1.228 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Pechino Express 2024

Fabio Caressa sbotta a Pechino Express: “Inca*zato nero, non posso rischiare la vita con mia figlia”

Fabio Caressa a Pechino Express si è infuriato davanti a Fru, al termine della gara: “Sono inca**to nero, esigo un provvedimento. Ho mia figlia con me, devo venire a rischiare la vita in Vietnam?”. A far sbottare il conduttore sportivo l’autista delle Amiche che ha sorpassato in corsa, sotto la pioggia, l’auto su cui viaggiava.
A cura di Gaia Martino
1.228 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Nella quarta puntata di Pechino Express andata in onda ieri sera, giovedì 28 marzo, Fabio Caressa ha sbottato al termine di una faticosa corsa, sotto la pioggia, nel cuore del Vietnam del Nord. A farlo infuriare l'autista della macchina che portava con sé Le Amiche, la squadra formata da Barbara Petrillo e Maddalena Corvaglia, che avrebbe sorpassato l'auto su cui viaggiava lui, mettendo in pericolo la corsa. Arrivato da Gianluca Fru, al traguardo della giornata, ha lamentato l'accaduto: "Se loro vogliono rischiare va bene, ma ho mia figlia a bordo. Non è una gara di Formula 1 questa, sono infuriato".

La sfuriata di Fabio Caressa

Una volta terminata la corsa e raggiunto il traguardo, Fabio Caressa con la figlia Eleonora accanto, ha sbottato. A Gianluca Fru, inviato del programma, ha spiegato il perché del suo nervosismo:

Alcune cose mi hanno fatto arrabbiare. Non siamo in una gara di Formula 1. In montagna, con la pioggia, se vuoi correre va bene, ma se mi superi e rischi di buttarmi fuori strada, questa cosa non si fa. Se loro vogliono rischiare va bene, ma ho mia figlia a bordo. Non è una gara di Formula 1 questa, sono infuriato.

"È un po' arrabbiato, solita sfuriata, ora gli passa. Calmati, è inutile fare le scenate" ha commentato la figlia nel tentativo di calmare gli animi. "Scusa, ma sono arrivato un po' nervoso" ha concluso Caressa prima di mettersi in cammino nel tentativo di trovare un rifugio per la notte. Durante la camminata, però, si è agitato nuovamente. Alzando la voce ha dichiarato:

Non è più un gioco, ma che ca**o, devo venire a rischiare la vita in Vietnam? Sono furibondo, furibondo. Sono inca**to nero, sono proprio inca**to nero, non furibondo. Domani lo dico che esigo un provvedimento. Una gara di Formula 1 su una strada di montagna, che ca**o. Manco da ragazzino le facevo.

Il chiarimento con Le Amiche

Il giorno dopo, Fabio Caressa si è poi avvicinato a Barbara Petrillo e Maddalena Corvaglia per raccontare l'accaduto: "Ragazze ieri era un matto quello che guidava con voi. Io ho detto delle cose ma non contro di voi, mi sono spaventato. Volevo che prendessero provvedimenti non contro di voi, contro le macchine che fanno così". Le Amiche hanno spiegato di essersi spaventate come lui: "Noi cercavamo di farlo fermare, non ci capiva proprio". "Certo è che camminavi al centro della strada per non farci passare. Sto scherzando" ha poi aggiunto Maddalena Corvaglia ma le sue parole hanno fatto storcere il naso al conduttore sportivo. "Non stava scherzando, brutta risposta. Significa che sei scema" ha commentato Caressa, in macchina con la figlia.

Dopo il confronto, Barbara Petrillo ha detto la sua su quanto accaduto davanti alle telecamere del programma: "Non può non avere l'intelligenza di capire che noi in macchina non possiamo sicuramente, alla nostra età, chiedere ad uno di correre sotto la pioggia. Mi ha fatto arrabbiare anche molto, Fabio ha detto "noi abbiamo segnalato di prendere provvedimenti, ma non è per voi". E allora, scusa, con chi li prendi i provvedimenti? Con il signore che è tornato a casa sua?".

1.228 CONDIVISIONI
40 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views