Il Cagliari vince 2-0 allo ‘Scida' di Crotone e si prende il match salvezza. I sardi ringraziano Leonardo Pavoletti che prima segna la rete del momentaneo 1-0 e poi si procura il rigore realizzato da Joao Pedro. Succede tutto nella ripresa dopo un primo tempo decisamente di marca calabrese con almeno un paio di occasioni importanti capitate sui piedi di Ounas e Di Carmine. Nell'altro match delle 15 succede ben poco alla ‘Dacia Arena' con Udinese e Fiorentina che non si sono fatte male prima del gol di Nestorovski nel finale. Dopo un primo tempo noioso con un solo tiro in porta totale, nella ripresa Molina e Vlahovic hanno provato a scuotere la partita con le due occasioni più nitide ma al triplice fischio finisce 1-0 con il gol dell'ex Palermo che inguaia la squadra di Prandelli.

Il Cagliari vince 2-0 a Crotone: gol di Pavoletti e Joao Pedro

Il primo tempo visto allo ‘Scida' è stato davvero molto equilibrato, almeno nel risultato. Già, perché nonostante lo 0-0 che ha chiuso la prima frazione è stato il Crotone ad essere maggiormente pericoloso in partita. Di Carmine e Messias hanno portato grande scompiglio inizialmente nella difesa dei sardi che ha subito molto anche i continui cambi di passo di Ounas. Tanta la paura degli ospiti che sembravano quasi aver timore di scoprirsi. E allora, dopo un primo tempo terminato senza riuscire mai a calciare in rete, la squadra di Semplici si è letteralmente animata nell'intervallo.

A sbloccare la gara è stato infatti Leonardo Pavoletti, capace di mettere a segno una rete molto bella di testa con uno stacco perentorio su cross da sinistra di Lykogiannis che nella ripresa è stato poi anche espulso per doppia ammonizione. Neanche il tempo di respirare che i sardi trovano anche il pareggio grazie a Joao Pedro che realizza un calcio di rigore dopo il fallo di Magallan sullo stesso Pavoletti che aveva anticipato il difensore della squadra di Stroppa. I sardi si portano a 18 punti centrando un successo che mancava addirittura dal 7 novembre 2020.

Udinese-Fiorentina finisce 1-0 con il gol di Nestorovski nel finale

Ci si aspettava una gara equilibrata alla Dacia Arena e così è stata. Ma tra Udinese e Fiorentina, l'1-0 è stato povero di emozioni. Pochissime sono state infatti le occasioni create da parte delle due squadre nell'arco dei 90′. C'è stato infatti solo un tiro in porta da parte dei bianconeri nel primo tempo con Stryger-Larsen che al 23′ era riuscito ad impensierire Dragowski su assist di De Paul. La squadra di Prandelli invece non è mai riuscita a creare occasioni particolarmente pericolose dalle parti di Musso se non per una conclusione di poco alta da parte di Vlahovic al 45′.

Nella ripresa l'occasione migliore capita sui piedi di Molina che prova a sorprendere il portiere polacco della viola con un tiro dalla distanza che finisce alto. Sempre Vlahovic crea l'unica grande opportunità di sbloccare il risultato per gli ospiti nella ripresa, ma l'attaccante serbo perde il tempo di calciare in porta e sorprendere Musso all'interno dell'area di rigore piccola. Nel finale però è incredibilmente Nestorovski a sbloccare la gara con un colpo di testa perfetto in area di rigore su cross da destra di De Paul che consente alla squadra di Gotti di trovare il vantaggio e la vittoria finale inguaiando la viola ora a soli +7 punti sul Cagliari terzultimo.