Più passano le ore e più la suggestione lascia il campo ad un reale interesse. La voce che vorrebbe il Napoli sulle tracce di Zlatan Ibrahimovic continua a scuotere l'ambiente partenopeo e ad infiammare il popolo napoletano. Nonostante i 38 anni del gigante svedese, che potrebbe liberarsi a gennaio, il presidente Aurelio De Laurentiis ha infatti confermato l'interesse per l'attaccante e capitano dei L.A. Galaxy.

"È una bellissima persona a prescindere dal mio Napoli – ha dichiarato il presiedete azzurro, in un'intervista rilasciata ai microfoni di ESPN – Può fare ancora parecchio, può trascinare la squadra. Sono convinto che qualunque allenatore amerebbe averlo al suo seguito. Magari anche come una specie di punto di riferimento. Per il calcio lui lo è e potrebbe esserlo per tutte le squadre".

In difesa di Lozano

In attesa di ulteriori sviluppi e di eventuali aperture dello stesso Ibrahimovic e del suo agente Mino Raiola, il patron campano ha poi preso le difese di Hirving Lozano: arrivato in Italia nella scorsa estate e ancora lontano dai suoi abituali standard. "Lo vedo bene, ma bisogna avere pazienza con i giocatori nuovi che non hanno vissuto il calcio italiano. Deve ambientarsi in una città diversa, con un allenatore e dei compagni di squadra diversi".

"Lozano è un grandissimo giocatore, appena entrato con la Juve segnò un gol. Non si può avere tutto e subito – ha aggiunto Aurelio De Laurentiis – Bisogna avere sempre pazienza quando uno gioca in una squadra come la Juventus o il Napoli, non si può pretendere di primeggiare subito tra tante prime donne. Negli ultimi 18 mesi abbiamo comprato 13 calciatori, è normale che ci vuole tempo affinché tutti si adattino e rendano al meglio. Dove può arrivare questo Napoli? La squadra non deve fare pensieri troppo audaci, ma pensare alla prossima partita".