Ci sono nuovi giocatori contagiati in Serie A? Purtroppo la risposta è sì, i nuovi test e tamponi hanno portato alla verifica di nuovi positivi tra i giocatori. Diversi i casi in varie società, tra queste ci sarebbe anche il Milan. La conferma, indiretta, arriva dal presidente del club rossonero, Paolo Scaroni che ha spiegato come tutti però, stiano bene di salute e non ci siano allarmismi particolari: "Al Milan abbiamo qualche giocatore contagiato in via di guarigione, ma siamo tornati ad allenarci. Dopotutto non è pensabile che si stia fermi fino al contagio zero".

Dunque, anche il Milan ha i suoi positivi ma non si scosta dalla linea che lo stesso numero uno rossonero aveva tracciato nei giorni precedenti, cioè di voler finire la stagione tornando a giocare adottando tutte le misure necessarie: "Le regole e le tempistiche non le danno il calcio, i club o i giocatori. Le danno il virus e il Governo, ma siamo fortemente convinti che si possa e si debba tornare a giocare". In questo senso, per Scaroni è fondamentale ciò che sta accadendo in Germania dove la Bundelsiga ha avuto il via libera istituzionale: "Potremmo adottare anche noi il loro protocollo in caso di nuovo contagio: si isolano i positivi e si continua a giocare".

Scaroni e la società non fanno nomi, ma si esclude una ricaduta per quanto riguarda Daniel e Paolo Maldini, "stanno bene e sono presenti a Milanello dove abbiamo ripreso ad allenarci seguendo il protocollo e mantenendo tutte le distanze. Dopotutto dobbiamo imparare a convivere con il virus nella vita di tutti i giorni e il calcio non  sarà da meno". Dunque, allenamenti confermati, sedute che rispetteranno le linee guida, con accessi contingentati, giocatori separati in mini-gruppi, nessun contatto e accessi separati.

Ma chi sono i nuovi positivi? La società non ha espresso alcun commento davanti alle ultime indiscrezioni che sono state in parte confermate dal presidente Scaroni. In totale ci potrebbero essere fino a quattro giocatori positivi ai test sierologici effettuati presso la clinica ‘La Madonnina‘ di Milano. Nel caso in cui fosse stato già confermato, il passo successivo sarebbe di verificare se tale positività sia relativa agli anticorpi IgM o IgG, cioè se la produzione di anticorpi è recente o datata di una decina, quindicina di giorni.