Pezzi che s'incastrano. Trattative che vanno calibrate con diplomazia. Il Napoli le ha iniziate da tempo lavorando sul doppio binario: da un lato i rinnovi di contratto (importante e "pesante" quello di Dries Mertens), dall'altro la necessità di cesellare la rosa aggiungendo un pezzo alla volta. Sotto i riflettori c'è Victor Osimhen, attaccante nigeriano del Lille che ha alimentato l'interesse dei tifosi con il suo arrivo in città. Sarà un altro caso Pepé (ricordate lo sbarco in ritiro a Dimaro degli agenti rivelatosi poi un nulla di fatto?) oppure la punta del Losc raccoglierà effettivamente il testimone di Milik in attacco? Il nodo è tutto lì: esce il polacco (verso il quale l'Atletico Madrid ha mostrato interesse concreto), entra il rinforzo individuato da tempo.

  • A quali cifre? Presto per parlare di firma e di accordo fatto ma una base di partenza c'è: il club azzurro è disposto a mettere sul piatto del calciatore 21enne (22 li compirà a fine dicembre) un contratto di cinque anni e uno stipendio interessante (2.8 milioni netti a stagione più bonus); ai francesi invece dovrebbero andare circa 60 milioni di euro, di cui 35 in contanti e 25 ricavabili dall'inserimento di Ounas nella trattativa. La somma non finirà per intero nelle casse del Lille, una parte sarà appannaggio dello Charleroi quale premio di valorizzazione.

Un colpo in attacco e uno in difesa, anche in questo caso per avvicendare una pedina in partenza. Il calciatore più indiziato è Koulibaly che De Laurentiis lascerà partire solo in cambio di una cifra cospicua. Se KK andrà via potrebbe arrivare ancora una volta da Lille il giocatore che ne prenderà il posto al centro della difesa. L'indiziato numero uno è Gabriel Magalhães, 22 anni, brasiliano, difensore dotato di notevole stazza (alto 190 cm) e piede mancino, capace anche d'impostare il gioco dal basso.

  • Quanto costa? Il prezzo dovrebbe essere sui 25/30 milioni di euro e, al netto della concorrenza di Everton e Valencia che non hanno mai affondato il colpo, mentre al giocatore andrebbe un contratto di cinque anni con stipendio da 2 milioni più bonus. Tra campionato, Champions e mercato il Napoli di Gattuso (ri)nasce un pezzo alla volta.