200 CONDIVISIONI
22 Giugno 2022
11:04

“Sostenere resistenza del popolo ucraino per una pace giusta”: la risoluzione di Fratelli d’Italia

Il partito guidato da Giorgia Meloni ha presentato una risoluzione alla Camera dei deputati, che è stata approvata dopo la discussione sulle comunicazioni del presidente Draghi: “Sostegno alla resistenza del Popolo Ucraino al fine di ottenere al più presto una pace giusta”, ha chiesto Fratelli d’Italia.
A cura di Tommaso Coluzzi
200 CONDIVISIONI

Sostenere l'Ucraina (anche militarmente), creare un fondo per compensare i danni economici, fissare un tetto al prezzo dell'energia e promuovere un piano per l'autosufficienza alimentare europea. Sono questi, in sintesi, i punti della risoluzione depositata da Fratelli d'Italia alla Camera. Al momento del voto il governo si è rimesso all'Aula e la risoluzione è stata approvata: con 47 voti a favore, 388 astenuti (la maggioranza) e 22 contrari. Questa mattina il presidente Draghi è arrivato alle nove a Montecitorio per leggere le sue comunicazioni in vista del Consiglio europeo dei prossimi giorni. La sintesi trovata ieri al Senato sulla risoluzione di maggioranza – che poi è stata approvata – prevede che il governo passi per il Parlamento in caso di un nuovo invio di armi. Anche se, in sostanza, non è cambiato praticamente nulla.

Fratelli d'Italia aveva votato a favore della risoluzione dello scorso primo marzo, che dava mandato al governo sulla guerra in Ucraina e proprio da lì vorrebbe ripartire. Nel testo presentato oggi alla Camera – firmato da tutti i parlamentari del partito di Giorgia Meloni – si premette di aver preso atto delle comunicazioni del presidente Draghi e del dibattito che si è svolto al Senato ieri e di considerare che "gli italiani meritano chiarezza sull’indirizzo che il Parlamento intende promuovere a livello internazionale".

Perciò i deputati di Fratelli d'Italia hanno chiesto al governo di impegnarsi:

1) a promuovere l’istituzione di un apposito Fondo, alimentato con risorse europee e delle nazioni alleate, volto a compensare i danni economici subiti dai singoli Stati conseguenti la crisi degli approvvigionamenti in atto;

2) a sollecitare la necessità di fissare un tetto al prezzo dei prodotti energetici nell’ambito dell’Unione e di istituire una centrale unica europea per l’acquisto del gas;

3) a garantire la piena applicazione delle premesse e degli impegni approvati dal Senato della Repubblica con la risoluzione n. 00208 e dalla Camera dei Deputati con la risoluzione n. 00207 in sostegno alla resistenza del Popolo Ucraino al fine di ottenere al più presto una pace giusta

4) a promuovere un Piano straordinario dell’Unione europea per l’autosufficienza alimentare del continente europeo.

Meloni e i suoi parlamentari chiedono aiuti economici per gli Stati europei, grazie a un fondo creato ad hoc, ma anche che si fissi un tetto al prezzo dell'energia – che poi è una delle maggiori cause della crisi economica – e si istituisca la centrale unica per acquistare il gas a livello europeo. Le risoluzioni a cui si fa riferimento sono quelle approvate a marzo, con il contributo di Fratelli d'Italia – che il presidente Draghi, va detto, ha ringraziato più volte per quel voto nel corso di questi mesi – ovvero quelle che prevedevano l'autorizzazione alla "cessione di apparati e strumenti militari che consentano all'Ucraina di esercitare il diritto alla legittima difesa e di proteggere la sua popolazione".

200 CONDIVISIONI
Di Maio contro la risoluzione del Movimento 5 Stelle sulle armi:
Di Maio contro la risoluzione del Movimento 5 Stelle sulle armi: "Sicurezza dell'Italia a rischio"
"Basta invio di armi all'Ucraina, lavorare a negoziato", la risoluzione di Sinistra Italiana
La Camera approva la risoluzione di maggioranza sull'Ucraina con 410 sì
La Camera approva la risoluzione di maggioranza sull'Ucraina con 410 sì
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni