Il giorno successivo all'addio alla Ducati Andrea Dovizioso con una prestazione autoritaria ha vinto il Gran Premio d'Austria 2020. Una gara perfetta del ‘Dovi' che ha preceduto Mir e Miller, beffato all'ultima curva. Quinto Valentino Rossi. Gara condizionata dall'incidente tra Zarco e Morbidelli.

L'incidente tra Zarco e Morbidelli

C'è un prima e un dopo in questo Gran Premio. Il riferimento è all'incidente tra Zarco e Morbidelli avvenuto nelle prime fasi, che sono state molto divertenti – con un Miller in fuga e un Dovizioso calcolatore, mentre Rossi recuperava tante posizioni. Poi il francese taglia la strada a Franco Morbidelli, che lo tampona, entrambi sono fuori, senza conseguenze gravi per il francese. Mentre il pilota romano vola, perde il controllo della sua moto che finisce in mezzo a Vinales e Rossi che stavano percorrendo la curva. Un miracolo che entrambi non siano stati colpiti. Gara sospesa, bandiera rossa.

Dovizioso trionfa in Austria

Mentre arrivano pian piano notizie che danno fiducia sulle condizioni di Morbidelli, che è stato sottoposto a una TAC e che ha soprattutto un problema alla mano, il Gran Premio parte nuovamente con un'altra partenza. Miller è ancora il più veloce, Dovizioso c'è, lo insegue pensa di poterlo superare alla distanza, ed è proprio così. La battaglia dura poco. Il ‘Dovi' gestisce meglio e ne ha di più, supera il compagno di Ducati e trionfa nel circuito che preferisce. Miller all'ultima curva perde anche la seconda posizione, che si prende Mir, che ha una moto con gli stessi colori di quella di Rossi. Quarto posto per Binder, vincitore la scorsa settimana. Quinto Valentino Rossi, autore di una buona gara. Prende ancora punti senza brillare il francese Quartararo, che resta però il leader di questo incredibile mondiale della MotoGP.