4.610 CONDIVISIONI
1 Novembre 2020
11:45

Il Cts lancia l’allarme: “Ci sono 3 milioni di italiani che violano la quarantena”

Circa tre milioni di persone non starebbero rispettando l’obbligo di quarantena dopo essere entrate in contatto con un caso positivo: è l’allarme lanciato dal comitato tecnico scientifico. Che suggerisce poi come a questo punto si potrebbero riservare i tamponi solo alle persone che presentano sintomi. Mentre i contatti stretti dei positivi dovrebbero invece passare direttamente 14 giorni in quarantena: in questo modo si eviterebbe inoltre di sovraccaricare i laboratori.
A cura di Annalisa Girardi
4.610 CONDIVISIONI

Sarebbero circa tre milioni le persone che violano la quarantena, imposta dopo essere entrate in contatto con un caso positivo. Sono troppi gli italiani che non rispettano l'obbligo di restare a casa dopo essere entrati in contatto con una persona positiva, mettendone in pericolo tante altre: è l'allarme del comitato tecnico scientifico e riferito da La Stampa. Al momento in Italia più o meno 331mila persone risultate positive e pertanto in isolamento domiciliare. Per ciascuna di loro, almeno 10 contatti stretti dovrebbero trovarsi in quarantena: che quindi porterebbe il totale a 3 milioni e 300mila persone che dovrebbero rimanere in casa in via precauzionale. Considerando poi il numero di tamponi che vengono ogni giorno effettuali e il tempo che passa prima di ricevere l'esito, almeno 6 milioni di italiani dovrebbero essere chiusi in casa in questo momento.

Ma i numeri illustrati dal comitato tecnico scientifico descrivono una situazione molto diversa. E risulterebbero almeno tre milioni di persone che evadono la quarantena. Il comitato tecnico scientifico a questo punto starebbe pensando di evitare i tamponi a tappeto, riservandoli solo alle persone che presentano sintomi. Gli asintomatici e i contatti stretti dei positivi dovrebbero invece passare direttamente 14 giorni in quarantena. In questo modo si eviterebbe inoltre di sovraccaricare i laboratori.

"A questo punto sarebbe meglio imporre direttamente la quarantena di 14 giorni ai contatti stretti asintomatici, saltando il tampone finale, che mette sotto stress i laboratori che lavorano già al limite delle possibilità e che è di scarsa utilità, perché anche in caso di positività le evidenze scientifiche mostrano che dopo due settimane il rischio di contagiosità è praticamente azzerato", affermano dal comitato tecnico scientifico. Per i trasgressori, gli esperti lanciano un rinnovato appello alla responsabilità, ricordando che si potrebbe nuocere alle persone care e che infrangere l'obbligo comporta pesanti sanzioni che, per il reato di procurata pandemia, vanno dai tre ai sei mesi.

4.610 CONDIVISIONI
Sovraffollamento e violenze: il Consiglio d'Europa denuncia la situazione nelle carceri italiane
Sovraffollamento e violenze: il Consiglio d'Europa denuncia la situazione nelle carceri italiane
Siccità, Mattarella lancia l'allarme:
Siccità, Mattarella lancia l'allarme: "Va affrontata in modo globale, aumenta i flussi di migranti"
Lavoro, sempre più dimissioni: l'anno scorso 2,2 milioni di italiani hanno lasciato il lavoro
Lavoro, sempre più dimissioni: l'anno scorso 2,2 milioni di italiani hanno lasciato il lavoro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni