Lo scontro tra George Russell e Valtteri Bottas che ha cambiato le sorti del GP dell'Emilia Romagna di scena a Imola non sembra essersi concluso in pista. Dopo essersi scontrati a 300 km/h ed aver litigato a bordo pista (dito medio del finlandese, pugno sul casco del giovane britannico) i due piloti hanno continuato ad accusarsi a vicenda anche dopo la seconda gara del Mondiale 2021 di Formula 1. Al centro del contendere la responsabilità del brutto incidente.

Riguardando le immagini sembra che George Russell in fase di sorpasso su Bottas (che pare aver lasciato lo spazio per far passare l'inglese) abbia perso il controllo della sua Williams dopo aver toccato l'erba bagnata con l'anteriore destra andando poi a sbattere contro la Mercedes del finlandese. Ma il più giovane dei due piloti non sembra essere d'accordo con questa versione e nell'immediato post-gara, con un tweet, ha dato la colpa al più esperto collega che, a suo dire, non gli avrebbe concesso lo spazio per passare "costringendolo" ad andare sull'erba:

"Grazie per tutti i messaggi. Sto bene, sono solo deluso – ha scritto infatti Russell sul suo profilo Twitter ufficiale -. Alla fine della giornata, è uno sfortunato incidente. Hai il diritto di difendere la tua posizione. Ma a 330 km/h, devi rispettare la velocità e le condizioni di pista quando lo fai – ha poi aggiunto accusando di fatto Bottas per quanto avvenuto in pista a Imola –. Rammaricato per la squadra. Meritavano di più oggi".

Non è dello stesso avviso però Valtteri Bottas che al termine del GP di Imola ha rispedito le accuse al mittente. Secondo il finlandese l'unico responsabile del brutto incidente sarebbe George Russell: “Non ho idea di cosa stia parlando, è stato chiaramente un suo errore – ha detto infatti il pilota Mercedes rispondendo al tweet del collega -. Ovviamente non sono contento di quanto ha fatto, ma è andata così. Quando eravamo sul rettilineo – ha poi proseguito – ho visto che si è spostato a destra. Dai replay si può notare come abbia lasciato lo spazio per due vetture, ma lui ha perso il controllo dell’auto, mi ha colpito ed è stato game over”.

Lo scontro tra i due dunque non sembra essersi esaurito con la lite a bordo pista: Russell e Bottas continuano ad accusarsi a vicenda e a questo punto pare difficile che si riesca a trovare un punto d'incontro tra i due. Ma l'acredine probabilmente non è solo figlia dell'incidente di Imola: Russell infatti nella sua unica apparizione in Mercedes, nel GP di Sakhir 2020, aveva subito impressionato facendo fare una pessima figura allo stesso Bottas. Ma non è l'unico punto di contatto tra i due: il giovane britannico e l'esperto britannico sono infatti in lizza per il sedile della Mercedes nel Mondiale 2022. Tutto ciò fa pensare che quello del GP dell'Emilia Romagna non sarà l'unico scontro che vedremo tra i due piloti in questa stagione.