"L’attività politica non si svolge solo in Parlamento. Io l’ho detto fin dall’inizio, anche in campagna elettorale, che il mio ruolo, più che quello di parlamentare, sarebbe stato quello di testimonial a difesa degli oceani. D’altronde, ci sono un sacco di parlamentari che vanno alla Camera e passano il loro tempo a farsi i selfie in aula. Io no, ho altro da fare". A dirlo, in un'intervista alla "Nuova Sardegna", è il deputato del Movimento 5 Stelle Andrea Mura. Mura, classe ‘64, è un velista professionista e ha collezionato successi e record nelle diverse classi a livello italiano, europeo e mondiale.

Pochi giorni fa è intervenuto sulla questione il deputato di Forza Italia Ugo Cappellaci, ex presidente della Sardegna battuto da Mura 38,5% a 32,7% nel collegio di Cagliari (ma poi ripescato nella quota proporzionale), citando i dati del monitoraggio di OpenParlamento sulle votazioni elettroniche valide svolte in Parlamento. Su Facebook ha scritto: "Andrea Mura, hai perso la rotta? In pochi mesi hai partecipato ad appena il 3,64 % delle votazioni, contro il mio 99,5%. Sei stato assente a ben 212 votazioni! Sei proprio un campione di vela, ma nel senso “scolastico” del termine. Dove è la serietà di cui parlavi in campagna elettorale? E dimmi, hai rinunciato alla indennità nei mesi in cui eri assente? Non mi risulta…..".

Ma il deputato del Movimento 5 Stelle ha spiegato di andare alla Camera "una volta alla settimana, per la commissione Trasporti. Capisco l’incredulità, ma io l’ho detto fin dall’inizio al Movimento". Da novembre Mura sarà impegnato nella Route du Rhum, la famosa regata transatlantica che si svolge ogni quattro anni. "Userò la mia imbarcazione davanti a due milioni e mezzo di spettatori e a 90 milioni di telecamere per trasmettere un messaggio fondamentale: salvate gli oceani dalle microplastiche. Per la prima volta uno sportivo ancora in attività sarà testimonial della Camera dei Deputati su un tema che interessa tutti". Il velista-deputato ha sottolineato peraltro che "con la maggioranza schiacciante che i Cinque Stelle hanno alla Camera, che io sia presente o meno non fa alcuna differenza", mentre sul suo stipendio ha dichiarato: "È probabile che quei soldi finiscano nel fondo microcredito istituito dal M5S. Ci sto pensando".

Cappellacci ha replicato parlando di Mura come del "testimonial della casta a 5 stelle" e lo ha invitato a dimettersi per andare "a fare la spalla agli spettacoli di Beppe Grillo". E ha aggiunto: "o Mura non capisce quello che dice, e allora avrebbe bisogno di un trattamento sanitario obbligatorio, oppure sa bene quello che fa ed allora farebbe meglio a dimettersi e dedicarsi al cabaret. Se pensa di prendere in giro i sardi con queste supercazzole, è proprio uno stolto".

Quando era candidato Mura aveva dichiarato: "Se solo Cappellacci avesse avesse provato a portarmi dalla sua parte probabilmente oggi non sarei qui". Il suo "caro amico e vecchia volpe", Cappellacci, secondo la definizione data dallo stesso velista, aveva poi replicato: "Circa due settimane fa Mura mi ha chiamato per chiedermi di essere candidato in un collegio sicuro, ma non potendo noi garantirgli nulla in tal senso non siamo riusciti a concretizzare l'accordo. Mai mi sarei aspettato che un velista del suo calibro accettasse la proposta dei Cinque stelle, principali artefici della bocciatura di Roma 2024 e del conseguente naufragio di Cagliari come sede delle regate olimpiche".