357 CONDIVISIONI
24 Maggio 2022
15:01

Johnny Depp smentito sul dito mozzato da Amber Heard, il chirurgo: “È stato un incidente”

Nuovi elementi nel processo Depp-Heard sembrano penalizzare la posizione dell’attore, smentito sia sulla presunta uscita dal progetto di Pirati dei Caraibi a causa del processo, sia sulla dinamica del dito mozzato, con le accuse rivolte all’ex moglie per avergli lanciato una bottiglie di vodka.
A cura di Andrea Parrella
357 CONDIVISIONI

Il processo Depp-Heard prosegue senza sosta, alimentando fiumi di parole quotidiane rispetto al possibile esito della vicenda. Mentre Amber Heard è alle prese con uno dei processi più seguiti della storia americana, quello che la vede contrapposta all'oramai ex marito Johnny Depp, non sembra svanire il suo appeal in termini professionali. La dimostrazione sarebbe tutta nella notizia riportata in queste ultime ore da TMZ secondo cui Jason Momoa, protagonista del film Aquaman al quale ha preso parte l'attrice, si starebbe battendo per avere a tutti i costi Amber Heard nel cast del sequel Aquaman 2.

La questione emerge proprio dalle fasi processuali, dopo che nella giornata di lunedì l'esperta di entertainment Kathryn Arnold è stato chiamato a parlare del posizionamento di Amber Heard nell'industria del cinema. Tra i temi trattati proprio la questione Aquaman 2, con Arnold che ha dichiarato come sia il regista del film, James Wan, che l'attore protagonista, si sarebbero mostrati "inamovibili" rispetto al fatto che l'attrice facesse parte del cast del film.

Depp cacciato da Pirati dei Caraibi: "Non è vero"

Non solo, Arnold è stata interpellata in merito a quella che è la posizione più nota di Johnny Depp rispetto agli effetti del processo sulla sua carriera. L'attore, infatti, ha più volte sostenuto di aver subito enormi danni dopo le accuse della ex moglie, tra cuil'uscita dal progetto di Animali Fantastici e Pirati dei Caraibi. L'esperta del settore dell'intrattenimento ha risposto agli avvocati di Heard in merito a questo, smentendo sostanzialmente la posizione di Depp. Lo ha fatto parlando dell'ormai celebre editoriale pubblicato da Amber Heard sul Washington Post in cui l'attrice raccontava di aver subito violenze domestiche: "Non credo qualcuno fosse a conoscenza di quell'articolo prima che venisse intentata la causa, certamente non Disney", ha detto.

Le parole di Kathryn Arnold

Arnold ha quindi smentito che Depp sia stato fatto fuori dal progetto di Pirati dei Caraibi, sostenendo che il sesto numero del film non sia in lavorazione attualmente e che i produttori esecutivi immaginano da tempo di portare il franchise in una nuova direzione. Arnold ha quindi commentato così il momento di carriera di Johnny Depp: "In verità sta causando la sua stessa distruzione portando avanti questa causa all'infinito alimentando il fuoco di pubblicità negativa che accerchia entrambi in questo momento". 

Tornando a parlare della posizione di Heard, infatti, Arnold sostiene che sia lei la più penalizzata dei due in termini di ricaduta sulla carriera, sottolineando proprio che oltre al ruolo di co-star al fianco di Momoa in Aquaman avesse aperta la strada anche per il Wonder Woman con Gal Gadot e il progetto di Bladerunner. Tutti percorsi che, spiega Kathryn Arnold, si sono bloccati. Le voci su una possibile uscita di Amber Heard dal cast di Aquaman 2 (che uscirà nel 2023) si erano fatte piuttosto insistenti, ma sia Momoa che Wan avrebbero manifestato tutto il supporto necessario verso l'attrice.

Il dito mozzato di Depp, la versione del chirurgo Richard Moore

Tra i dettagli emersi nelle ultime ore da nuove testimonianze, anche quello di un chirurgo chiamato a fornire un resoconto sul dito mozzato di Johnny Depp,secondo l'attore a causa del lancio di una bottiglia di vodka contro di lui da parte di Amber Heard quando si trovavano in Australia. Una versione che è stata tuttavia smentita da Richard Moore, il chirurgo chiamato in causa che ha affermato che la perdita del pezzo di dito denunciata da Depp non possa essere avvenuta nelle modalità da lui riportate, non essendoci elementi documentali sufficienti per dimostrarlo.

Il sangue zampillava e io penso di essere entrato in una specie, non lo so dire, una specie di esaurimento nervoso. Niente aveva senso per me. Ho mentito a tutti perché non volevo si sapesse che era stata proprio la signora Heard a lanciarmi una bottiglia di vodka addosso e tagliarmi il dito. Non volevo metterla nei guai.

Questa la descrizione di Depp, con il medico che ha affermato si tratti di una ricostruzione inverosimile, in quanto secondo l'attore quando l'incidente è avvenuto la sua mano era posizionata con il palmo verso il basso. Questo, in considerazione del fatto che l'unghia del dito è rimasta attaccata, smentisce la dinamica riportata. "I dati medici emersi sono inconcludenti e non in linea con quello che abbiamo visto, nel descrivere l'incidente. Secondo le nostre analisi si è trattato di un incidente". A rendere ancora più potente questo processo continuano a esserci i volti dei protagonisti, con Depp che ha osservato Moore fare la sua dichiarazione con un sorriso carico di sarcasmo stampato sul volto.

357 CONDIVISIONI
Johnny Depp mostra le foto del suo dito mozzato da Amber Heard: “Non volevo metterla nei guai”
Johnny Depp mostra le foto del suo dito mozzato da Amber Heard: “Non volevo metterla nei guai”
5.755 di Videonews
Il processo di Johnny Depp e Amber Heard è diventato un film
Il processo di Johnny Depp e Amber Heard è diventato un film
Johnny Depp assente al verdetto del processo contro Amber Heard:
Johnny Depp assente al verdetto del processo contro Amber Heard: "Un grave errore"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni