Nei giorni in cui il dibattito politico è tutto – o quasi – appiattito sul caso della Sea Watch, la Lega cresce nei sondaggi. E tocca il suo record storico, con il 38% registrato dalla rilevazione di Swg per il Tg La7 del lunedì sera. Il partito di Matteo Salvini continua a guadagnare consensi (+0,8% in una settimana) e raggiunge, quindi, il 38%. Mai prima aveva fatto registrare un dato del genere, nonostante il grandissimo successo delle europee. A inseguire, a debita distanza, c’è invece il Partito Democratico, che si ferma al 22,6%, stabile rispetto alla settimana precedente. Continua invece la crisi del Movimento 5 Stelle, che passa dal 18% al 17,2%, quasi un punto percentuale in meno negli ultimi sette giorni.

Continua la difficoltà anche per Forza Italia, che perde ancora consensi dopo il già deludente risultato del 26 maggio e passa dal 6,6% al 6,5%. In lieve calo anche Fratelli d’Italia, che scende al 6,4% e resta dietro al partito di Silvio Berlusconi. Rimangono stabili, invece, sia +Europa con Italia in Comune (al 2,8%) che i Verdi (al 2,7%). Ancora in calo, invece, la Sinistra: passa dall’1,6% della scorsa settimana all’1,5% di oggi.

Il caso Sea Watch 3

Il sondaggio del Tg La7 prende in considerazione anche il parere degli italiani sul caso della Sea Watch 3 e su ciò che ha fatto la comandante Carola Rackete. Il 37% degli intervistati ritiene che la capitana abbia “sbagliato perché ha trasgredito la legge”. Il 15%, invece, crede che “abbia sbagliato perché i migranti non devono sbarcare in Italia”. Al contrario, ha fatto bene “perché è disumano lasciare a lungo i migranti sulla nave” secondo il 29% del campione. Infine, ritiene che abbia “fatto bene perché è sbagliata la decisione di bloccare i porti” l’11% degli intervistati. Non si esprime l’8%. In totale, quindi, ritiene sbagliata la decisione di Carola Rackete il 52% degli intervistati, la ritiene giusta il 40%.