi si approfitta di “questa situazione e trovano il terreno adatto per farsi avanti”.

Segre è intervenuta al Parlamento europeo dove si sta celebrando il 75esimo anniversario della liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau. Alla conclusione del suo discorso è partito un lungo applauso dall’assemblea, con i deputati che alla fine hanno osservato anche un minuto di silenzio. Segre ha sottolineato anche come fosse “qui per dare un messaggio di speranza perché da nonna non posso che portare un messaggio di speranza per i miei nipoti veri e per quelli ideali e per i ragazzi nel mondo”.

Prima di entrare in Aula, Segre è stata accolta al Parlamento europeo dal suo presidente, David Sassoli. “Che emozione – sono le parole della senatrice a vita – io esisto e anche il Parlamento europeo. Non era questo il disegno di qualcuno”. Poi, rispondendo ai cronisti che le chiedevano un commento sulle parole di Alessandra Mussolini, ha detto: “Io spero di essere una donna di pace e non di fomentare l'odio. Se volessi fomentare l'odio non avrei portato in Senato una proposta contro l’hate speech, contro l'odio. Sarebbe un'antitesi fomentare l'odio e predicare invece contro l'odio”.

3.181 CONDIVISIONI
L'Ue pensa a nuove restrizioni per i viaggiatori non vaccinati provenienti dagli Stati Uniti
L'Ue pensa a nuove restrizioni per i viaggiatori non vaccinati provenienti dagli Stati Uniti
Il deputato Pd accusa la Sicilia: "Spalmano i malati, dimettendoli per non finire in zona gialla"
Il deputato Pd accusa la Sicilia: "Spalmano i malati, dimettendoli per non finire in zona gialla"
Reddito di cittadinanza, Conte lo difende ma apre a modifiche. Salvini e Meloni: "Va eliminato"
Reddito di cittadinanza, Conte lo difende ma apre a modifiche. Salvini e Meloni: "Va eliminato"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni