370 CONDIVISIONI
Crisi di Governo 2022
12 Luglio 2022
11:17

Quando e perché il governo Draghi può cadere e quali sono le date da tenere d’occhio

Il 14 luglio il decreto Aiuti arriverà in Senato e il Movimento 5 Stelle dovrà decidere che fare: votare la fiducia al governo Draghi o uscire. In ogni caso saranno settimane e mesi difficili per l’esecutivo, che viaggia in bilico col vuoto intorno. Il 17 e 18 settembre la Lega torna a Pontida, a inizio novembre ci saranno le elezioni in Sicilia ed entro il 31 dicembre va approvata la manovra.
A cura di Tommaso Coluzzi
370 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Crisi di Governo 2022

Il governo Draghi viaggia su un binario morto. In equilibrio instabile. Sospeso con il vuoto intorno, a destra e sinistra. Potrebbe cadere da un momento all'altro, schiantarsi o sopravvivere e continuare la sua corsa fino alla fine. Le variabili sono molte, forse troppe per fare una previsione che sia un minimo affidabile su ciò che succederà. Quello che è certo è che ci sono una serie di date spartiacque, delle svolte obbligate nel percorso del governo che – con il passare delle settimane – vedrà la tensione interna ed esterna aumentare esponenzialmente. Ma d'altronde questo si sapeva: una maggioranza che comprende quasi tutto l'arco parlamentare, a meno di un anno dalle elezioni politiche che – senza colpi di scena – si dovrebbero tenere tra marzo e maggio del 2023, alla scadenza naturale della legislatura.

La prima data a cui prestare massima attenzione è il 14 luglio, giovedì. Il decreto Aiuti arriverà alla votazione finale in Senato e – per il Movimento 5 Stelle e non solo – sarà impossibile votare la fiducia separata rispetto al provvedimento, come successo alla Camera. A Palazzo Madama il voto è unico. Al momento tra i pentastellati l'idea è quella di non partecipare, ma Draghi vorrebbe provare a recuperare – dopo essere salito al Colle da Mattarella ieri – per ottenere la fiducia compatta della sua maggioranza. In ogni caso i grillini non si presenteranno in Aula per votare no alla fiducia, ma quanto accadrà in Senato nei prossimi giorni influenzerà le prossime settimane e i prossimi mesi.

Ammesso che il governo sopravviva all'estate, i nodi irrisolti si ripresenteranno tali e quali a settembre. Il 17 e 18 settembre la Lega torna a Pontida e se il Movimento continuerà a far ballare il governo Salvini dovrà rispondere a tono. Il leader del Carroccio non può permettersi che i 5 Stelle passino all'opposizione. Poi c'è la manovra da scrivere e approvare entro il 31 dicembre, e non sarà affatto semplice. Torneranno i temi divisivi come il Superbonus, il salario minimo, il reddito di cittadinanza. Con le elezioni regionali in Sicilia – per cui non c'è ancora la data, ma saranno intorno al 5 novembre, giorno dell'ultimo voto nel 2017 – che riporteranno in piazza i leader per l'inizio vero e proprio della campagna elettorale per le politiche.

Quando potrebbe arrivare, dunque, la crisi di governo vera e propria? Lo strappo in estate con il voto in autunno resta l'unica ipotesi in piedi in questo momento per arrivare al voto anticipato, mentre un po' tutto il governo alza i toni, da Forza Italia a Italia Viva. Se si dovesse arrivare a settembre/ottobre in questa situazione si finirebbe per rischiare l'esercizio provvisorio – in caso di crisi – per anticipare le elezioni, nella migliore delle ipotesi, di qualche mese. Insomma, attenzione a quello che accadrà in Senato giovedì e poi alle prossime settimane. Ma il periodo più caldo sarà l'autunno, quando – con un colpo di vento – potrebbe venir giù tutto.

370 CONDIVISIONI
342 contenuti su questa storia
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Delmastro (Fdi) a Fanpage:
Delmastro (Fdi) a Fanpage: "Noi dalla parte dell'Ucraina, Putin festeggia quando il popolo non vota"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni