1.025 CONDIVISIONI
Opinioni
16 Giugno 2017
14:33

Salvini apre a M5S: “Se sostiene le nostre posizioni è benvenuto”. Fico: “No, fattene una ragione”

Matteo Salvini apre a un’alleanza programmatica con il Movimento 5 Stelle: “Ovviamente l’alleanza naturale è quella di centrodestra. L’alleanza naturale è quella: chiunque altro sostenga le posizioni della Lega, ad esempio Grillo che sull’immigrazione dice ‘Basta, ce ne sono troppi’, va bene, benvenuti”.
A cura di Charlotte Matteini
1.025 CONDIVISIONI

Nella giornata di giovedì 16 giugno la notizia del presunto vertice segreto tra Matteo Salvini e Davide Casaleggio ha scatenato un’accesissima polemica politica e mediatica. Il Movimento 5 Stelle, capitanato dallo stesso Casaleggio parte in causa e da Luigi Di Maio, si è duramente scontrato con il quotidiano Repubblica, che ha diffuso la notizia. Nel corso della giornata, tra smentite e querele annunciate e minacciate, entrambe le parti in causa hanno sostenuto che alcun vertice abbia mai avuto luogo tra Lega e Movimento 5 Stelle. L’ufficio stampa di Matteo Salvini ha dichiarato: “Al contrario di quanto scrive il quotidiano La Repubblica oggi non c’è mai stato un incontro tra il segretario della Lega Matteo Salvini e Davide Casaleggio. È l’ennesima fantasia giornalistica. Non si esclude, comunque, che in futuro i due possano vedersi”.

La smentita arriva anche da Davide Casaleggio, che con due post pubblicati sul Blog di Beppe Grillo a qualche ora di distanza spiega che la notizia sarebbe destituita di ogni fondamento e dichiara di essere intenzionato a procedere in sede giudiziaria qualora il direttore di Repubblica perseveri nel sostenerne la veridicità.

Nella giornata di oggi, però, Matteo Salvini torna ad aprire a una convergenza d'intenti con il Movimento 5 Stelle, riproponendo la stessa posizione esposta nella nota stampa di smentita: “Prima bisogna eleggere i sindaci, che sono la parte più importante della politica. Di tutto il resto, della legge elettorale e di Grillo, parleremo dal 26 giugno in poi”, ha dichiarato il leader del Carroccio parlando a Tgcom24.

"Ascolterò tutti, non dico no a nessuno. Ovviamente l’alleanza naturale è quella di centrodestra. L’alleanza naturale è quella: chiunque altro sostenga le posizioni della Lega, ad esempio Grillo che sull’immigrazione dice ‘Basta, ce ne sono troppi’, va bene, benvenuti”.

"Oggi Salvini dice di essere pronto ad ascoltare tutti, compreso Beppe Grillo. Caro Salvini, vorrei rincuorarti sul fatto che tra il M5S e la Lega, tra Beppe e te, la distanza di visioni, idee, contenuti è siderale. Indecifrabile. Specie sulla questione migratoria: in Italia c'è un'emergenza che va contenuta e governata, a differenza di quanto fatto negli ultimi 20 anni dai partiti, attraverso misure di buon senso, che abbiamo già proposto in più occasioni in Parlamento. Ma i diritti umani per noi prevalgono sopra ogni cosa. Il M5S non parla di ruspe, il M5S non fa campagne criptofasciste, il M5S non crede che la soluzione ad ogni problema sia aggredire gli ultimi, chi ha meno chances di noi, chi vive nella difficoltà. Per il M5S nessuno deve restare indietro. Questa è una massima, che ogni singolo attivista segue ogni giorno, impegnandosi per il bene comune e per il Paese. Siamo due universi diversi, caro Salvini, fattene una ragione!", ha replicato a stretto giro il parlamentare pentastellato Roberto Fico.

1.025 CONDIVISIONI
Milanese, classe 1987, da sempre appassionata di politica. Il mio morboso interesse per la materia affonda le sue radici nel lontano 1993, in piena Tangentopoli, grazie a (o per colpa di) mio padre, che al posto di farmi vedere i cartoni animati, mi iniziò al magico mondo delle meraviglie costringendomi a seguire estenuanti maratone politiche. Dopo un'adolescenza turbolenta da pasionaria di sinistra, a 19 anni circa ho cominciato a mettere in discussione le mie idee e con il tempo sono diventata una liberale, liberista e libertaria convinta.
La posizione della Lega:
La posizione della Lega: "Siamo con Draghi, ma solo con nuova maggioranza e governo senza M5s"
M5S, Sibilia:
M5S, Sibilia: "No fiducia su Dl aiuti scelta coerente". Cioffi: "Non abbiamo paura del voto"
1.051.596 di Marco Billeci
Cosa succede se Draghi si dimette: elezioni anticipate o saranno i partiti a decidere?
Cosa succede se Draghi si dimette: elezioni anticipate o saranno i partiti a decidere?
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni