Il momento della resa dei conti in casa Inter è arrivato, dove per conti si intendono proprio cifre che indicano soldi. Il viaggio di Steven Zhang in Italia adesso mostra il suo motivo più importante, al di là del festeggiare il meritato Scudetto nerazzurro. Le parole pronunciate da Beppe Marotta dopo la vittoria sulla Sampdoria sono eloquenti: "La prossima settimana saranno avviati colloqui con i singoli giocatori alla presenza di Zhang".

Ancora più chiara la spiegazione alla base di questi colloqui individuali: "Bisogna sensibilizzare i giocatori sul momento di difficoltà economico-finanziaria non solo dell’Inter, ma di tutto il calcio, a seguito della pandemia. Il modello di riferimento attuale non è più sostenibile".

In cosa si concretizzerà quel "sensibilizzare" lo svela la ‘Gazzetta dello Sport': il giovane presidente nerazzurro già da domani comincerà il giro di incontri con i giocatori, ma anche con l'allenatore. Zhang chiederà a tutti la rinuncia ad un paio di mensilità di questa stagione, illustrando le ragioni di emergenza che non sono proprie solo dell'Inter ma dell'intero mondo del calcio e non soltanto. Si punterà a responsabilizzare i calciatori, facendo loro capire cosa significhi in concreto il loro gesto per mettere in sicurezza i conti del club e quindi in ultima analisi il suo stesso futuro.

Lo spogliatoio già ne ha cominciato a discutere – le notizie ovviamente sono arrivate da giorni alle orecchie di Handanovic e compagni – e pur senza rivolte, la ‘rosea' svela che qualche mugugno si è sollevato. Saranno comunque decisioni singole, così come i colloqui, vista la diversità dei contratti sia per importi che per durata. In caso di rifiuto, in seconda battuta potrebbe essere messa sul tavolo l'opzione di postdatare o spalmare il pagamento nelle prossime stagioni. Quello che è certo è che i bonus legati allo Scudetto non si toccano e verranno pagati senza problemi, come annunciato da Marotta: "I bonus saranno liquidati come da accordi perché sono frutto di un traguardo meritato".