Desta preoccupazione il ricovero presso l'Ospedale Spallanzani di Roma di Daniele De Rossi dopo la sua positività al Covid e il conseguente ricovero per accertarne le condizioni generali. Ore di attesa e ansia che sono state sciolte dall'ultima dichiarazione da parte dello staff medico che segue l'ex giocatore, nella mattinata di sabato 10 aprile in cui le condizioni si definiscono buone e traspare ottimismo attorno all'ex centrocampista oggi nello staff della Nazionale di Roberto Mancini.

"L’ex calciatore della Roma è stato ricoverato a causa di una polmonite ma le sue condizioni sono considerate attualmente buone e posso dire che siamo ottimisti". Queste sono state le parole del professore Francesco Vaia, direttore sanitario dell'Ospedale Spallanzani di Roma, intervenuto in diretta a "Kiss Kiss Napoli"

La preoccupazione maggiore era legata alla polmonite che aveva subito De Rossi nei giorni seguenti il contagio, motivo per cui è stato doveroso il ricovero e il monitoraggio delle condizione dell'ex centrocampista di Roma e Nazionale. Dopo 24 ore di controlli, la situazione è rimasta sotto controllo e le condizioni generali di De Rossi non sono peggiorate. Se tutto resterà nei parametri, potrà essere regolarmente dimesso nei prossimi giorni.

Daniele De Rossi era stato ricoverato in seguito alla sua positività al Covid, in un contagio che lo aveva visto coinvolto nel focolaio scoppiato all'interno della Nazionale italiana durante l'ultima pausa di partite dedicate alle qualificazioni per i Mondiali in Qatar nel 2022. Un contagio che non ha risparmiato lo staff tecnico – in cui De Rossi è recentemente entrato con il benestare del ct Roberto Mancini – e alcuni giocatori. In totale sono stati otto i calciatori risultati positivi: Bonucci, Bernardeschi, Verratti, Sirigu, Florenzi, Cragno, Grifo e Pessina