1.960 CONDIVISIONI
Crisi di Governo 2022
9 Luglio 2022
11:29

Crisi di governo 2022, cosa succede se Draghi cade e quando si potrebbe andare a votare

La prossima settimana il passaggio in Senato del decreto Aiuti può scatenare la crisi di governo. Il Movimento 5 Stelle può strappare o tirarsi indietro, ma il malumore serpeggia anche nella Lega. Ci sono diversi scenari da qui alle elezioni del 2023, sempre che non si voti prima.
A cura di Tommaso Coluzzi
1.960 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Crisi di Governo 2022

Il governo Draghi rischia davvero di cadere? La risposta breve è sì, con mille ma. La settimana prossima rappresenterà il primo spartiacque cruciale nella volata che porterà alle elezioni del 2023 (forse), e sarà fondamentale per capire se ci arriveremo con Draghi a Palazzo Chigi e questa maggioranza a sostenerlo. Il decreto Aiuti arriverà in Senato martedì – dopo il voto finale alla Camera lunedì – e il governo chiederà nuovamente la fiducia. Giuseppe Conte è stato chiaro: il Movimento 5 Stelle ha votato sì a Montecitorio, ma a Palazzo Madama si vedrà. Il leader grillino osserva con attenzione le mosse di Draghi, a cui ha consegnato una lista di provvedimenti e richieste su cui il suo partito non è disposto a transigere. Il presidente del Consiglio darà una risposta, ma già nelle scorse settimane l'ha detto senza giri di parole: il suo governo non esiste senza Movimento 5 Stelle.

Le possibili cause di una crisi di governo

Perciò cosa succederà nelle prossime settimane al governo Draghi? Ci sono diverse ipotesi in campo, strade che – se imboccate – ne escludono automaticamente altre. Se il Movimento 5 Stelle non votasse la fiducia al governo Draghi la settimana prossima in Senato e Conte aprisse la crisi, ad esempio, ci sarebbero diverse strade: il presidente del Consiglio va avanti con una maggioranza meno ampia ma comunque solida, anche se lui stesso ha già negato ripetutamente questa ipotesi, magari con un piccolo rimpasto nell'esecutivo; oppure si apre la crisi di governo, Draghi saluta e il Presidente Mattarella decide di andare al voto, realisticamente a settembre, prima della sessione di Bilancio; Mattarella, infine, potrebbe anche decidere di affidare l'incarico a un traghettatore, un'altra figura super partes di unità nazionale, per arrivare al 2023.

Cosa può succedere a settembre

Se il Movimento 5 Stelle, invece, decidesse di votare sì alla fiducia in Senato – ipotesi che continua a sembrare a tutti la più credibile al momento – si andrebbe avanti in questa situazione di altissima tensione, almeno per qualche altro mese. Settembre, poi, rischia di essere un mese caldissimo per il governo. È il periodo dei ritorni: si ritorna dopo l'estate, Salvini ritorna a Pontida, i nodi non sciolti tornano sul tavolo. C'è la legge di Bilancio da cominciare a scrivere. In caso di crisi a settembre, con lo strappo che oltre che dal Movimento 5 Stelle potrebbe arrivare a quel punto anche dalla Lega, le elezioni potrebbero tenersi a novembre. Oppure, come ci siamo detti prima, Draghi bis o nuovo governo tecnico.

Quando si vota se il governo non cade

Infine c'è l'opzione sulla carta più semplice – che in realtà non lo è affatto – rimasta in campo: il governo Draghi resiste fino alle elezioni del 2023, sopportando mesi di campagna elettorale, rilanci e fibrillazioni che sono cominciati già un anno prima. Insomma, tutte le strade portano al voto ovviamente. Ma bisognerà capire in che anno.

1.960 CONDIVISIONI
342 contenuti su questa storia
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Delmastro (Fdi) a Fanpage:
Delmastro (Fdi) a Fanpage: "Noi dalla parte dell'Ucraina, Putin festeggia quando il popolo non vota"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni