230 CONDIVISIONI
23 Gennaio 2023
14:01

Clima, Malan fa il negazionista e ironizza: “Ragusa con la neve, il riscaldamento globale non perdona”

Il senatore di Fratelli d’Italia Lucio Malan ironizza sul cambiamento climatico e strizza l’occhio ai negazionisti: “Ragusa sotto la neve. Temperature rigide e fiocchi che imbiancano la città. Il riscaldamento globale non perdona!”.
A cura di Annalisa Cangemi
230 CONDIVISIONI

Il senatore di Fratelli d'Italia Lucio Malan ironizza sul cambiamento climatico e schiaccia l'occhio ai negazionisti climatici, che rifiutano gli allarmi degli scienziati sul riscaldamento globale e sui pericoli per il pianeta, alle prese con fenomeni atmosferici sempre più estremi.

Lo spunto questa volta viene dalla Sicilia, in particolare da Ragusa, imbiancata da una nevicata. "Ragusa sotto la neve. Temperature rigide e fiocchi che imbiancano la città. Il riscaldamento globale non perdona!", scrive provocatoriamente il senatore di Fratelli d’Italia sul suo profilo Twitter, condividendo un articolo che mostra la nevicata nella provincia siciliana e le temperature rigide.

Gli risponde l'ex parlamentare di Forza Italia Elio Vito: "Troppo complicato capire che proprio i fenomeni estremi ne sono una conferma?". In realtà nella città siciliana non è raro che nevichi in questo periodo, trovandosi a un'altitudine che supera i 500 metri sul livello del mare.

Al senatore meloniano replica anche la deputata dem Chiara Braga, Responsabile Transizione ecologica dei dem: "Oggi il Senatore Lucio Malan di Fratelli d'Italia, fa un po' Trump e commentando il maltempo e le nevicate che in questi giorni hanno colpito il sud d'Italia gioca con il riscaldamento ambientale. Un tweet di un vero negazionista climatico. L'ignoranza di chi non capisce che eventi estremi sono la prova dell'emergenza. Ora, visto che Lucio Malan è il presidente dei senatori di FdI, principale partito al governo, vorremmo sapere se è la stessa cosa che pensa Giorgia Meloni".

Non è la prima volta che Lucio Malan rilancia tesi antiscientifiche sui social. In passato ha offeso apertamente Greta Thunberg. In occasione del crollo del ghiacciaio della Marmolada la scorsa estate, aveva risposto così a un utente che chiedeva "Come si colloca il crollo del ghiacciaio della Marmolada nel vostro negazionismo del cambiamento climatico?".

"I negazionisti del cambiamento climatico siete voi gretini. Per voi c’è sempre stata la stessa temperatura fino al 1880 poi è salita di ben 1 grado, dunque bisogna regalare decine di mld a profittatori vari per rimediare. Chi ha studiato sa che i cambiamenti ci sono da sempre", aveva replicato Malan.

Bonelli a Fanpage.it: "Malan non conosce la differenza tra meteo e clima"

Contro Malan interviene anche il co-portavoce nazionale di Europa Verde e deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, Angelo Bonelli: "Mala(n) tempora currunt. Sono tempi difficili – climaticamente e non solo – se il dibattito pubblico sul riscaldamento globale è affidato a parlamentari come Lucio Malan, senatore torinese di Fratelli d’Italia e storico negazionista del cambiamento climatico. Malan non conosce la differenza tra meteo e clima. Inoltre, 2 settimane fa, a Ragusa, faceva 20° pur essendo a 500 mt sul livello del mare. Gli eventi climatici estremi non sono un problema per il senatore negazionista di Fratelli d’Italia, non lo è il ghiacciaio della Marmoalda che si scioglie, non lo è la siccità e tantomeno la desertificazione che subisce il nostro Paese".

230 CONDIVISIONI
A Parigi attivisti per il clima lanciano vernice arancione contro l'ingresso della sede del governo
A Parigi attivisti per il clima lanciano vernice arancione contro l'ingresso della sede del governo
Russi reclutati da trafficanti per portare i migranti dalla Turchia all'Italia: la denuncia delle Ong
Russi reclutati da trafficanti per portare i migranti dalla Turchia all'Italia: la denuncia delle Ong
Caso Open Arms, Salvini attacca:
Caso Open Arms, Salvini attacca: "Con Lamorgese i giorni di navigazione dei migranti erano molti di più"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni