1.059 CONDIVISIONI

Matthew Perry e le dipendenze da alcol, droghe e Vicodin: cali di peso, interventi allo stomaco e il coma

Alla luce della dipendenza da alcol, droghe e farmaci, dal 1997 al 2021, con numerose ricadute successive, Matthew Perry era convinto che se un giorno o l’altro fosse morto “la gente sarebbe scioccata, ma non sorpresa. Ed è una cosa spaventosa con cui convivere”. Nemmeno cinque anni fa aveva rischiato di morire per abuso di oppioidi.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Eleonora D'Amore
1.059 CONDIVISIONI
Immagine

Friends è andato in onda dal 1994 al 2004. In quasi tutto questo decennio, Matthew Perry è stato dipendente da droga, alcol e oppiacei. È diventato dipendente dal Vicodin dopo un incidente in moto d'acqua nel 1997 e ha completato un programma di riabilitazione di 28 giorni nello stesso anno. Il suo peso corporeo ha oscillato fortemente negli anni successivi, scendendo a 66 kg a causa di una pancreatite, ed era evidente anche dall'effetto fisarmonica che il personaggio di Chandler Bing aveva mostrato in scena.

Il Times gli aveva chiesto come avrebbe voluto essere ricordato dopo la morte, lui rispose: “Come un ragazzo che ha vissuto la vita, ha amato tanto e ha aiutato le persone. Incontrarmi è stata una buona cosa, non qualcosa di brutto". Nel giorno del suo decesso, queste parole riecheggiano tra le tante interviste da lui rilasciate.

Le dipendenze nel momento d'oro di Friends

Quando fu scelto per la prima volta in Friends all'età di 24 anni, la sua dipendenza dall'alcol stava appena iniziando a emergere: "In un certo senso potevo gestirla", aveva dichiarato, "ma quando avevo 34 anni, i guai erano diventati seri. Ci sono stati anni in cui ero sobrio in quel periodo. La stagione 9 di Friends è stata l'anno in cui sono stato sobrio per tutto il tempo. E indovina in quale stagione sono stato nominato come miglior attore? Già solo questo avrebbe dovuto dirmi qualcosa".

È entrato in riabilitazione nel febbraio 2001 per una dipendenza da Vicodin, metadone, anfetamine e alcol. Ha rivelato che, a causa dei suoi problemi di dipendenza, non ricorda tre anni del periodo in cui ha recitato in Friends, in particolare quelli tra la terza e la sesta stagione. Da allora, lui stesso ha confessato di aver avuto almeno "60 o 70 ricadute" nei successivi anni, nonostante abbia cercato di non perdere terreno nel lavoro e di reggere la pressione dell'attenzione mediatica sul suo stato di salute. Perry ha stimato di aver speso 9 milioni di dollari per disintossicarsi.

Immagine

Quando la sua carriera in Friends stava spiccando il volo, nel momento d'oro del suo personaggio Chandler Bing, Matthew Perry prendeva 55 Vicodin al giorno ed era sceso a 58kg: "Non sapevo come fermarmi. Se la polizia venisse a casa mia e dicesse: ‘Se stasera bevi, ti portiamo in prigione', inizierei a fare le valigie. Non potrei fermarmi perché la malattia e la dipendenza sono progressive, diventano sempre peggio man mano che invecchi".

Sebbene Perry cercasse di nascondere le sue dipendenze, i drammatici cambiamenti nel suo aspetto erano soggetti agli occhi di miliardi di telespettatori in tutto il mondo. I suoi compagni di cast in Friends "sono stati comprensivi e pazienti", ha spiegato, "come i pinguini. I pinguini, in natura, quando uno è malato, o quando è molto ferito, gli altri pinguini lo circondano e lo sostengono. Gli girano intorno finché il pinguino non riesce a camminare da solo. il cast ha fatto questo per me".

Le ricadute e il coma: rischiò di morire a 49 anni

Matthew Perry è sempre stato sincero riguardo le sue ricadute (è stato in riabilitazione 15 volte nel corso degli anni) e ha aperto il suo libro di memorie con la rivelazione di essere quasi morto qualche anno fa all'età di 49 anni. Soffriva di una perforazione gastrointestinale e aveva trascorso settimane a lottare per la sua vita dopo che il suo colon era scoppiato a causa dell'uso eccessivo di oppioidi. Due settimane in coma e cinque mesi in ospedale oltre all'utilizzo di una sacca per la colostomia per nove mesi.

Immagine

Quando fu ricoverato per la prima volta in ospedale, "i medici dissero alla mia famiglia che avevo il 2% di possibilità di vivere", ricorda. "Mi hanno messo su una cosa chiamata macchina ECMO, che ricrea tutta la respirazione del tuo cuore e dei tuoi polmoni. Nessuno sopravvive a quella. Cinque persone sono state messe su una macchina ECMO quella notte, le altre quattro sono morte e io sono sopravvissuto. Quindi la grande domanda è: perché? Perché ero io quello giusto? Ci deve essere qualche tipo di ragione". Per non parlare delle sue cicatrici dopo i 14 interventi chirurgici allo stomaco: "Ci sono molti promemoria per rimanere sobrio", ha dichiarato, "Tutto quello che devo fare è guardare in basso".

In una recente intervista: "Se morissi, non sorprenderei nessuno"

Immagine

Alla luce di abusi di alcol, droghe e farmaci e dei riflettori sempre accesi, Matthew Perry era convinto che se un giorno o l'altro fosse morto "la gente sarebbe scioccata, ma non sorprenderebbe nessuno. Ed è una cosa spaventosa con cui convivere. Quindi la mia speranza è che le persone si identifichino con ciò e sappiano che questa malattia attacca tutti. Non importa se hai successo o meno". La sua voleva fosse una storia di speranza perché, nonostante tutto, si riteneva grato di essere ancora vivo per poterlo raccontare e, così, aiutare anche chi non si riteneva capace di farcela: "Quello che mi sorprende di più è la mia resilienza. Il modo in cui riesco a riprendermi da tutte queste torture e atrocità".

1.059 CONDIVISIONI
È morto Matthew Perry a 54 anni: Chandler di Friends trovato senza vita nella vasca idromassaggio
È morto Matthew Perry a 54 anni: Chandler di Friends trovato senza vita nella vasca idromassaggio
Hank Azaria, ex di Friends, ricorda Matthew Perry: “Droga e alcol ce lo avevano già portato via"
Hank Azaria, ex di Friends, ricorda Matthew Perry: “Droga e alcol ce lo avevano già portato via"
Perché Matthew Perry si faceva chiamare Mattman: era un grande appassionato di un supereroe
Perché Matthew Perry si faceva chiamare Mattman: era un grande appassionato di un supereroe
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views