Festival di Cannes 2022
20 Maggio 2022
18:04

Anne Hathaway commossa alla presentazione del suo film a Cannes 2022: “Mia suocera, il mio modello”

Nel corso della conferenza stampa di presentazione di Armaggedon Time, in concorso al Festival di Cannes 2022, Anne Hathaway si è commossa ripensando alla madre di suo marito, scomparsa da poco, che l’ha ispirata nell’interpretare il ruolo della madre di Paul.
A cura di Elisabetta Murina
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Cannes 2022

È un Anne Hathaway amorevole e commossa quella che si è presentata alla conferenza stampa di Armageddon Time, il film in concorso al Festival di Cannes 2022 e diretto da James Gray, nel quale interpreta la madre di un bambino ebreo cresciuto nel Queens negli anni ottanta. L'attrice, accanto al giovane interprete Banks Repeta, si è commossa ricordando la figura della madre di suo marito, recentemente scomparsa, che l'ha ispirata nell'interpretare questo ruolo.

Perché Anne Hathaway si è commossa durante la conferenza stampa

Il momento più toccante della conferenza stampa è stato quando l'attrice ha raccontato di essersi ispirata a sua suocera, recentemente scomparsa, per calarsi nei panni di Jaqueline Banks:

Mia suocera, che è recentemente scomparsa, era semplicemente la migliore madre ebrea che io abbia mai incontrato e la sua figura ha influenzato la mia vita in una maniera profonda di cui sono davvero grata. Il suo modello di madre mi guiderà per il resto della mia vita. Se ho fatto anche solo una cosa nella stessa direzione della profondità di quell’amore e di quella connessione.

Cosa racconta Armaggedon Time, in concorso a Cannes 2022

Il film diretto da Gray, con protagonista Anne Hathway, Anthony Hopkins e il giovane Michael Banks Repeta, era uno dei più attesi a Cannes 2022. Ispirato alla vita del regista e ambientato nella New York degli anni ottanta,  racconta la storia del giovane Paul, un ragazzo irrequieto, che stringe amicizia con Johnny, un bambino di colore, di estrazione sociale diversa dalla sua. Ma per Paul non è preoccupato della situazione, anzi, sogna con lui di diventare un artista e di andare alla NASA. A esserlo, invece, sono i genitori del ragazzo, che  vogliono solo il meglio per lui e decidono di iscriverlo a una scuola privata.

69 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni