29 Ottobre 22:43 Attentato Nizza, il killer aveva la tessera della Croce Rossa italiana

L'attentatore della cattedrale di Notre Dame a Nizza aveva in tasca una tessera della Croce Rossa italiana contenente le sue generalità attraverso la quale gli inquirenti francesi hanno potuto identificarlo e riscostruire la sua storia. Lo ha dichiarato in conferenza stampa Jean-Francois Ricard, il capo della Procura Nazionale Antiterrorismo francese. La tessera, che gli era stata fornita al suo arrivo in Italia, ritrovata tra gli effetti personali di Brahim Aoussaoui tra cui anche un Corano, due telefoni, un coltello con una lama di 17 centimetri e altri due coltelli non utilizzati.

29 Ottobre 22:27 Nizza, massima attenzione su obiettivi francesi in Italia

Massima attenzione sugli obiettivi francesi in Italia e allerta per il personale delle forze di polizia impegnate sul territorio. E' quanto prevede una circolare del capo della Polizia Franco Gabrielli inviata a prefetti e questori dopo l'attentato a Nizza. Quanto avvenuto in Francia è stato analizzato durante una riunione del Comitato di analisi strategica antiterrorismo (Casa) nel corso della quale l'intelligence ha segnalato la necessità di rafforzare le misure di sicurezza in prossimità delle sedi istituzionali francesi. Al momento, viene sottolineato in ambienti del Viminale, su questi obiettivi c'è già il massimo livello di protezione – con una vigilanza fissa dell'Esercito e una vigilanza dinamica delle forze di polizia – e, dunque, va mantenuta alta l'attenzione. Il dispositivo di protezione potrebbe comunque essere rimodulato nelle prossime ore.

29 Ottobre 21:27 Il sacrestano e le due donne: chi sono le tre vittime dell’attentato di Nizza

C'è anche il sacrestano della Basilica di Notre-Dame di Nizza tra le tre vittime assassinate stamattina in un brutale attentato nella città francese. L'uomo si chiama Vincent Loquès,  aveva 55 anni ed era padre di due figli.  Impiegato laico della parrocchia da dieci anni, "era conosciuto da tutti per il suo immenso cuore e la sua generosità ha ricordato il sindaco di Nizza Christian Estrosi. Loquès, che veniva dal villaggio di Saint-Étienne-de-Tinée, nell'entroterra di Nizza, è stato ucciso insieme a due donne che si trovavano nella basilica al momento dell'attacco. La prima era un'anziana sulla settantina, giunta in chiesa la mattina per pregare. La seconda e una donna  pugnalata all'interno della chiesa e poi morta per via delle ferite.

29 Ottobre 21:17 Viminale: “Attentatore di Nizza mai segnalato come pericoloso dall’intelligence”

"L'uomo che ha assassinato tre persone a Nizza, identificato nel tunisino Aouissa Brahim di 21 anni, clandestinamente sbarcato a Lampedusa il 20 settembre scorso e successivamente destinatario il 9 ottobre di un decreto di respingimento con ordine del questore di abbandonare il territorio nazionale entro 7 giorni, non era mai stato segnalato dalle autorità tunisine, al contrario di altri, e non era neanche segnalato sotto il profilo della sicurezza nei canali di intelligence". Lo si apprende da fonti del Viminale dopo le polemiche seguite alla scoperta che in Italia era stato lasciato libero.

29 Ottobre 19:17 Attentatore di Nizza era stato indagato ad Agrigento per Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

L’attentatore tunisino di Nizza, Brahim Aoussaoui, 21 anni, dopo il suo arrivo a Lampedusa, lo scorso 20 settembre, come apprende l'Adnkronos, era stato indagato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Con lui vennero iscritti nel registro degli indagati anche gli altri connazionali arrivati quel giorno sull'isola delle Pelagie. Quel giorno arrivarono a Lampedusa una ventina di barconi con a bordo soprattutto tunisini, tra cui il terrorista.

29 Ottobre 18:05 Killer sbarcato a Lampedusa: Salvini e Meloni chiedono dimissioni di Lamorgese

Matteo Salvini e Giorgia Meloni chiedono le dimissioni della ministra dell’Interno Lamorgese dopo la scoperta che l’attentatore di Nizza, che ha ucciso questa mattina tre persone con un coltello, era arrivato a Lampedusa con un barcone a inizio ottobre, insieme ad altri migranti approdati sull’isola. Se questa notizia dovesse essere confermata sarebbe di una gravità inaudita ed esporrebbe la nostra Nazione al rischio di isolamento. È uno scenario che FdI da tempo denuncia e che potrebbe concretizzarsi a causa della furia immigrazionista di questo Esecutivo. Conte, Di Maio, Lamorgese: di fronte a un'accusa gravissima l'Esecutivo è obbligato a rispondere", ha scritto su Facebook la presidente di Fratelli d'Italia Meloni.

29 Ottobre 16:54 Papa Francesco: “La Francia reagisca al male col bene”

"Sono vicino alla comunità cattolica di Nizza, in lutto per l’attacco che ha seminato morte in un luogo di preghiera e di consolazione. Prego per le vittime, per le loro famiglie e per l’amato popolo francese, perché possa reagire al male con il bene". Ascriverlo su Twitter Papa Francesco. Stamattina una nota diffusa dal direttore della Sala Stampa vaticana, Matteo Bruni, affermava che "il Papa è informato della situazione ed è vicino alla comunità cattolica in lutto. Prega per le vittime e per i loro cari, perché la violenza cessi, perché si torni a guardarsi come fratelli e sorelle e non come nemici, perché l’amato popolo francese possa reagire unito al male con il bene".

29 Ottobre 16:32 L’attentatore di Nizza era sbarcato a Lampedusa meno di un mese fa

Aouissaoui Bahrain, l'uomo che questa mattina ha compiuto l'attentato nella cattedrale di Notre Dame di Nizza, lo scorso 9 ottobre era a Bari dopo essere arrivato a Lampedusa ed essere stato trasferito nel centro di identificazione pugliese. Lo rivela il Corriere della Sera, spiegando che si stanno ora approfondendo le circostanze che l'hanno poi portato in Francia. In tasca – come conferma anche Le Parisien – gli hanno trovato un foglio rilasciato dalla Croce Rossa Italiana, documento che ha permesso agli inquirenti francesi di identificarlo. Al momento si sa che Aouissaoui Bahrain è nato in Tunisia il 29 marzo del 1999 ed è arrivato agli inizi di ottobre a Lampedusa. Fotosegnalato a Bari, è stato inserito nei terminali per "illecito ingresso in territorio nazionale".

29 Ottobre 16:21 L’ex premier malese contro la Francia: “Non rispetta l’Islam”

Con una lunga serie di tweet Mahathir Mohamad – primo ministro malese in carica fino allo scorso marzo – ha criticato l'atteggiamento delle Francia delle ultime settimane nei confronti del mondo musulmano, oggetto di alcune vignette satiriche. Dopo aver ricordato l'assassinio del professor Samuel Paty ad opera di un giovane ceceno il politico ha dichiarato: "L'omicidio non è un atto che come musulmano approverei. Ma mentre credo nella libertà di espressione, non credo in quella di insultare le persone. Non puoi andare da un uomo e maledirlo semplicemente perché credi nella libertà di parola". Proseguendo Mohamad ha aggiunto: "L'Occidente non aderisce più alla propria religione. Sono cristiani solo di nome e questo è il loro diritto. Ma non devono mancare di rispetto per i valori degli altri, per le religioni altrui".

29 Ottobre 15:56 Macron annuncia il raddoppio dei militari in strade e luoghi sensibili

Il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, ha denunciato "un attentato terroristico islamista" oggi a Nizza ed ha garantito il "sostegno ai cattolici da tutto il Paese", annunciando inoltre il passaggio da 3.000 a 7.000 dei militari dell'operazione ‘Sentinelle', preposta alla sorveglianza armata antiterrorismo ad opera dell'esercito. Dal 2015, dopo gli attentati, i militari sono stati chiamati di rinforzo per la sorveglianza nelle strade e ai luoghi sensibili.

29 Ottobre 15:48 La Turchia: “Parigi eviti retorica incendiaria contro i musulmani”

"Chiediamo alla leadership francese di evitare un'ulteriore retorica incendiaria contro i musulmani e di concentrarsi, invece, sulla ricerca dei responsabili di questo e di altri atti di violenza". È quanto si legge in una serie di tweet diffusi dal responsabile della comunicazione della presidenza turca, Fahrettin Altun, con la richiesta ai "sensibili in Francia di lavorare per costruire ponti per prevenire la creazione di un clima ostile". "Come ha spesso detto il nostro presidente Erdogan, l'Islam non può essere usato in nome del terrorismo", si legge in un altro tweet, con la condanna "incondizionata" all' "attacco terroristico" di Nizza. Una "violenza insensata che non ha nulla a che vedere con l'Islam o i musulmani".

29 Ottobre 15:37 Come sono state uccise le tre vittime dell’attentato di Nizza

Ecco cosa sappiamo delle tre vittime dell'attentato di Nizza: la prima – una donna – è stata sgozzata all'interno della cattedrale. L'autore dell'attacco ha tentato di decapitarla senza riuscirci. Anche la seconda – un sacrestano della basilica, un uomo laico di 45 anni – è stata uccisa nell'edificio con una coltellata. La terza vittima è una donna: dopo essere stata gravemente ferita in chiesa ha cercato rifugio in un bar delle vicinanze ma è morta poco dopo.

29 Ottobre 15:11 Lione, minacciava i passanti con un coltello di 30 centimetri: arrestato

Un uomo afghano armato di un coltello con una lama lunga trenta centimetri è stato arrestato dalla polizia a Lione perché minacciava i passanti. L'uomo stava per agire, ha riferito una fonte giudiziaria, che parla di "un grave" episodio, avvenuto poco dopo l'attacco alla cattedrale di Nizza.

29 Ottobre 14:38 Un arresto a Lione, minacciava passanti con coltello

Un uomo è stato arrestato a Lione, in Francia, perché minacciava i passanti con un coltello. L'uomo aveva un coltello di 30 centimetri. Lo riferiscono media locali nella città francese.

29 Ottobre 13:50 Per l’episodio di Avignone esclusa la pista del terrorismo

L'episodio di Avignone, dove un uomo che minacciava dei poliziotti è stato ucciso nei pressi dell'ospedale psichiatrico di Montfavet, non è oggetto di indagini della procura antiterrorismo. Stando alle informazioni del quotidiano locale Midi Libre, l'individuo che ha minacciato gli agenti aveva una pistola che poteva essere un'arma giocattolo ed ha "pronunciato frasi incoerenti, ma non a connotazione religiosa". In un primo momento, secondo informazioni di Europe 1, era stato annunciato che si trattava di un uomo armato di un coltello che aveva gridato Allah Akbar.

29 Ottobre 13:26 Solidarietà dei musulmani francesi: “Cancelliamo i festeggiamenti per la nascita di Maometto”

"Condanniamo fermamente l'attacco terroristico avvenuto nella basilica di Notre-Dame a Nizza. In segno di lutto e solidarietà con le vittime e i loro parenti, chiediamo ai musulmani di Francia di cancellare tutti i festeggiamenti della festa di Mawlid (che nell'Islam commemora la nascita del Profeta Muhammad, ndr)". A dichiararlo il CFCM, Consiglio Francese per il culto musulmano.

29 Ottobre 13:12 Il premier francese Jean Castex: “Alto rischio di attentato imminente”

Il primo ministro francese, Jean Castex, ha annunciato di fronte ai deputati in Assemblée Nationale, che sarà varato subito il piano "Vigipirate" di allerta antiterrorismo in tutto il paese al suo "massimo livello", quello denominato "attentato imminente". Castex, riferendo sull'attentato di Nizza dopo aver sospeso la seduta sull'instaurazione del lockdown per recarsi alla cellula di crisi al ministero dell'Interno, ha detto che "la risposta della Francia sarà ferma, implacabile e immediata".

29 Ottobre 13:02 Cosa sappiamo dell’attentatore di Nizza: ha 23 anni e si chiamerebbe Brahim

L'assalitore di Nizza si chiamerebbe ‘Brahim' e ha parlato in arabo alla polizia che lo ha neutralizzato. In ospedale ha detto di aver agito da solo. L'uomo avrebbe 23 anni e questa mattina si è introdotto con un coltello nella cattedrale di Notre Dame di Nizza uccidendo tre persone. Prima di essere "neutralizzato" dalla polizia all'esterno dell'edificio ha ripetutamente gridato Allahou Akbar. Portato in ospedale, è stato ricoverato in terapia intensiva. Al momento del suo arresto non aveva con sé documenti d'identità. Le sue impronte digitali potrebbero rivelare di più sul suo profilo.

29 Ottobre 12:56 In Francia torna alta l’allerta attentati

La Francia riattiva lo stato d'emergenza attentati: è quanto riporta il sito internet di radio Europe 1. Il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin ha inoltre inviato un telegramma ai prefetti. Oggetto: "Rafforzamento della sorveglianza dei luoghi di culto dopo l'attacco all'arma bianca a Nizza".

29 Ottobre 12:54 Il governo turco: “Condanniamo con forza l’attentato di Nizza”

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan (Gettyimages)
in foto: Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan (Gettyimages)

La Turchia ha condannato "con forza" l'attentato di oggi a Nizza. "Nessun motivo può giustificare l'uccisione di una persona né la violenza. È evidente che chi organizza un tale attacco brutale in un luogo di culto sacro non ha valori religiosi, umanitari e morali", scrive in una nota il ministero degli Esteri di Ankara. "Siamo solidali con il popolo francese, e in particolare con i cittadini di Nizza, contro il terrorismo e la violenza", aggiunge la Turchia, protagonista negli ultimi giorni di dure accuse di "islamofobia" alla Francia per le vignette su Maometto di Charlie Hebdo.

29 Ottobre 12:45 Le ultime parole di una delle vittime: “Dite ai miei figli che li amo”

“Dite ai miei figli che li amo”: sono state queste le ultime parole pronunciate prima di morire della donna trovata in fin di vita in un bar accanto alla cattedrale di Nizza dove si era rifugiata dopo essere stata colpita alla gola dal killer, che ha ucciso anche altre due persone. Lo hanno reso noto testimoni a BFM-TV.

29 Ottobre 12:34 Attacco anche al consolato francese a Gedda (Arabia Saudita), ferita una guardia

Non solo Nizza e Avignone: un altro attacco è stato infatti condotto diverse migliaia di chilometri di distanza dalla Francia, presso il consolato francese di Gedda in Arabia Saudita. Una guardia di sicurezza è stata ferita con un coltello, il suo aggressore è stato arrestato.

29 Ottobre 12:29 Il momento dell’arresto dell’attentatore di Nizza

Il momento dell'arresto dell'attentatore di Nizza: l'uomo, 23 anni, è stato gravemente ferito dalla polizia ed è ora ricoverato in terapia intensiva. Ignoto il movente del suo attacco.

29 Ottobre 12:18 Avignone, uomo tenta di attaccare dei poliziotti in strada: ucciso

Un uomo armato di un coltello è stato ucciso dalla polizia ad Avignone: è quanto rende note radio Europe 1, precisando che l'uomo avrebbe tentato di attaccare dei poliziotti in strada intorno alle 11:15. L'aggressore avrebbe gridato ‘Allah Akbar'.

29 Ottobre 09:53 Attacco a Nizza, tre morti nella cattedrale di Notre Dame: sgozzati un uomo e due donne

 

Orrore in Francia, dove tre persone sono state uccise con un coltello nella cattedrale di Notre Dame, nel centro di Nizza, in Avenue Jean-Medecin; a renderlo noto il quotidiano Nice Matin, secondo cui ci sarebbero anche altri feriti. Le vittime sarebbero state sgozzate. L'aggressore è stato bloccato e ferito dalla polizia, poi trasportato in ospedale: subito dopo aver commesso il triplice omicidio ha cercato di nascondersi nel bagno della chiesa e lì avrebbe ripetutamente urlato Allahu akbar. Sono in corso indagini per accertare se abbia avuto un complice. Il centro di Nizza è stato chiuso e in città l'allarme è ai massimi livelli. Gérald Darmanin, ministro dell'interno, ha annunciato su Twitter che stava recando a una riunione di crisi al ministero. Si indaga per terrorismo, omicidio e tentato omicidio.

Stando a quanto accertato i corpi di due delle tre vittime sarebbero stati trovati nella cattedrale, ed uno apparterrebbe al suo custode. Il terzo corpo è stato invece trovato in un bar accanto al luogo di culto. Un testimone intervistato da Nice Matin, impiegato in un ufficio di fronte alla cattedrale, ha assistito dalla finestra all'assalto della polizia. "I miei colleghi stavano fumando al piano di sotto quando si sono affrettati a rientrare in ufficio raccontando che fuori c'era un pazzo. Abbiamo sentito diversi spari, sei o sette, provenire dalla cattedrale. Molti di noi si sono barricati nei nostri uffici, è molto angosciante. Abbiamo visto la polizia e i reparti speciali entrare in chiesa".

 

In Francia allerta terrorismo ai massimi livelli

Secondo le autorità francesi quello di Nizza sarebbe un attentato terroristico anche se il movente è ancora sconosciuto. Da settimane in Francia il livello di allerta è ai massimi livelli dopo l'attacco vicino alla vecchia sede di Charlie Hebdo e l'assassinio di Samuel Paty , professore di storia e geografia a Conflans-Sainte-Honorine. All'inizio della settimana, il capo della polizia ha invitato a prestare la massima attenzione, indicando in un telegramma indirizzato alle direzioni e ai servizi centrali che "la Francia è oggetto di una forte e costante minaccia terroristica". Questa minaccia è stata confermata due giorni fa in un comunicato dell'agenzia Thabat, vicina all'organizzazione di Al-Qaeda, che ha denunciato la pubblicazione delle vignette del Profeta Maometto. Il Presidente della Repubblica ha ricordato che tali vignette continueranno ad essere distribuite in nome della libertà di espressione.

Proprio ieri il primo cittadino di Nizza Christian Estrosi nella sua veste di Presidente della rete delle Città Euromed aveva lanciato una mobilitazione europea contro il terrorismo e l’odio on line"Il movimento delle città d'Europa e del Mediterraneo che ho avviato dopo gli attentati di Nizza e Barcellona non si sta indebolendo. La commissaria europea per la sicurezza Ylva Johansson lo ha compreso ed ha concordato, su mia richiesta, di sottolineare il ruolo delle autorità locali e regionali nella nuova strategia di sicurezza interna dell'UE. Mentre il Primo Ministro francese Jean Castex si è recato a Bruxelles per discutere dell'odio online e sulla regolamentazione delle piattaforme digitali. E’ essenziale che il diritto europeo si rafforzi in questo settore e che i sindaci siano coinvolti per assicurare alle azioni, che verranno intraprese, il massimo della partecipazione dei cittadini”.