4 Febbraio 2012
13:29

Siria, strage di civili a Homs: uccise 260 persone (VIDEO)

Un bombardamento da parte delle forze governative ha ucciso 260 civili: da Damasco, però, è stato smentito il coinvolgimento delle forze regolari nell’attentato. A Washington si è tenuta una protesta fuori l’ambasciata siriana, in cui Assad è stato paragonato a Hitler.
A cura di Daniela Caruso
Siria, in migliaia ai funerali delle vittime attentati

Si versa ancora sangue in Siria: una strage umana che non accenna ad arrestarsi. Danny, un'attivista per i diritti umani, arrivato in Siria, ha voluto testimoniare e spiegare la drammatica situazione in cui versa il territorio siriano: "Questi non sono animali, questi sono esseri umani. Questi sono esseri umani bombardati. E nessuno sta facendo nulla". Stanotte in Siria, infatti, si è svolta una vera e propria carneficina di civili: sono state uccise 260 persone mediante un bombardamento delle forze governative. Il numero dei decessi è stato comunicato dalla compagine di oppositori che sta combattendo contro il regime di Assad.

Da Damasco, però, arrivano le prime smentite circa il coinvolgimento delle forze regolari nel sanguinoso attacco ai danni degli oppositori: si parla, infatti, di una strage messa a punto da un gruppo di uomini armati. Il regime di Assad è condannato dalla Germania, in particolare dal ministro degli Esteri Westerwelle, mentre negli USA, a Washington, un gruppo di manifestanti ha organizzato una protesta davanti all'ambasciata Siriana. Assad, per quello che ha fatto e sta facendo al popolo siriano, è stato paragonato a Adolf Hitler.

In Siria sono in aumento i casi di suicidio tra i civili:
In Siria sono in aumento i casi di suicidio tra i civili: "Si tolgono la vita assumendo pesticidi"
Proteste in Iran, uccise 350 persone: ora si teme lo scoppio di una guerra civile
Proteste in Iran, uccise 350 persone: ora si teme lo scoppio di una guerra civile
Chi è Ahlam Albashir, la presunta attentatrice di Istanbul legata al Pkk
Chi è Ahlam Albashir, la presunta attentatrice di Istanbul legata al Pkk
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni