662 CONDIVISIONI
7 Novembre 2011
14:22

Governo Berlusconi ultimo atto: la diretta di una lunga giornata

Oggi il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi potrebbe rassegnare le proprie dimissioni.Lo conferma anche il direttore del Foglio Giuliano Ferrara, ma Berlusconi su facebook smentisce tutto.
A cura di Alfonso Biondi
662 CONDIVISIONI

Le voci sulle possibili dimissioni di Silvio Berlusconi continuano a circolare con sempre maggiore insistenza. La nave sta continuando a imbarcare acqua da tutte le parti e sono in molti ad abbandonarla per lidi decisamente più tranquilli come l'Udc o il gruppo misto. Che la situazione sia pressoché drammatica lo ha ammesso anche il direttore del Foglio Giuliano Ferrara, preannunciando il passo indietro del Capo del governo: "Che Berlusconi stia per cedere il passo ormai è una cosa acclarata. Si tratta di ore, qualcuno dice perfino di minuti" scrive Ferrara sull'edizione on line del suo quotidiano. Intanto, dopo le voci sulle dimissioni del premier, si è registrata l'impennata di Piazza Affari che al momento guadagna più del 2% (questa mattina perdeva lo 0,5%). Torna a scendere anche lo spread che, dopo il record negativo di questa mattina a 491, staziona sui 472 punti.

18.32- Vendola su facebook: "Conta poco che al voto di domani il governo si salvi per un voto o crolli: resta lo stile con cui, il giorno prima della fuga, si giura sulla vittoria. Come i ristoranti pieni, perché la crisi non c’è. L’importante è dirle, certe balle. Poi si vedrà. (Claudio Fava)"

18.16- Nella telefonata tra Bechis e il dirigente del Pdl (qualcuno dice si tratti di Crosetto), quest'ultimo parlerebbe della posizione dell'Udc: "Lui (Berlusconi) propone Gianni Letta ma l'Udc non l'accetta, perché l'Udc vuole anche il Pd e noi non possiamo accettarlo."

16.57- La telefonata tra Franco Bechis, vicedirettore di Libero e un dirigente nazionale del Pdl chiarisce le intenzioni di Berlusconi e del partito:

16.05- Calderoli ad Arcore. Il ministro per la semplificazione Roberto Calderoli si trova a Villa San Martino per un vertice con Silvio Berlusconi.

16.03- Vertice della Lega in via Bellerio. I dirigenti del partito si sono riuniti per fare il punto della situazione.

15.32- D'Alema: "Pd pronto a sostenere governo di larghe intese". Massimo D'Alema ha confermato che nel caso si optasse per un governo di unità nazionale il Partito Demcratico farà la sua parte: ""Il Pd è pronto per tutto quello che si deve fare. Se sarà possibile costituire un governo di larghe intese o di unità nazionale per salvare il paese, abbiamo dichiarato che siamo disponibili a sostenerlo"

15.22-  Scotti sarebbe pronto alle dimissioni. Il sottosegretario avrebbe inviato una lettera alla Farnesina nella quale prospetta questa possibilità, anche a seguito degli attacchi de Il Giornale che lo accusato di invocare le dimissioni di Berlusconi ma di tenersi stretto la poltrona.

15.19- D'Alema: "Berlusconi non è più in grado di governare". Secondo D'Alema la "resistenza oltre ogni logica da parte del presidente del Consiglio è una manifestazione di arroganza e di mancanza di amore verso il nostro Paese".

15.16- Rutelli: "Serve qualcosa in più di Gianni Letta". Il nome del sottosegretario Gianni Letta sembra dividere il Terzo Polo: Casini sembra gradire; Rutelli, pur nutrendo grande stima per Letta, ha detto di aspettarsi "una discontinuità".

14.33- Rotondi: "Ottimista sul futuro del governo". Il Ministro Gianfranco Rotondi ha smentito le voci di un passo indietro da parte di Berlusconi."Si continua a lavorare alle ricette giuste,siamo sereni e continuiamo il nostro lavoro" ha poi aggiunto.

14.22- Berlusconi gioca le sue ultime carte e nega di voler lasciare. E' questo il titolo col quale la Reuters edizione Stati Uniti presenta quanto sta accadendo in Italia.

14.14- Casini su twitter: "Da parte dell'UDC nessuna valutazione sull'ipotesi di Letta Premier se Berlusconi si dimette. Il nome lo decide Napolitano".

14.08- Berlusconi: "Voglio vedere in faccia chi prova a tradirmi". Così il Cavaliere a Libero. "Non capisco come siano circolate le voci delle mie dimissioni, sono destituite di ogni fondamento" si è poi meravigliato.

13.58- Domani si voterà il rendiconto, poi fiducia sul maxiemendamento. E' questo quanto sottolineato dal Presiente del Consiglio Silvio Berlusconi al quotidiano Libero.

13.49- Domani opposizioni riunite a Montecitorio per decidere sul da farsi. Verrà stabilita una linea comune riguardo alla votazione sul rendiconto dello Stato che si terrà nel pomeriggio. Allo studio anche una mozione di sfiducia nei confronti di Berlusconi.

13.46- Casini: "Letta gode di massima stima". Il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini ha fatto sapere che il Terzo polo non ha effettuato "alcuna valutazione sull'ipotesi di un governo presieduto dal dott. Letta che comunque gode della massima stima".

13.41- Ferrara:" Berlusconi si dimetterà dopo la fiducia". Sull'edizione on line del Foglio.it, Ferrara scrive: "Berlusconi si presenta alle Camere, chiede la fiducia per varare la legge di stabilità e il maxiemendamento, annuncia che si dimetterà un minuto dopo e che chiede le elezioni a gennaio. Di questo si discute".

13.39- Il portale businessinsider.com mostra come le indiscrezioni sulle possibili dimissioni di Silvio Berlusconi e la successiva smentita abbiano influito sull'andamento della borsa di Milano.

13.29- Ripartire da Mario Monti. e' questo il titolo principale dell'edizione on line di Famiglia cristiana.

13.24- Dopo la smentita torna a salire lo spread. A seguito della smentita di Berlusconi sulle proprie dimissioni, lo spread è tornato ad aumentare: ora è a 477 punti. Frena anche la borsa di Milano che guadagna l'1,7%.

13.19- Berlusconi smentisce tutto su Facebook: "Le voci di mie dimissioni sono destituite di fondamento" scrive il Presidente del Consiglio su facebook

662 CONDIVISIONI
Incontro tra governo e sindacati, verso sospensione per imprese che violano le norme di sicurezza
Incontro tra governo e sindacati, verso sospensione per imprese che violano le norme di sicurezza
Conte dice che la Lega è in confusione totale e rischia di danneggiare il governo
Conte dice che la Lega è in confusione totale e rischia di danneggiare il governo
Green pass per scuola e trasporti, arriva via libera definitivo: governo incassa fiducia al Senato
Green pass per scuola e trasporti, arriva via libera definitivo: governo incassa fiducia al Senato
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni