23 Settembre 2022
11:00

Perché all’Italia conviene finire bene la Nations League per evitare guai verso gli Europei

Mancano solo due partite all’Italia per chiudere la fase a gironi della Nations League, contro Inghilterra e Ungheria. Vincere e fare bene avrà ripercussioni dirette anche per il cammino a Euro 2024.
A cura di Alessio Pediglieri

L'attuale Nations League 2022/2023 per la nostra Nazionale rappresenta più di un semplice torneo occasionale dove fare bene per orgoglio e prestigio. Senza la qualificazione ai Mondiali è l'unica competizione ufficiale UEFA in cui possiamo provare a vincere qualcosa, ma c'è anche un altro motivo non secondario che dovrà spingerci a fare bene già nella partita contro l'Inghilterra: se non riuscire a strappare il primo posto nel girone – che vorrebbe dire accesso alle Final Four – almeno posizionarci meglio di quanto fatto fino ad ora. Tutto ciò ci garantirebbe gironi di Qualificazione a Euro 2024 meno complicati.

Tutto questo perché la Nations League per come è stata strutturata e formulata dall'UEFA non solo è diventato un torneo a sostituzione delle classiche partite amichevoli tra Nazionali, ma un vero e proprio trampolino di lancio indiretto per Mondiali ed Europei. Il tutto attraverso una formula che concede gran spazio al posizionamento nel Ranking UEFA che varia anche in base alle classifiche finali del torneo per Nazioni. Dunque, sarà essenziale giocarsi al meglio le ultime due partite in programma, quella contro l'Inghilterra in programma oggi a San Siro e l'ultima, contro l'Ungheria. Ecco perché.

A seconda della posizione finale della Nazionale di Roberto Mancini all'interno del Gruppo 3 della League A, infatti,  l'Italia subirà un destino diverso per quanto riguarda i prossimi Europei, del 2024, e i Mondiali del 2026. Il risultato migliore sarebbe ribaltare l'attuale classifica, superando di slancio Ungheria e Germania, ma anche risalire la china è fondamentale: il risultato finale del Gruppo, unito a quello di tutte le altre Nazionali, sarà legato direttamente alla creazione dei Gironi di Qualificazione agli Europei. In pratica, migliore sarà il piazzamento nella Nations League maggiore sarà l'occasione di poter essere inseriti in un gruppo alle Qualificazioni meno arduo, da testa di serie. E con i problemi presenti e i dubbi per il futuro, non è un elemento da sottovalutare.

Tutto questo si ricaverà dalla posizione nel Ranking UEFA che verrà stilato a fine Nations League che assume una importanza determinante anche nel caso si dovesse profilare il peggio nelle qualificazioni europee. Infatti, in caso di mancato accesso diretto agli Europei tramite le qualificazioni, mancando il primo posto nel proprio Girone, giungendo seconda, l'Italia potrebbe approdare ai playoff con un ulteriore "salvagente": il piazzamento finale nella Nations League attuale permetterebbe di avere un'ulteriore chance negli spareggi, grazie ad un migliore posizionamento nel Ranking UEFA.

Attualmente, la situazione del Gruppo 3 della Ligue A in Nations League è complicato, con l'Italia relegata al terzo posto. Dovesse finire così – o ancor peggio chiudere ultima e venire retrocessa in League B, tutto ciò avrebbe ripercussioni precise: significherebbe non poter evitare un girone difficile e complicato per le Qualificazioni a Euro 2024 e rischiare di perdere anche la seconda possibilità di accedervi attraverso gli spareggi.

Cosa è successo all'Inghilterra dalla finale degli Europei contro l'Italia: una crisi profonda
Cosa è successo all'Inghilterra dalla finale degli Europei contro l'Italia: una crisi profonda
Lo sfogo di Simone Giannelli: “In Italia solo calcio, è scandaloso verso gli altri sport”
Lo sfogo di Simone Giannelli: “In Italia solo calcio, è scandaloso verso gli altri sport”
Paolo Banchero frena sui Mondiali con l'Italia:
Paolo Banchero frena sui Mondiali con l'Italia: "Devo pensarci bene e discuterne"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni