L'unica nota stonata in una partita perfetta del Napoli contro il Genoa, è stato l'infortunio muscolare che ha riportato Lorenzo Insigne, uscito dopo appena 23 minuti. Il capitano ha lasciato soli i suoi compagni, che dovranno giocare senza Insigne anche contro la Juventus nel prossimo turno di campionato. L'attaccante non ci saranno nemmeno con l'Atalanta alla ripresa del campionato e non sarà a disposizione di Mancini per le prossime due partite di Nations League.

Quante partite salterà Lorenzo Insigne

Gli esami strumentali verranno effettuati solo martedì, ma si parla di uno stop di tre o quattro settimane per il capitano dei partenopei. Insigne dunque non ci sarà domenica 4 ottobre contro la Juventus, nel posticipo della 3a giornata di Serie A. Poi dovrà rinunciare alle partite della Nazionale che sfiderà in amichevole la Moldavia e poi giocherà contro la Polonia, domenica 11 ottobre, e l'Olanda, il 14 ottobre. Difficile vedere in campo per Napoli-Atalanta, e non dovrebbe essere a disposizione di Gattuso nemmeno per la prima partita della fase a gironi di Europa League. Probabilmente Insigne, a segno nella prima giornata di campionato, tornerà in campo per Benevento-Napoli, che sarà una partita speciale in cui Insigne sfiderà il fratello Roberto.

L'infortunio di Lorenzo Insigne

Parlando a Radio Punto Nuovo l'agente di Insigne, Vincenzo Pisacane,  ha confermato che il problema del ventinovenne attaccante c'è, ma non è troppo serio – e si temeva fosse un infortunio importante dopo aver visto Insigne uscire dal campo in lacrime:  "Se non c’è lesione, una ventina di giorni e può tornare in campo. Quello che più gli fa girare le scatole è saltare la Juventus e la Nazionale, successe anche l’anno scorso. È molto giù di morale, è arrabbiato perché non voleva saltare nessuna partita, questa in particolar modo".